Categorie

Giuseppe Pederiali

Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2009
Pagine: 511 p. , Rilegato
  • EAN: 9788811666080

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    barbagianni39

    20/08/2013 18.25.51

    Racconto molto intrigante (ripenso a Carla Maria Russo); stupenda la ricostruzione dell'ambiente napoletano. Il ritmo è abbastanza incalzante e la lettura non annoia mai. All'altezza de "Il ponte delle sirenette". Cosigliatissimo.

  • User Icon

    filippo nox

    25/05/2013 08.31.51

    Un romanzo inserito perfettamente nel contesto storico del periodo angioino.Consigliatissimo per gli amanti di storia e di tradizione napoletane.

  • User Icon

    Lorso57

    04/03/2013 09.12.30

    Testo molto gradevole e ricco: personaggi azzeccati e ben descritti e una storia intrigante. Il lettore viene piacevolmente immerso in una novella piena di colpi di scena. L'abilità dell'autore consiste in particolare nel corredare la storia con puntuali notazioni storiche che concorrono ad elevare notevolmente il livello dell'opera. Una lettura interessante e mai banale.

  • User Icon

    Yaris

    03/08/2012 18.07.15

    Molto bello davvero. Splendidi i personaggi, mi sono definitivamente innamorata di Corradino (la storia degli Hohenstaufen non mi è nuova grazie a qualche decina di altri romanzi del genere, ma un Corradino così intenso non l'avevo mai vissuto), e mi è piaciuta soprattutto l'attenzione ai dettagli storici. Spesso leggendo questo genere di romanzi mi capita di voler assolutamente visitare il luogo dove sono stati ambientati, ed è esattamente quello che è successo con questo. Tra parentesi, Napoli era ed è una splendida città, andateci appena potete!

  • User Icon

    nihil

    18/06/2012 06.48.08

    Delizioso libro di fantastoria, che stranamente regge bene sino in fondo, anzi, nella parte finale acquista vigore . Alcune pagine sono maliziosamente argute,i personaggi son meno incisivi della storia, ma ugualmente intriganti. Il libro è interessante specialmente per le parti storiche.

  • User Icon

    LL

    15/12/2011 16.10.00

    Un libro che ti apre una porta di Napoli sconosciuta ai più, quella sotterranea; un autore che, come se fosse una mamma amorevole, ti serve la storia su un cucchiaino. Grande Pederiali!

  • User Icon

    luigia

    08/06/2010 16.31.02

    Quando si dice "ho imparato qualcosa"!Sono campana, conosco Napoli ed ho scoperto nella mia terra un nuovo mondo!!Questo scrittore , con la sua capacità di affabulazione riesce a trascinarti nella storia e nei luoghi lasciando un prepotente segno.E' uno di quei libri che tengo sul comodino e mi basta risfogliarlo per riassaporarne la narrazione...non si dimentica facilmente!

  • User Icon

    barbara

    07/06/2010 09.14.25

    Ogni tanto qualcuno ti consiglia un libro del quale sai poco o il cui autore non hai visto in giro per svariate trasmissioni televisive...ed è quasi serve il libro che ti cattura. L'inizio sembra un pò ostico ma dopo la storia scorre tra descrizioni visibili, personaggi strordinari ( compresi i "cattivi") ed una scrittura, se Dio vuole, gradevolissima e scorrevole. Consigliato a chi non ha fretta di terminare la lettura e assapora i capitoli!

  • User Icon

    GC62

    15/05/2010 17.13.36

    Noi lettori siamo sempre alla ricerca di un autore che sappia prenderci all'amo e quelli che ci riescono non fanno alcuna fatica a trascinarci. E' cio che accade al fortunato lettore del libro il quale si troverà immerso in un pezzo di storia che lo arricchirà di nozioni che avrebbe dovuto apprendere a scuola e, allo stesso tempo, lo farà vivere un avventura assieme a dei personaggi singolari di cui sentirà la mancanza una volta terminato il libro. Mi piacerebbe reincontrarli in un seguito, ma non vedo l'orizzonte in quella direzione. Gli ingredienti ci sono tutti: amore, odio, inganno, riscatto, ingiustizia, illusione, fuga, cameratismo, abnegazione, destino. Direi che c'è materiale per un film dove il lettore non faticherà a immaginare Morgan Freeman nei panni del saraceno, mentre Giovanni Vezzani potrebbe essere un Roul Bova; Monica Guerritore: Cicella senza alcuna fatica. Lo consiglio e, per chi è Campano o Napoletano, è uno stimolo in più a ricercare i luoghi della vicenda storica che fa da sfondo al racconto. .. e ora andiamo alla ricerca del prossimo libro. Arrivederci.

  • User Icon

    sabrina

    25/01/2010 20.20.35

    Bellissimo libro. Un libro storico che parla dei discendenti degli svevi, ambientato a Napoli sotto il regno degli Angiò. Temevo che essendo un libro storico non potesse suscitare il mio interesse invece l'ho trovato entusiasmante. Ben scritto con descrizioni dettagliate sia dei personaggi che dell'ambiente tanto da dare la sensazione di essere presenti con Giovanni e i suoi amici in quei luoghi. Un libro completo fatto di cenni storici precisi, storie d'amore, descrizioni precise degli usi e costumi dell'epoca, delle feste e riccorenze sia religiose che laiche, dei conflitti per motivi di diversità religiose... insomma non manca nulla!!! Lo consiglio

  • User Icon

    Lucia

    13/01/2010 12.08.09

    Ambientazione curata nei minimi dettagli, personaggi ottimamente caratterizzati, anche quelli minori. Ben scritto, scorrevole, ironico tanto da essere a tratti esilarante. Peccato che a me abbia cominciato a prendere solo dalla metà n poi, non saprei neanche dire perchè. Si tratta comunque di una lettura estremamente piacevole e superiore alla media.

  • User Icon

    serena*

    31/10/2009 16.23.12

    Una superba storia corale. Ottimo libro.

  • User Icon

    francesco

    01/10/2009 13.30.01

    Bellissimo, lo consiglio a chiunque voglia sapere di più di un periodo come quello angioino, abbastanza bisfrattato...questo perchè solitamente la storia del meridione d'italia dopo Federico II (quando va bene!) viene ripresa solo con la spedizione dei mille di Garibaldi...Solo piccolissime pecche, non sempre le descrizioni a sfondo sessuale le ho ritenute necessarie (non per bigottismo, ma perchè più che accessorie!) e davvero da pignoli sarebbe notare che castel del monte non ha mai avuto sotterranei ne una cinta muraria ottagonale...tuttavia la trama è davvero avvincente e pur sapendo come inevitabilmente poteva andar a finire (sono uno storico dell'arte!) ho sperato sino alla fine che l'era degli svevi potesse risorgere con Ciommo I° di Napoli nipote di Federico II°...

  • User Icon

    Lo

    04/09/2009 09.45.59

    Molto bello questo libro mi ha coinvolto fin da subito. I personaggi sono ben delineati e lo stile ti coinvolge immediatamente. L'unico problema è l'ambientazione napoletana che ho faticato non poco ad inserire in un contesto medievale. Napoli si sa, evoca mirabili scenari tardo rinascimentali e sopratutto barocchi e aiutato da piccolissimi errori temporali (quadri con antenati? abiti scollati con seta e pizzi? non sono una storica però....)il medioevo ho faticato non poco ad immaginarlo. Comunque resta un bellissimo libro.

  • User Icon

    francesco

    25/07/2009 21.19.35

    Lo prendo come continuazione del già letto "Lo stupore del mondo" di Cinzia Tani. Mi aspetto un ottimo documento della vita agitata e varia del secolo XIII, che meraviglia per i viaggi che venivano intrapresi e portati a compimento. Oggi non serve più, ma... lo faremmo?

  • User Icon

    Attilio Alessandro

    22/07/2009 09.34.27

    Non avevo mai letto nulla di Pederiali; ho comperato il libro deliziato dalla copertina. Romanzo che poi si è rivelato bellissimo storicamente esatto fantaticamete costruito. Avendo vissuto per tanti anni in Campania (io lombardo) ho potuto appezzare al meglio le delizie di un dialetto apparentato strettamente al Basile del Cunto de li Cunti. Consiglio questo libro anche a chi va al mare e potrà leggerlo sotto l'ombrellone (magari a Positano)per niente disturbato dai vicini perchè il racconto avvince moltissimo.

  • User Icon

    ant

    15/07/2009 18.41.37

    Una storia ottimamente costruita, i personaggi ben delineati sia dal punto vista comportamentale che psicologico e anche dal punto di vista storico, la trama scorrevole e avvincente, gli spunti di carattere antropologico, dialettale, umoristico e passionale arricchiscono il tutto corredando come si deve questo avvincente romanzo . Pederiali, con fantasia e riferimenti storici precisi, c'introduce nel Regno di Napoli di fine 1200, l'inizio del romanzo è caratterizzato dalla presenza di due ex cavalieri di Federico II camuffati da emissari papalini che sondano il terreno per carpire quanto è rimasto nell'immaginario collettivo, sia come pensiero che come ricordo , dell'imperatore detto "Stupor mundi" e dei suoi eredi. Inizia quindi il viaggio verso Napoli alla ricerca di una misteriosa donna che avrebbe partorito un figlio da Corradino di Svevia, io qui voglio fare i complimenti a Pederiali per come lui, modenese, sia riuscito a descrivere con fantasia ed eleganza quelli che sono i personaggi tipici che si possano incontrare a Napoli.I due cavalieri arrivano in città e attraverso le informazioni carpite da personaggi più svariati(dal mago Iennarone, agli osti Chiappino e Menechella, dalla colonia di ebrei della Iodeca napoletana)arrivano finalmente sulle tracce della misteriosa donna di nome "Cicella"e successivamente di suo figlio "Ciommo". Io volevo sottolineare a questo punto un'altra cosa che mi ha molto colpito del libro e cioè il voler metter in evidenza una forte anima laica napoletana in contrapposizione con la istituzionale facciata religiosa , questo passaggio viene esplicitato a mio parere in modo netto quando Pederiali fa riferimento:1) alla festa di Piedigrotta e alle sue tradizioni che arrivano dallo scrittore Virgilio2) alla comprensione e rispetto verso i femminielli3) i riti di devozione verso Ribes(entità uomo e donna) e Priapo Un gran libro signori ps chiavettiere(nel dialetto napoletano) significa tutt'altro che pulitore di fogne magari nel 1200 significava ciò adesso..eh eh eh

Vedi tutte le 17 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione