Il verbo in carne. Oratorio di Natale

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Nicola Antonio Porpora
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Sony Classical
  • EAN: 0190758684529
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 11,63

Venduto e spedito da Shop Mio

Solo 1 prodotto disponibile

+ 3,98 € Spese di spedizione

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 11,63 €)

La riscoperta di un capolavoro di Nicola Porpora, con eccellenti musicisti: Roberta Invernizzi, Terry Wey e Martin Vanberg.
Disco 1
1
No. 1, Sinfonia avanti l'Introduzione
2
No. 5, Sinfonia avanti della prima parte
3
No. 6, Qui dal regno del tuono, e del baleno (Recitativo)
4
No. 7, Perché si breve allora (Aria)
5
No. 8, Ma che rammento! Ah! tu, Giustizia bella (Recitativo)
6
No. 9, Benché sia la prole ingrata (Aria)
7
No. 10, Mal non ti apponi: è giunto (Recitativo)
8
No. 11, Mira più in là dal Sirio mar divisa (Recitativo)
9
No. 12, Pietà di quel bel core (Aria)
10
No. 13, Non più: da' monti cadono già l'ombre (Recitativo)
11
No. 14, Dall'Austro vieni (Aria)
12
No. 31, Sinfonia di pastorali stromenti
13
No. 34, Le avventurose arene (Recitativo)
14
No. 38, Onnipossente dio! che veggio! è quella (Recitativo)
15
No. 39, Sentir quel teneri (Aria)
16
No. 40, O dilette, fra questi (Recitativo)
17
No. 41, Lascia ch'io veda almeno (Duetto)
18
No. 49, Mentr'ei dorme ti desta (Recitativo)
19
No. 50, Impallidisci ingrato (Aria)
20
No. 51, Ma che si tarda? Alla sagace cura (Recitativo)
21
No. 52, Già il prevedo, che aduna (Recitativo & Trio)
22
No. 53 Dal mare d'Atlante (Coro)
  • Nicola Antonio Porpora Cover

    Compositore. Studiò con G. Greco al conservatorio dei Poveri di Gesù Cristo ed esordì come operista a Napoli nel 1708. Almeno dal 1711 entrò al servizio del principe di Darmstadt Filippo d'Assia e nel 1713 al servizio dell'ambasciatore di Portogallo a Napoli. Dal 1715 al 1722 fu maestro al conservatorio di Sant'Onofrio e contemporanemente apprezzatissimo maestro privato di canto; suoi allievi furono alcuni dei maggiori cantanti del Settecento come i castrati Farinelli e Caffarelli e il soprano Regina Mingotti. Dal 1726 al 1733 fu maestro dell'Ospedale degli Incurabili a Venezia; poi, non avendo ottenuto il posto di maestro in S. Marco, si trasferì (1733-36) a Londra, chiamato dal partito italianizzante che oppose le sue opere, splendidamente eseguite da un insieme di grandi cantanti italiani,... Approfondisci
Note legali