Val Lewton. Ho camminato con le ombre - Sebastiano Lucci - copertina

Val Lewton. Ho camminato con le ombre

Sebastiano Lucci

0 recensioni
Scrivi una recensione
Editore: Bulzoni
Collana: Cinema/Studio
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 1 luglio 2007
Pagine: 162 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788878702295
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 15,30

€ 18,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

È una delle personalità più creative della Hollywood anni quaranta. Intellettuale, giornalista, scrittore, sceneggiatore, produttore, ha saputo, nella sua breve ma intensa carriera, cogliere le nevrosi del pubblico dell'epoca. Nato in Russia nel 1904 e emigrato giovanissimo negli Stati Uniti, svolge svariati lavori a Hollywood, fino a giungere alla "corte" di Selznick, di cui diventa per quasi un decennio stretto collaboratore. Tra il 1942 e il 1946, chiamato alla RKO per risollevare la situazione dello studio dopo i fallimenti economici di Welles, è responsabile della "Snake Pit Unit" per cui produce pellicole low budget, destinate a diventare cult movie per l'apporto all'evoluzione del genere horror-thriller. Allo stesso modo dei registi che realizzano i film (Tourneur, Robson e Wise) Lewton è da considerarsi anch'egli autore, in quanto contribuisce personalmente alle atmosfere notturne, claustrofobiche e inquietanti delle pellicole. I film prodotti si allontanano dalla dimensione mostruosa ed esotica degli horror della Universal, ma ritraggono un'America insolita, dove le certezze del sogno americano si contrappongono al malessere dell'uomo moderno. In gran parte realizzati in periodo bellico, i suoi film esplorano tematiche come la repressione sessuale, il suicidio, la morte, il conflitto generazionale, la sofferenza, la solitudine dell'uomo e soprattutto il suo atavico terrore per ciò che non comprende, la "macchia oscura" che lo accompagna nella sua dolorosa esistenza.
Note legali