La vera storia del pirata Long John Silver

Björn Larsson

Traduttore: K. De Marco
Editore: Iperborea
Edizione: 14
Anno edizione: 1998
In commercio dal: 11/04/2002
Pagine: 496 p., Brossura
  • EAN: 9788870910759

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Avventura

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 14,80

€ 18,50

Risparmi € 3,70 (20%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Matt

    22/12/2017 17:11:29

    Ho adorato profondamente L'isola del Tesoro di Stevenson, e questo libro riesce ad aggiungere altro al racconto senza andare ad intromettersi in alcun modo nella storia originale, anzi. Spin-off sulla vita di Long John Silver prima e dopo l'avvetura raccontata da Stevenson in compagnia del giovane Jim Hawkins. Come con L'Isola del Tesoro anche con questo romanzo mi sono sentito catapultato in mezzo al mare, al centro di mille battaglia e libero come il vecchio Silver.

  • User Icon

    Stefano

    05/10/2017 13:52:46

    La quint'essenza del libro d'avventura, con tutti gli elementi e topos del genere piratesco, davvero non manca nulla! la scrittura è fluente ma non banale ed intrigante lo schema narrativo. Nonostante si tratti di un genere facile, non è privo di argute riflessioni sulla natura dell'uomo. Da ogni pagina traspare il grande amore per il mare dell'autore. Se vi sono piaciuti libri come "Moby Dick" o "L'isola del tesoro", questo libro fa per voi.

  • User Icon

    Se cercate un libro ben scritto che vi porti tra mari e luoghi esotici in compagnia di qualche gentiluomo di ventura lo avete trovato. Issate la jolly roger e buona lettura!

  • User Icon

    scimmia

    15/05/2016 10:03:49

    bellissimo. letto a scuola durante le ore di latino, con una gran voglia di essere con le spalle libere e starmene a veleggiare al largo del madagascar...

  • User Icon

    Giulio64

    05/01/2015 14:19:42

    Dopo l'avvincente avventura del Cerchio Celtico e la testimonianza diretta e appassionata de La Saggezza del Mare mi aspettavo molto da questo celebrato Long John Silver. Decisamente troppo. Le vicende del pirata non coinvolgono e non appassionano, chi si aspetta dettagli di vita marinaresca, manovre, inseguimenti e arrembaggi resterà sicuramente deluso. Long John, quartiermastro di Bristol, giudica con sincero cinismo la vita degli altri ma tiene molto alla sua e il romanzo si dipana lungo sua questa continua ricerca di sopravvivenza in un mare dove le insidie arrivano più dagli uomini che dagli elementi della natura.

  • User Icon

    Riccardo

    04/09/2013 18:33:23

    Non riesce proprio a starmi simpatico il buon John: ha la voce tonante, invoca rispetto, incute timore; parla di libertà e fa sua un'immensa idea di voglia di vivere e di lotta ai vincoli ed alle catene. Invece, l'arroganza e l'imprudenza, l'idiozia mascherata da coraggio e la superbia lo portano puntualmente nei guai più oscuri che ci si possa immaginare e che lui dice di fuggire come fossero l'inferno sulla terra. Sembra l'amico sfortunello che ha l'iniziativa ma, unico in mezzo ai tanti bricconcelli, viene beccato dal verduraio con in mano la pesca rubata. A dispetto di quanto detto su Silver, grande Larsson.

  • User Icon

    beatrice

    23/08/2013 22:03:00

    Non avrei mai pensato che un libro acquistato con scarsa accuratezza a mo' di pura e semplice " lettura da spiaggia " potesse nascondere un personaggio così cinico, egoista e dannatamente intrigante! Una graditissima sorpresa estiva.

  • User Icon

    Andrea

    05/04/2013 14:50:52

    La recensione penso sia qualcosa di strettamente personale, legata ad un momento di riflessione sul libro appena "digerito". Sicuramente scritto molto bene non mi ha preso del tutto...amo i pirati (One piece) ma non sono riuscito a divorarlo come altri titoli. Lo consiglierei solo a veri amanti del jolly roger!

  • User Icon

    ziamicky

    09/02/2013 19:58:32

    Meraviglioso!Ero titubante ed invece di questo libro ci si innamora già dalle prime pagine e vien voglia di essere un pirata!

  • User Icon

    Enzo

    16/10/2012 17:21:42

    Quanti di voi ricordano la trama dell'Isola del Tesoro, di R.L. Stevenson, un capolavoro della letteratura d'evasione e d'avventura così caro ai ragazzi, almeno quelli di una volta (nel senso che tutti siamo stati ragazzi, almeno una volta)? Tempo fa, discutendo con un collega di lavoro, iperappassionato di libri, mi trovai a parlare di Bjorn Larsson. Mi fu consigliata la lettura del Cerchio Celtico, scritto da quest'uomo che aveva vissuto per anni su una barca e aveva attraversato il mare del Nord fino a giungere oltre la Scozia, traendo materiale per molte storie da queste esperienze marinare solitarie.DOpo aver letto (e apprezzato) il libro, scelsi di acquistarne altri. Ed ecco che il collega mi tirò fuori una "chicca": La vera storia del pirata Long John Silver. Ma questo è pazzo... Silver era un personaggio inventato, chi poteva avere l'ardire di scriverci sopra e soprattutto millantare lo scritto come storia vera? Incredulo, mi apprestai alla lettura e, come manna dal cielo, apprezzai lo scorrere delle pagine di un libro (io che pure ne leggo a decinaia e decinaia)che mi provocò un piacere enorme. Una storia cruda, realistica, documentata, pazza fino a un certo punto, ma non oltre. Sembrava quasi che Larsson avesse intervistato il vecchio John. Un bastardo fatto e rifinito, il soprannominato Barbecue, il vero lato oscuro che dal romanzo (pure bellissimo) di Stevenson non può emergere (per dovuti limiti imposti dall'epoca) in tutta la sua realistica forza. Il tutto è narrato con dovizia di particolari, in una storia in cui si parla di contrabbandieri, viaggi per mare, schiavi e torture, impiccagioni, burrasche e torrenti di rhum. Un libro intriso di un romanticismo non sfacciato, che a luoghi ricorda (almeno a me che scrivo) Moll Flanders del Defoe, che appare anche in questo testo come un personaggio reale. E il vecchio Silver, dall'isola di Madagascar, dove si ritrova vecchio e pensieroso, ripercorre la sua "carriera" e la sua vera storia.

  • User Icon

    Manuel

    13/10/2012 22:32:30

    Per la barba di Belzebù! Che romanzo! Mi aspettavo una storia introspettiva, lenta e noiosa. Mai stato più contento di venire smentito. Se avete amato L'isola del Tesoro non potete esimervi dal divorare questo ottimo racconto della travagliata, avventurosa e rocambolesca vita di quel diavolaccio di John Silver. Cinico, approfittatore, furbo come una volpe, ma anche leale, giusto e impavido. Una storia che non solo ci regala una bellissima biografia del pirata fittizio più famoso, ma ci racconta anche la tratta degli schiavi, la vita sulle navi pirata, nelle piantagioni... A tratti toccante e malinconico, Silver ci fa sognare ideali di libertà e di indipendenza come pochi racconti che ho letto sono riusciti a fare. Davvero i miei complimenti all'autore.

  • User Icon

    simon@

    30/09/2012 10:27:47

    L'amore per la vita, sempre e a qualunque costo! Libertà e vita sono il vangelo del pirata Long Jhon Silver. Nel libro "l'isola del tesoro" viene descritto come un personaggio doppio giochista, falso, opportunista, il cattivo di turno...questo libro spiega il perchè dei suoi comportamenti, delle sue scelte e alla fine non potrete non rimanere affascinati dalla sua intelligenza, intraprendenza, dal suo bisoigno di libertà assoluta e perchè no anche dal suo buon cuore...

  • User Icon

    katia

    12/09/2012 21:09:53

    uno dei libri più belli e avvincenti di sempre! vien voglia di essere un pirata!!

  • User Icon

    7

    30/01/2012 15:01:53

    Che il diavolo mi porti se dico che questo non è un gran libro!!!

  • User Icon

    Riccardo

    26/07/2011 10:49:29

    Molto ben scritto. Riesce soprattutto a creare l'atmosfera ed il linguaggio che ci si aspetterebbe in un ambiente come quello della pirateria del secolo a cui appartiene la storia. Le frasi pronunciate da Silver hanno quella tipica ironia velata di malinconia e quasi di rassegnazione che traspare anche nel più letto romanzo di Stevenson. In un mondo in cui la libertà è ormai soltanto una parola scritta sul vocabolario, la vita del pirata descritta da Larsson Bjorg è quasi un inno alla ribellione contro una società che ormai ha trasformato l'uomo in ingranaggio ed in uomo - massa. Molto bella la frase finale: 'Ho avuto un cappio al collo, ma le spalle libere. Se vi interessa saperlo'. La libertà vale ben un cappio al collo. Questo è il messaggio del romanzo. In fondo è lo stesso messaggio che viene mandato esplicitamente nel bel libro di Linebaugh e Redicker : 'I ribelli dell'Atlantico'. La storia ha sempre esaltato gli uomini inseriti nella società in cui si trovavano, mai quelli che magari violando le leggi dell'epoca davano vita ad utopie libertarie. Il Long John Silver di Larsson Bjorn, in fondo è un'utopia. Una bella utopia.

  • User Icon

    Adriana

    20/07/2011 09:34:08

    Mai stata appassionata di storie di mare, pirati e compagnia bella, ma questa è davvero una bella storia e ben narrata.

  • User Icon

    christian

    27/05/2011 18:02:00

    Romanzo avvincente e mai statico, ciò che appassiona di più è la personalità di John Silver, e quel suo modo di fare così diretto che ognuno di noi sente essere, o vorrebbe fosse, il suo. La vita di Silver è la vita che chiunque vorrebbe vivere...sempre con le spalle libere: una vita che vale la pena vivere.

  • User Icon

    Pietro

    07/04/2011 12:15:41

    Semplicemente meraviglioso. Silver è il pirata in ognuno di noi.

  • User Icon

    ORIETTA

    02/11/2010 10:40:56

    Emozionante!!!!! Io l'ho trovato straordinario e non solo il libro che è un capolavoro ma John Silver e il mio rammarico è che purtroppo non lo potrò mai conoscere dal vivo ...... LUNGA VITA A LONG JOHN SILVER......

  • User Icon

    Alessandra

    17/07/2010 00:51:23

    A pelle: un fantastico viaggio nel passato tra le avventure di pirati, raccontate da un personaggio che a mio avviso ogni uomo vorrebbe essere e da cui ogni donna (benche'segretamente!) vorrebbe essere scelta...commento letterario: questo libro dovrebbe entrare nella lista ufficiale dei classici. E' molto di piu che una storia di pirati (e per questo forse ha deluso chi stava cercando una semplice evasione in quel mondo). E' un esplorazione dell animo umano, passando per riflessioni filosofiche, sociali, e economiche senza mai neanche avvicinarsi al noioso. Il quadro che descrive e' una fetta di storia, ma le domande che pone sono bellissimi spunti di pensiero sulla natura umana attraverso il tempo. E la crudezza (piuttosto che volgarita' che sembra giustificare il "genio" di tanta letteratura odierna) con cui e' scritto e' stato per me, semplicemente "rinfrescante". Il miglior libro che ho letto negli ultimi anni.

Vedi tutte le 54 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione