Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
In commercio dal: 13 febbraio 2009
Pagine: 204 p., Brossura
  • EAN: 9788807721144
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Hana abbandona gli studi universitari che, piena di curiosità e di entusiasmo, aveva da poco iniziato all'Università di Tirana per tornare a vivere sulle montagne del Nord dell'Albania, nella casa dello zio che l'ha cresciuta dopo la morte dei genitori e che adesso è vedovo e malato. Un atto d'amore e di gratitudine che assume i tratti di uno spaventoso olocausto di sé quando Hana, che si rifiuta di accettare il matrimonio combinato che permetterebbe allo zio di morire in pace ma che costringerebbe lei a rinunciare alla propria indipendenza, pensa che l'unico modo per risolvere i suoi problemi sia diventare una vergine giurata: una di quelle donne, cioè, che a un certo punto della propria vita decidono di farsi uomini e di rinnegare la propria femminilità. Lo zio è fiero di lei, l'onore della famiglia è salvo e lui è finalmente libero di arrendersi alla malattia che lo divora. Nella cupa solitudine delle montagne si abbrutisce e si imbruttisce per sopravvivere alla fatica, al freddo, allo sconforto, finché la cugina Lila, emigrata tanti anni prima negli Stati Uniti, non riesce a convincerla a infrangere il giuramento per raggiungerla a Washington. Qui Hana riesce con grande sforzo - grazie al sostegno della cugina e della sua famiglia, ma soprattutto alla propria tenacia - a trovare la consapevolezza di sé e del suo corpo mortificato, e ad accettare l'amore di un uomo che la aiuta ad appropriarsi di una femminilità rinnegata.

€ 6,38

€ 7,50

Risparmi € 1,12 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    zombie49

    19/01/2013 17:12:33

    Hana abita in un piccolo villaggio nel nord dell'Albania, in cui vige l'antica legge del Kanun. Uomini e donne vivono esistenze separate, e diversi sono i loro compiti. Le donne accudiscono i bambini, la casa, il marito; agli uomini spetta il denaro, la terra, il fucile, l'onore, la vendetta. Ma se in una famiglia non ci sono eredi maschi, una donna può farsi uomo, facendo voto di castità e diventando una Vergine Giurata. Veste, parla, lavora come un uomo, e come tale è accettata e rispettata nella comunità del villaggio. Hana diviene Mark x amore e rispetto dello zio morente e così vive x 14 anni. Ma nel suo intimo rimane una donna desiderosa di un affetto maschile, e accetta l'invito di una cugina a trasferirsi con lei in America. Non sarà facile affrontare una vita totalmente nuova e riscoprire la propria femminilità. Una storia scritta tutta al presente, con parole aspre e dure come le montagne dell'Albania. Usanze antiche che pure hanno una ragione di esistere, e Hana non le mette in discussione: le accetta nel loro contesto geografico e storico, anche se alla fine le rifugge oltre l'oceano. Non è un romanzo, è una cronaca, anche se non autobiografica, di leggi di onore e sopravvivenza tramandate da generazioni e quasi sconosciute di un paese pure non lontano. E, forse, una parte di queste usanze resistono anche in Italia, fra le montagne della Barbagia e dell'Aspromonte. A differenza di molte donne che raccontano una vita di maltrattamenti in paesi maschilisti, Hana non chiede comprensione e compassione: non si pente delle sue scelte, ma vuole farci partecipi della sua storia.

  • User Icon

    Nihil

    20/03/2010 22:23:47

    Un libro da non perdere. Emoziona per la sua crudezza, la ricerca di una donna che per scelta diventa uomo e per ribellione ritorna donna. Una strada difficile da percorrere all'andata e ancora più difficile al ritorno.

Scrivi una recensione