Categorie

Marco Archetti

Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: 199 p. , Brossura
  • EAN: 9788807819001
Usato su Libraccio.it € 4,05

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Manuela

    20/07/2016 20.17.24

    Ho letto questo libro quando avevo circa l'età dei protagonisti. Non ha una trama:è piuttosto un resoconto della quotidianità dei personaggi;non c'è alcun approfondimento psicologico... Però è breve e si legge fluidamente. Potendo, avrei dato il voto 1 e mezzo.

  • User Icon

    alex

    09/11/2015 08.56.37

    Scrittura affascinante, erudita, ricercata, certi costrutti e certe perifrasi lasciano di stucco, un esercizio di stile notevole. Questo però dovrebbe essere un romanzo, non un manuale di scrittura creativa e la trama è davvero troppo poco consistente, i personaggi poco approfonditi, e alla fine della lettura non ti rimane nulla della storia.

  • User Icon

    Manuela

    08/06/2011 14.21.13

    L'autore ha uno stile tutto suo: sa essere frizzante e ironico e da questo scaturisce una lettura veloce, leggera e simpatica. Ed è anche caustico al punto giusto. Piccolo neo, a mio avviso, il finale: Archetti avrebbe potuto inventarsene uno che non lasciasse in bocca il retrogusto dell'incompiuto. Probabilmente però la scelta è voluta: dare un'istantanea della vita di Marco, qualche manciata di giorni della sua vita, nulla di più. Io lo consiglio, magari in edizione economica, ma lo consiglio.

  • User Icon

    nickcarraway

    12/03/2008 14.30.43

    In questi tempi di accuse ai bamboccioni e precariato imperante non sarebbe un brutto libro. L’ autore spezzetta le vicende di Marco facendole sembrare più un susseguirsi di scenette che una storia lineare, cosa che può innervosire, e il finale scricchiola sotto qualche forzatura (il fidanzamento di Chiara con …, i vari colpi di scena). Sono i ricordi struggenti del nonno e la “tenera” amicizia con il trans Samantha che fanno recuperare punti. Visto che autore e protagonista sono omonimi sarebbe interessante scoprire quanto c'è di autobiografico...

  • User Icon

    Melissa

    14/01/2008 19.06.15

    Pessima lettura, difficile da portare termine. Non crea a curiosità nel lettore. Vorrebbe dire tanto ma alla fine lo scrittore si perde in racconti che non hanno che un debole filo che li unisce.

  • User Icon

    antonio P.

    29/10/2007 14.32.08

    libro irritante come tutte le opere con dentro qualcosa. libro poetico, struggente, magmatico, mosso. grande scrittura - forse si esagera qua e la', ma e' il rischio di quelli dotati come archetti - e grande impianto. l'ultimo capitolo e' una cosa meravigliosa. mi aspettavo piu' narrazione nel momento in cui e' chiaro anche al lettore chi e' chiara, ma davvero e' l'unica perplessita' circa un libro ottimo. Antonio.

  • User Icon

    Claudio B.

    28/10/2007 17.51.50

    Peccato, la trama di questo libro mi aveva incuriosito ma è stato una gran delusione tanto che l'ho abbandonato dopo appena 60 pagine, incapace di proseguire nella lettura. L'ho trovato un'accozzaglia di episodi con tentativi di fare ironia mal riusciti..magari se avessi perseverato nella lettura avrei potuto anche dare un giudizio meno duro ma proprio non ce l'ho fatta!

  • User Icon

    Lucas

    09/01/2007 16.24.54

    Che dire? Come avvenuto per "LOLA MOTEL" ho fatto un pò fatica a seguire il racconto e i suoi rimandi. L'Autore sa indubbiamente scrivere con una certa facilità ma questo a mio parere non sempre è sufficiente per far appassionare alla storia. Alcuni passaggi sono particolarmente pregevoli ma nel complesso la narrazione appare un pò difficoltosa e a volte artificiosa. Lettura leggera consigliata per gli amanti del genere. Aspetto comunque il prossimo libro.

  • User Icon

    Valerio

    07/12/2006 09.55.07

    Archetti sa scrivere. Libro amaro, ma allo stesso tempo sarcastico. Insomma, a me è piaciuto.

  • User Icon

    Lucia Carriero

    08/06/2006 16.21.32

    Marco, il protagonista, sembra sballottato dentro la spirale di insuccessi con gli affetti, il lavoro, lo studio, che lo risucchiano in vortici di cinismo e rassegnata miseria. Scritto da uno che secondo me non li ha mai dimenticati gli anni dell´universitá, le occupazioni, la marijuana coltivata nel bidé di una casa provvisoriamente in affitto, gli stratagemmi per non sentire la fame cronica dello studente in perenne bilico...una scrittura effervescente giovane piena di metafore estremamente evocative e divertenti. Lo consiglio a tutti quelli che sentono la nostalgia struggente degli anni goliardici.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione