Categorie

Elvira Dones

Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2007
Pagine: 204 p. , Brossura
  • EAN: 9788807017360

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    vale

    19/10/2015 09.38.15

    Il libro è scorrevole e l'ho letto in fretta ma è stata una mezza delusione. Da come lo proponeva la trama credevo di leggere una storia che raccontasse la vita di una ragazza all'interno un mondo chiuso, magari descritto in dettaglio attraverso le vicende di tutti i giorni. Ma in realtà questa parte è meno della metà del libro. Il mondo arcaico del "Kanun" è descritto molto sommariamente e la gran parte della storia è ambientata in America, con la protagonista che tenta di recuperare la sua identità femminile, un argomento che non mi interessava assolutamente. Inoltre anche in questo libro come spesso accade nella vita reale, pare che secondo il "sentire comune" una donna riesca a trovare la propria identità solo se alla fine trova anche "qualcuno". È un concetto che non ho mai condiviso: secondo me una persona deve sapere qual è la sua identità, quale che sia, a prescindere dalla presenza di un compagno/a. Ma a giudicare dal consenso delle altre recensioni, probabilmente il mio è un pensiero isolato!

  • User Icon

    Daria Barcheri

    11/09/2013 21.42.11

    Attraverso quest'opera Elvira Dones dimostra tutta la sua sensibilità di donna e di scrittrice, descrivendo divinamente l'animo di una donna che per rispettare la cultura e la tradizione albanese sacrifica se stessa, ma solo fino a metà...Non rinuncerà alla propria libertà, o meglio alla libertà di poter vivere attraverso i gesti più semplici e naturali che alle donne senza marito delle montagne albanesi è proibito compiere. Così, in nome della legge che vige sulle cime silenziose delle Montagne Maledette la protagonista ha solo due possibilità per dare avvio alla "morte" della sua anima: o sposarsi con un uomo che non ama, o diventare uomo, vestendosi da uomo, comportandosi da uomo e facendo voto di castità. Hana decide di non negarsi completamente servendo un uomo che non ama per tutta la vita, tuttavia dovrà giungere a sacrificare tutta la sua femminilità. Così facendo guadagnerà un posto nella società e sarà rispettata dagli altri abitanti del villaggio senza disonorare la sua famiglia. Ma fino a quando Hana riuscirà a rimanere Mark? Un romanzo assolutamente da leggere poiché toccante, emozionante e scritto in modo sublime, tra l'altro da un'autrice madre lingua albanese, che ha scelto di scriverlo direttamente in italiano. Recensione di Daria Barcheri

  • User Icon

    paolo

    15/09/2010 13.56.15

    emozionante e intenso, un vero capolavoro

  • User Icon

    sergio

    11/03/2008 09.11.34

    Un romanzo strano, diverso...racconta di un epoca così lontana ma così vicina, una storia di tradizioni, di problemi, di dubbi, di angoscie, di maturazione interiore in un panorama assolutamente duro e difficile come quello delle montagne albanesi in un periodo di profondi cambiamenti sociali. Avvincente la narrazione, profonda la descrizione dei momenti famigliari, toccante nelle parti più tristi. il libro rappresenta soprattutto una finestra su un mondo che hai più rimane sconosciuto e verso il quale forse siamo troppo propensi a giudicare senza conoscere. Lettura che consiglio perchè aiuta a colmare alcune lacune che i mezzi ordinari di comunicazione non riescono a passare.

  • User Icon

    Giuliana

    05/01/2008 20.17.32

    La vita dura, chiusa e severa delle montagne si assomiglia ovunque. Bellissimo racconto che consiglio.

  • User Icon

    emma

    21/11/2007 18.37.36

    per capire un poco le donne albanesi, i loro comportamenti frutto di imposizioni legate a retaggi culturali assai radicati ed ai quali è quasi impossibile trasgredire. Il libro è veramente ben scritto, l'ho divorato in un pomeriggio.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione