Videodrome

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Canada
Anno: 1982
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 14 anni
Salvato in 45 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 6,99 €)

Max Renn, direttore di una tv porno privata, scopre un'emittente che trasmette torture e assassini. Le immagini appartengono al programma Videodrome, attraverso il quale Barry Convex, manipola le coscienze. Il segnale emesso da Videodrome fa crescere un tumore nel cervello di Max, alterando la sua percezione della realtà trasformandolo in una macchina assassina. Dopo aver ucciso i suoi soci e lo stesso Convex, Max ucciderà se stesso dando vita alla "nuova carne", un mostruoso uomo nuovo programmato da Convex.
4,57
di 5
Totale 7
5
4
4
3
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Marcello

    07/03/2019 20:56:55

    Film visionario che rappresenta una certa cultura degli anni '80. Assolutamente da vedere

  • User Icon

    CyberDracula (lo sceriffo)

    01/04/2018 00:19:51

    Rivisto stasera dopo averlo visto anni fa,e ancora oggi più che attuale come lo fu negli anni '80 primo nel suo genere di tipo cyberpunk,questo capolavoro del regista canadese esplora gli ambiti oscuri dell'influenza negativa che può trasmettere sulla psiche certa tv trash e renderci inconsapevolmente telespettatori dentro uno spettacolo più grande di noi,in tal caso un canale televisivo che provoca allucinazioni talmente vere da rendere il visionante in un mondo dove si muovo percezioni oscure dettate dalla sola distruzione e del controllo sull'individuo da parte di certi mass media negativi. D'altronde Guy Debord ci aveva avvertito,ma ancora e inutilmente lo abbiamo soggiogato. Ma grazie Cronenberg per ricordarci della sua famosa lezione,non è un caso che lo stesso James Woods fu allievo nei seminari di Macluhan professore di teoria e metodo dei massmedia e della televisione,ruolo che gli calza a pennello.

  • User Icon

    Il Cinefilo

    26/01/2014 11:11:54

    Tra i film anni 80' di Cronenberg, Videodrome riesce ad essere il migliore: parte come un thriller commerciale abbastanza consueto per poi trasformarsi, a metà film, in un susseguirsi angosciante di allucinazioni che sono l'allegoria dei media che prendono il controllo delle loro ignare vittime. Finale liberatorio ma non meno pessimista. Videodrome, ancora oggi, nel suo essere un efficace mix di horror-splatter e fantascienza, riesce ad inquietare (non solo grazie agli egregi effetti speciali splatter) e a far riflettere come pochi film. Straordinario.

  • User Icon

    ALEX

    08/07/2012 18:49:12

    FORSE UNO DEI PIU'BELLI DEL REGISTA CANADESE,CRONENBERG ANCORA UNA VOLTA STUPISCE,UN FILM VISIONARIO,DAL FINALE TUTT ALTRO CHE SCONTATO

  • User Icon

    1987

    08/03/2008 12:40:27

    Forse il film più visionario di Cronenberg, certamente tra i più affascinanti mai realizzati. In questa pellicola sono presenti i temi più cari al regista canadese ,come il sesso ,la carne e il corpo nelle sue mutazioni .Grande prova di James Woods.

  • User Icon

    JD

    28/02/2008 15:55:44

    Uno dei più complessi ed estremi film di Cronenberg(anche sceneggiatore),in netto anticipo sui tempi e passato all'epoca inosservato.Chiara profezia dell'annullamento della realtà da parte della televisione con conseguente assuefazione ad ogni forma di violenza,a cui si uniscono i soliti temi cari al regista della carne che si trasforma,del sesso e della morte.Peccato solo che qualche punto non sia ben chiarito.Non proprio perfetti gli effetti speciali di Rick Baker(infatti il regista in futuro si sarebbe servito quasi esclusivamente di Chris Walas).

  • User Icon

    Alberto

    23/02/2008 10:12:14

    Potente film allucinatorio. Apparentamente fantastico e surreale, risulta invece profetico e visionario.Straordinario come ogni film del canadese Cronenberg.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente

Sesso e tecnologia per un capolavoro cyberpunk

Trama
Metafora della civiltà televisiva: il direttore di un'emittente privata capta per caso un programma a base di torture e assassini. Affascinato e disgustato al tempo stesso, decide di vederci chiaro e scopre che il fantomatico conduttore della mostruosa trasmissione è morto da tempo e che il programma viene trasmesso da un'emittente pirata il cui proprietario vuole, grazie alla potenza della tv, dominare il mondo e sconvolgere le coscienze, trasformando gli uomini in orribili macchine da distruzione.

  • Produzione: Universal Pictures, 2002
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Durata: 90 min
  • Lingua audio: Inglese (Dolby Digital 2.0 - stereo);Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • David Cronenberg Cover

    Canadese, è regista, sceneggiatore e attore tra i più conosciuti. Nato da una famiglia ebraica politicamente progressista, si laurea in Lettere all’Università di Toronto, e si ispira per il suo lavoro successivo a letture filosofiche e ad autori della Beat Generation. I suoi film, che spaziano dall’horror alla fantascienza, fino a toccare il noir, sono tutti estremamente centrati sulla figura dell’uomo che si rapporta alla mutazione alla malattia. Tra i più importanti, ricordiamo La Mosca (1986) e Spider (2002). Da segnalare due film che il regista ha scritto e prodotto, con Viggo Mortensen come protagonista: A history of violence (2005) e La promessa dell’assassino (2007). Del 2010 è A dangerous method, con Viggo Mortensen, Micheal... Approfondisci
  • James Woods Cover

    "Attore statunitense. Interprete di straordinario carisma, spesso alle prese con personaggi psicologicamente intensi e tormentati, debutta nel 1971 in I visitatori di E. Kazan; seguono numerosi ruoli secondari tra i quali spiccano quelli in Bersaglio di notte (1975) di A. Penn e I ragazzi del coro (1977) di R. Aldrich. Dopo Il campo di cipolle (1979) di H. Becker, si impone prepotentemente come allucinato mattatore di Videodrome (1983) di D. Cronenberg, profetico sguardo sui rapporti fra violenza e televisione, logiche dello sguardo e deliri della tecnologia. Nel 1984 è, insieme a R. De Niro, protagonista dello straordinario C'era una volta in America (1984) di S. Leone, mentre nel 1986 è memorabile in Salvador di O. Stone. Attore emozionalmente poliedrico, ottiene un notevole successo con... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali