La vigilanza e l'esame di coscienza

Ghazâlî Al

Traduttore: M. A. Golfetto
Editore: Il Leone Verde
Collana: L'isola
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 1 febbraio 2005
Pagine: 142 p.
  • EAN: 9788887139693
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Se la Verità immutabile può essere conosciuta cogliendo il riflesso del raggio divino nello specchio perfettamente levigato del cuore, la purificazione interiore gioca in vista di questo scopo un ruolo primario. Il Principio eterno può, infatti, essere colto solo nel momento in cui la coscienza cessa di essere frastornata dal rumore della concupiscenza e della passione. La vigilanza e l'esame di coscienza sono due delle più efficaci tecniche spirituali che permettono al cercatore d'ogni tempo di progredire sulla Via della realizzazione. Al termine del processo catartico, finalmente purificata per mezzo di una rigorosa disciplina, l'anima si dischiuderà all'amore celeste, privilegiata porta d'accesso ai segreti gelosamente custoditi al cospetto di Dio.

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Sull'Imâm Abû Hâmid Muhammad ibn Muhammad al-Tûsî al-Ghazâlî, assai famoso dottore dell'Islâm, che elaborò la forma definitiva che avrebbe preso il Sunnismo (la corrente maggioritaria della religione islamica), guadagnandosi il titolo di Prova dell'Islâm (hujjat al-islâm) e di Rinnovatore (mujaddid) del suo secolo, è ormai stato scritto moltissimo. Ragion per cui ci si può esimere dal dilungarsi qui sulle sue notizie bio-bibliografiche1. Tra i numerosi scritti che egli lascia spicca per importanza e per mole l'Ihyâ' 'ulûm al-dîn2 (La rivivificazione delle scienze religiose) che, composta durante il decennio del suo volontario esilio, segnò la provvidenziale riconciliazione tra l'essoterismo islamico e la sua Via esoterica, il Sufismo (tasawwuf). Questa monumentale Summa, divisa in quattro tomi che trattano rispettivamente degli atti di culto ('ibâdât), dei comportamenti raccomandati ('âdât), delle cause della perdizione (muhliqât) e delle qualità che portano alla salvezza (munjiyyât), si compone di quaranta libri complessivi dei quali solo meno di una decina attendono una traduzione in lingue occidentali. Tra questi compare anche il XXXVIII, il Kitâb al-murâqaba wa al-muhâsaba (Della vigilanza e dell'esame di coscienza). Collocato quasi alla conclusione di tutta l'opera come una cerniera tra i libri che descrivono le dodici stazioni (maqâmât) del Cammino iniziatico (sulûk) e quelli che analizzano le due tecniche spirituali della meditazione (tafakkur) e del ricordo della morte (dhikr al-mawt), il testo in questione tratta della sorveglianza (murâbata), un raffinatissimo ed elaborato metodo di indagine psicologica finalizzato alla purificazione dell'anima e destinato ad essere messo in pratica da tutti i musulmani in generale e dai sûfî in particolare.