Categorie

Paolo Isotta

Editore: Marsilio
Collana: Tascabili Maxi
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
Pagine: 589 p. , Brossura
  • EAN: 9788831722544

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    gango

    19/06/2016 16.01.57

    Puzza sotto il naso, esaltazione dei cosiddetti nobili, astio e livore verso musicisti invisi per motivi politici, un uomo meschino. Zero

  • User Icon

    luca Bidoli

    30/04/2016 11.50.11

    Dopo questo libro mi sento ulteriormente colpevole di qualcosa, della mia ignoranza innanzitutto. Ignoranza da "i" maiuscola in campo musicale, non che non apprezzi la musica, solo che non la conosco; e ignoranza per non aver letto mai nulla, neppure un elzeviro, di questo straordinario scrittore. Scrivo scrittore e non solo musicologo, critico e quant'altro, perchè rare volte una scrittura mi è parsa così interessante, notevole,coinvolgente, diretta: mi sentivo e mi sento un privilegiato, nella lettura, perchè mi sembrava che l'autore stesse parlando a me e a me solo: magia allo stato puro, tensione sino all'ultima pagina. L'ho divorato, questo testo, come un incredibile babà, che, ignoranza supplementare, ha contribuito a sfatare alcuni luoghi comuni, su Napoli, ad esempio. Non ci sono mai stato, forse per una certa prevenzione o perversione, , sì, lo posso ammettere, pur sapendone la storia e la grandezza, almeno passata. Mi devo ricredere, grazie Maestro: le sue pagine sulla sua città e sulle persone che la abitano, sono splendide, un vero atto d'amore, totale e disinteressato. Così come mirabili sono, autentiche chicche, i ritratti, le svariate miniature o riuscitissimi bozzetti, su tanti personaggi, noti e meno noti, popolari o aristocratici ( baroni, contesse, marchesi e marchesini, scrittori, demiurghi, capimanipolo, Mammesantissime...) che si leggono con vera Schadenfreude. Mirabili le righe su Claudio Magris, che condivido in pieno, assolute: grazie, per tutti noi, poveri e pavidi, grazie di cuore, e a ben rileggerLa, Maestro. Con gratitudine, mi firmo.

Scrivi una recensione