Categorie

Domizia Carafoli, Gustavo Bocchini Padiglione

Anno edizione: 2003
Pagine: 296 p. , ill.
  • EAN: 9788842529149

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ernesto Carratù

    12/09/2003 14.57.04

    I bravi autori che hanno descritto la vita di Arturo Bocchini e della Sua attività nel periodo Fascista, meritano un vero plauso per la chiarezza di questo bellissimo libro. Apprendo, che il Capo della Polizia Italiana, invidiata in tutta Europa, compreso Himmler, è di un paese vicino Benevento e che il Suo unico desiderio era quello di fare il polizziotto. Leggo del Suo comportamento con Indro Montanelli, quando il Grande Indro, che insieme a un collega, aveva scritto un libro per sfottere Mussolini e il Fascismo, dopo essere stato interrogato con i guanti gialli venne rilasciato dal Prefetto Bocchini e accompagnato a casa senza torcergli un capello. Leggo che un giornalista Americano venuto in Italia per fotografare i posti di confino (dove prendevano dimora gli antifascisti) non vennero mai pubblicate. Il giornalista incuriosito chiese al suo direttore perchè. Questi gli rispose: E' preferibile evitare la pubblicazione altrimenti molti Americani vorranno andare al confino. Infatti i bravi autori citano alcuni posti di confino, tra cui l'albergo Cappuccini di Amalfi che fino a due anni addietro vantava cinque stelle. Insomma un libro eccezionale da leggere. Ernesto

Scrivi una recensione