Categorie

Terry Brooks

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
Pagine: 318 p. , Brossura
  • EAN: 9788804523956

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Michele

    25/09/2006 13.24.06

    Rispetto ai primi due capitoli mi è parso un attimino meno fluido, il libro scorre sempre bene ma più lentamente perchè l'autore riempie gli spazi con delle dilungazioni varie.Nonostante quella con Antrax sia un'esperienza più o meno superata il ritmo non cala perchè il nemico più temibile e pericoloso di tutta la trilogia decide di intervenire con maggior concretezza. Il Morgawr sulla sua nave volante si lancia all'inseguimento della Jerle Shannara. La pressione che esercita l'oscuro stregone è quasi palpabile, e il pensiero di quello che potrebbe fare (ed ha già fatto in precedenza con altri poveri sventurati) è devastante.

  • User Icon

    Peter

    21/02/2006 22.34.43

    Sufficiente. L'autore ha voluto allungare troppo la storia. Il terzo ciclo di Shannara poteva rientrare in un solo libro. Per cercare di aumentarne il volume, Terry Brooks si scatena in quello che è il suo peggior difetto: i rimugginamenti del pensiero (seghe mentali) dei personaggi. Ci sono pagine intere di pensieri contorti di sensi di colpa paranoici e di continui ripassi di azioni precedenti ... troppo! Il finale è bello.

  • User Icon

    Davos

    16/06/2005 17.28.56

    ohimè, speravo meglio. Buone potenzialità, mi sono piaciuti i personaggi come la strega di ilse e il Morgawr, per non parlare del cambiatore di forma... ma alcuni sono pervasi da un così sconvolgente buonismo e sentimentalismo da apparire stupidi ed ottusi, come il principe elfo,la veggente e lo stesso bek. Tre libri per questa storia sono decisamenti troppi, e il peso della prolissità si sente in diverse noiose pagine di questo terzo volume.

  • User Icon

    MIKE MIRKO

    06/06/2005 10.27.53

    Come si fa a dire che questo libro è dei peggiori! è assurdo. personalmente ritengo che sia invece bellissimo, pieno di idee originali(anche se era meglio, forse, comporre un unico libro e non una triologia). comunque, leggetelo( dal 1° libro, se no non si capisce niente). a proposito, quando uscirà il terzo libro del druido supremo di Shannara?

  • User Icon

    Massimo

    07/01/2005 15.07.01

    e' un libro diciamo cosi' "leggibile", ma si sente molto che il buon Terry Brooks gratta il fondo. La cosa positiva e' che non c'e', come in tutti gli altri suoi libri, la ricerca di un "qualcosa" (La spada di shannara, il tanequil, etc etc), ma comunque l'autore non convince. L'idea delle navi volanti e' ottima, ma l'idea di Antrax e' banalotta e diciamolo pure ritrita e scopiazzata. Inoltre manca un vero cattivone: nel primo libro e' la strega di Ilse, nel secondo Antrax, nel terzo il Morgawr, ma in tutti i casi si tratta di nemici "facilmente" sconfiggibili (non si tratta, x capirsi, di un "Signore degli Anelli" indistruttibile se non con metodi estremi). Comunque il mondo di Shannara e' davvero magico, zeppo di buone e ottime idee, ed e' un peccato che Brooks svilisca cosi il suo mondo per "batter cassa". A mio modesto parere la trilogia del viaggio della Jerle Shannara doveva essere un libro solo, con la figura del Morgawr presente fin dall'inizio e la malignita' di Antrax piu' marcata. Ne sarebbe uscito un bel tomazzo di 1000 pagine piu' organizzato ed organico. Eppoi ci sono parecchie incongruenze: Ahren Elessedil usa le pietre magiche per distruggere i granchi di Antrax, ma nel seguito si dice che non puo' usarle per difendersi contro i Mwellret perche' funzionano solo contro la magia. bah! Leggendo il libro si sente chiaramente che e' stato buttato giu' senza una rilettura critica ed attenta. Altra cosa: xche' nella edizione italiana si cambiano i nomi??? nel ciclo di Shannara si parla di DIVIETO nel viaggio della jerle shannara si parla di PROIBIZIONE, Brooks nell'originale inglese usa sempre lo stesso termine (FORBIDDING). Lo stesso dicasi per l'ETEREA: nelle pietre magiche di shannara il termine inglese (ELLCRYS) e' tradotto, appunto, con ETEREA, mentre in TANEQUIL (e anche nel labirinto) la si chiama ELLCRYS. Insomma una traduzione dozzinale (non mancano le frasi, nel libro, insensate, segno di una cura molto approssimativa del testo) per un autore che si svende. Peccato!!!

  • User Icon

    nikki90

    09/05/2004 16.10.05

    stupendo come tutti i suoi libri

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione