La via della schiavitù

Friedrich A. von Hayek

Editore: Rubbettino
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 13 aprile 2011
Pagine: 293 p., Brossura
  • EAN: 9788849830842

27° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Politica e governo - Scienza e teoria politica

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Descrizione

Qual è la lezione che questo libro destina al mondo occidentale dell'epoca e al tempo stesso - per l'attualità delle sue intuizioni - concede in eredità ai contemporanei? Semplicemente che non può esservi alcun compromesso tra la libertà e i diritti "sociali" degli individui. Il fascismo, il socialismo, il nazismo, il comunismo, totalitarismi che, secondo Hayek, conducono alla via della schiavitù, sembrerebbero ormai appartenere ai residui del "secolo breve". Questi regimi dispotici non hanno saputo adattarsi alle sfide della modernità, e quindi hanno dovuto soccombere sotto il peso delle loro nefandezze etiche e inefficienze economiche. Mentre il sistema democratico, insieme al mercato, si sono rivelate le soluzioni più idonee, seppure in sé imperfette, per il mantenimento e il miglioramento degli equilibri politici e per il progresso morale e materiale della società civile. Emerge, però, la delusione dell'autore nei confronti del destino storico della democrazia. La radice delle sue distorsioni originarie sta proprio nell'opposizione dei popoli all'idea di libertà, che si manifesta nell'anelito masochista alla schiavitù. Il problema sollevato da Hayek - perché emergono i peggiori ovvero, per contro, soccombono i migliori - costituisce uno dei maggiori crucci per i cittadini del nostro tempo, la causa della loro delusione e del loro distacco dalle istituzioni politiche. Prefazione di Raffaele De Mucci.

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Federico Merlotti

    16/08/2017 19:40:07

    Saggio molto interessante ed attuale benché scritto oltre 70 anni fa. Assolutamente da leggere.

  • User Icon

    MAURIZIO ZANGANI

    19/07/2017 11:43:46

    Benchè le minacce esterne e interne del fascismo debbano esser prese sul serio, sarebbe un grave errore e un grave pericolo non rendersi conto che nella nostra società ci troviamo di fronte allo stesso fenomeno che ha favorito ovunque il sorgere del fascismo: l'irrilevanza e e l'impotenza dell'individuo. Quest'affermazione è in contrasto con la convinzione tradizionale secondo cui la democrazia moderna, liberando l'individuo da tutte le costrizioni esterne, ha realizzato il vero individualismo. Il diritto di esprimere i nostri pensieri, tuttavia, ha significato solo se siamo capaci di avere pensieri propri. Erich Fromm, Fuga dalla libertà. 1941

  • User Icon

    Paolo Deghenghi

    29/05/2016 21:43:40

    Di estrema e allarmante attualità è il messaggio che questo testo serba ancora intatto a così tanti anni dalla prima pubblicazione. Ora, che il tentativo di dissolvere dallo spirito civile le fondamenta liberali della democrazia pare giungere di nuovo a buon esito, come già accadde nei periodi prebellici; come accade ora con la fantomatica tentazione di legislazioni d'emergenza costruite ad hoc contro il nuovo nemico rappresentato dal terrorismo; come già perpetrarono le famigerate ideologie del "secolo breve" scannandosi tra loro per imporre al mondo allucinanti utopie. Perché in democrazia la concezione liberale è primitiva rispetto ad ogni altra istanza, ne informa lo spirito e le leggi. E chi nega questo bastione insormontabile o si affida alla menzogna oppure nasconde intenzioni che con la democrazia non hanno nulla a che fare. Spirito liberale: sintagma che un percorso culturale a senso unico ha inteso cancellare dalla memoria collettiva, come se si trattasse di un sofisma anacronistico. Quello spirito che attinge ai diritti inalienabili dell'individuo, che continuamente gliene rammenta i doveri, la libera scelta e l'assunzione responsabile degli effetti che ogni scelta comporta. Un severo monito contro la seduzione di una impossibile ricerca dell'uguaglianza sociale in tempi di incertezza assoluta, ottenuta a spese di ogni spazio di libertà che ci è concesso e che non è dato alienare seguendo l'orribile canto di sirena di fantomatici uomini forti o di onniscienti apparati burocratici. Il Grande Fratello è tanto più forte quanto più grandi diventano le nostre debolezze.

  • User Icon

    Arnaldo Maiorani

    14/04/2013 19:16:30

    A detta di molti, Margaret Thatcher è stato il primo ministro che ha seminato più divisioni e devastazioni nella storia moderna. Nelle piazze dell'inghilterra del XXI secolo si festeggia, in questi giorni, la morte di un leader politico indiscusso, che a suo modo, ha creduto e operato per il liberalismo liberista. La lady di ferro ha più volte dichiarato che a ispirare le sue idee e le sue decisioni fu proprio Friedrich A. von Hayek. Hayek al capitolo 8 , "chi pianifica per gli altri?" riporta un passo di Lord Acton: "la più bella occasione mai data agli uomini venne buttata via poiché la passione per l'eguaglianza rese vana la speranza della libertà". Parole intense, quelle di Lord Acton, così come quelle di Hayek; parole che mettono a nudo questioni irrisolte e sempre più pressanti. Le parole e gli scritti non vanno necessariamente condivisi, ma vanno sicuramente letti e fatti propri. Per imparare non e mai troppo tardi, forse.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione