La vergine eterna

Kenzaburo Oe

Traduttore: G. Coci
Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 14 luglio 2011
Pagine: 250 p., Rilegato
  • EAN: 9788811683780
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 10,04
Descrizione
La pioggia cessa e il cielo diventa sereno all'improvviso, mentre qualche goccia continua a cadere. L'erba di un verde sfolgorante accarezza i piedi nudi di una bellissima fanciulla dai lunghi e lucidi capelli neri. Fin dalla sua prima giovinezza Kenzaburo Oe è rimasto incantato dalla scena di questo film. Ma quello che più l'ha folgorato è stata lei, Sakura, attrice al suo debutto di fronte alla macchina da presa. La ragazza è poi diventata una stella del cinema hollywoodiano, specializzata nel ruolo di bellezza orientale, acclamata e adorata da registi e produttori famosi. Molti anni sono passati. Le proteste politiche degli anni Settanta a favore dei diritti dell'uomo stanno infiammando le piazze e le aule universitarie giapponesi. Sakura è ormai un'affermata artista internazionale, sposata a un professore di letteratura americano. Ma il Giappone e le cupe foreste dello Shikoku le sono rimaste nell'anima, insieme al desiderio di celebrarle in un film che la veda insieme protagonista e produttrice. Grande è la sorpresa di Kenzaburo Oe nell'apprendere che è proprio lui, scrittore emergente, che la donna vuole come sceneggiatore della pellicola, ispirata a un famoso romanzo di Heinrich von Kleist. Un impegno prestigioso e lusinghiero, ma che diventa invece una discesa agli inferi per tutti coloro che vi lavorano. Prima fra tutte Sakura, che è costretta a fronteggiare i fantasmi del suo passato.

€ 15,81

€ 18,60

Risparmi € 2,79 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Nico

    08/03/2018 01:21:50

    Un romanzo in cui fantasia e autobiografia si fondono per fare emergere il dramma interiore di tra generazioni di donne giapponesi. Un capolavoro.

  • User Icon

    clara lunardelli

    06/01/2014 12:51:39

    Perché scrivere un libro così? Preso perché gli autori d'oriente mi attraggono da sempre e perché è un nobel, mi ha lasciata quasi vuota. Le emozioni filtrano appena, sono tenute dietro le quinte dalla maestria dell'autore e il segreto della musa si svela diluito fino alle ultime pagine. Vista da lontano e riassunta dal lettore, la storia è bella, ma scritta così, no, non vale.

Scrivi una recensione