I versi satanici. Con Segnalibro

Salman Rushdie

Traduttore: E. Capriolo
Editore: Mondadori
Collana: Oscar 451
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 10 novembre 2017
Pagine: 576 p.
  • EAN: 9788804685197
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
«I versi satanici» non è solo un romanzo, ricchissimo di immagini e invenzioni, ma è anche un libro che ha diviso l'opinione pubblica mondiale, dando origine a un caso letterario senza precedenti. La storia che viene descritta è un meraviglioso cocktail di realismo e fantasia, una vicenda magica in cui due viaggiatori, miracolosamente scampati a un disastro aereo, si vedono trasformati l'uno in una creatura angelica e l'altro in un essere diabolico. Ormai simboli del Bene e del Male, i due si affronteranno nella più antica e inevitabile delle battaglie, una lotta senza esclusione di colpi destinata a protrarsi in eterno nel tempo e nello spazio, dai più sperduti villaggi indiani alla Londra contemporanea. Un abbagliante mosaico di allegria e disperazione, di finzione e verità.

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 15,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    casaakec

    06/12/2018 17:38:01

    Gran libro. Beh, un po' inverosimile, ma insomma...

  • User Icon

    ninonux

    14/10/2018 19:19:40

    Per poter leggere il libro (io ci ho messo due mesi) occorre conoscere in maniera approfondita la religione islamica che poi è, credo, la vera protagonista del romanzo. Ho pure trovato molta a difficoltà a memorizzare i nomi delle centinaia di personaggi che popolano le oltre 500 pagine del libro

  • User Icon

    Niuno

    19/09/2018 08:59:48

    Un vero piacere leggere questo libro. Avevo bisogno di immaginazione al potere. Di ritmo dissacrante. Di parodia, mito, di grottesco, senza rinunciare alla critica irriverente tanto verso una rigida Londra thatcheriana alle prese con l'inevitabile mutazione conseguente all'innestarsi in città, e in Occidente, delle culture delle popolazioni di ultima immigrazione, quanto verso quelle culture stesse; critica irriverente sia verso le reazioni di rifiuto sia verso quelle di incondizionata e arrendevole e per questo paludosa accoglienza.

Scrivi una recensione