Categorie

Laura Pariani

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2011
Pagine: 246 p. , Rilegato
  • EAN: 9788806210564
  Scrittrice raffinatissima, Laura Pariani occupa nella geografia della letteratura italiana d'oggi un posto assai preciso, che ha un suo corrispettivo all'altro capo dell'Italia solo in Maria Attanasio, ovvero è spesso magistrale narratrice di storie di minimi e dimenticati, di chi, espulso dalla società dei vincenti, appartiene alla categoria, foltissima nelle nostre lettere, dei vinti e dei dimenticati. La valle delle donne lupo suscita sin dalla prima lettura immediata e rapita ammirazione per il ritmo della frase, le illuminazioni che fissano luoghi, malesseri e personaggi, per la capacità di produrre ironia anche dalla desolazione più impervia. Alto Piemonte, saga di memorie che va dal 1928 al 2007 (ma potrebbe trattarsi anche di un remotissimo medioevo o di uno sconsolato Ottocento), Fenisia, "stria, pelamorti, la Lupa" racconta la storia sua e delle donne che ha conosciuto, chi finita per errore in manicomio, chi morta, chi condannata al matrimonio e ai figli, a un'intervistatrice milanese. In questa remota valle l'ideale per la donna è "Vivere da morta. Patire da muta. Obbedire da cieca. Amare da vergine". Fenisia, destinata sin da bambina a lavare i morti, ha visto per primi i cadaveri delle sue sorelle non sopravvissute al parto, tutte battezzate Tilde, tanto che a scuola può dire, candida: "L'altroieri la Tilde è morta per la quarta volta". Fenisia sa che "la ricordanza è un filo di capello" e che solo la memoria salva le lupe come lei dal "favolario nero delle maldicenze" di cui spesso sono artefici povere donne a danno di altre povere donne, che vivono "bagnandosi il savoairdo nelle disgrazie dell'altra". È infatti la maldicenza a condannare la tenera Grisa, cugina di Fenisia, al manicomio solo perché ha osato reagire al padre violento e perché con Fenisia ha scoperto il piacere dei corpi che i maschi della valle non insegnano. Nel regno delle "marcolfe linguacciute" dell'Alto Piemonte vige la legge della montagna e l'esilio nutre un idioletto popolare e orale, traduzione esotico-proletaria del lessico familiare della Ginzburg. Le donne di Pariani si passano la mano silenziose: "somà, sonònna, le sbinònne, le sbizie, le nonnàvole". Il racconto procede sincopato da un eterno "presèmpio", contrazione sintattica di vita e fantasia per le donne segnate dal destino di ogni femmina: "Se una non ha figli, è malveduta. Se li ha, ai tempi della gravidanza quanti mali. E nel parto, solo dolore e pericolo di vita. Per non parlare dei figli quando sono bocètti (…) Eppoi da grandicelli diventano barabba che fan disperare". La donna lupa che abita le alte valli piemontesi al confine con il Ticino non è ancora la donna che corre coi lupi di Clarissa Pinkòla Estés, ma lotta per la sua libertà su queste montagne che hanno il sapore disperato della Casa d'altri di D'Arzo: "Quand'una nasce, la famiglia è già pronta con lo stampino, come quello delle torte. Ma evidentemente qualche bambina ha una forma che non si adatta allo stampo. Per questo la pestano così tanto: perché non si rassegna, non si arrende". E allora il destino delle lupe è di essere seppellite in terra sconsacrata, nel "prato delle balenghe", dove sono quelle scambiate per ladre e uccise, le malmaritate, le diverse. Alla fine, dice Fenisia – e con lei Pariani – esistono solo due tipi di donne: pecore e lupe. Questa è una storia di lupe – di irripetibile livello stilistico ‒ che sembra venire da tempi remoti: pure, siamo così sicure che il mondo della Fenisia sia scomparso e che non sia di noi, donne moderne, che si stia ancora e sempre parlando? Antonella Cilento

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Michela

    30/10/2014 17.38.57

    Non dimenticherò facilmente la figura della Fenisia ed il suo mondo di donne intelligenti e coraggiose costrette a plasmarsi al volere maschile oppure a diventare vittime o lupe. Un libro intenso, doloroso, emozionante, che fa commuovere, ma a volte strappa anche un sorriso. Assolutamente consigliato.

  • User Icon

    Maurillo

    28/07/2012 10.14.48

    Semplicemente straordinario.

  • User Icon

    Paola

    14/05/2012 09.38.42

    Non conoscevo la scrittrice ho ascoltato una sua intervista alla radio dove presentava la valle delle donne lupo e il giorno dopo sono andata ad acquistarlo. Una storia vera, terribile, straziante, una storia piena di dolore ma anche di infinita saggezza di quella saggezza antica pagata sulla propia pelle giorno dopo giorno e il coraggio di vivere una vita come quella di Fenisia C. Donna stupenda e indimenticabile che avrei voluto come nonna e come madre. La piccola e povera Grisa devastata da un padre per il quale non si puo' provare che ribrezzo e la dolce lupacchiotta Grisa travolta dalla rabbia, invidia, ignoranza, cattiveria dei valligiani, e la scelta finale di Fenisia.... Che dire,un libro assolutamente da leggere che non si puo' dimenticare.

  • User Icon

    maria grazia

    08/05/2012 18.58.11

    Libro bellissimo e terribile. Il femminicidio attuale ha radici antiche e l'odio degli uomini nei confronti delle donne è superato soltanto in parte.

  • User Icon

    SILVA

    24/04/2012 15.25.53

    questo libro è speciale, prezioso. la vita merita libri così. lo consiglio a tutte le donne. e agli uomini intelligenti.

  • User Icon

    nadia

    04/01/2012 19.04.16

    Le mie radici "montagnine" mi hanno spinta all'acquisto di questo libro di cui ho sentito parlare su R.P. Non conoscevo Laura Pariani e sono felice di averlo fatto attraverso queste pagine che mi hanno trasmesso piacevolissime sensazioni: mi é sembrato di far parte di quella realtà e di averne conosciuto i protagonisti come se il paese del romanzo fosse quello delle mie origini, qualche decennio addietro. Molto apprezzata anche la forma. Molto, molto interessante.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione