Categorie
Traduttore: N. Priore
Editore: Mondadori
Collana: Omnibus
Anno edizione: 2011
Pagine: 413 p. , Brossura
  • EAN: 9788804606406

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    TITTI

    11/02/2012 21.28.32

    Bellissimo romanzo. A volte ironico, a volte crudele, a volte tenero. Tutto, comunque, gira intorno all'amore, anche se l'amore della protagonista non sempre è un sentimento puro. Belli i personaggi,che, naturalmente, cambiano la vita di Zita, nel bene e nel male. Lettura consigliatissima!!!!!

  • User Icon

    Attilio Alessandro

    26/07/2011 07.10.50

    Libro banale mal scritto, un po' alla Sagan comunque tipicamente francese del periodo settanta. L'autrice, gran nome dell'Aristocrazia francese, si diverte ad infarcire il libro di situazioni volgari e locuzioni al limite del turpiloquio. Credo che una narrazione simile sia un po' fuori dal tempo. Il romanzo non mi è piaciuto.

  • User Icon

    valentina

    01/05/2011 13.46.32

    Molto bello. Scritto bene, avvincente. La protagonista ci racconta la sua vita, un flusso di fatti ed emozioni in cui è possibile ritrovarsi, nonostante gli eccessi. Un feuilleton narrato come attraverso una finestra che alla fine si chiude lasciandoci forse un po' interdetti, abbandonati. Ci si affeziona al personaggio di Zita che ci fa pensare, piangere e amare la vita, mostrandoci com'è difficile camminare sul filo. Perchè nessuno è interamente immune da colpe, ma nessuno è completamente colpevole. Ognuno alla ricerca della sua coerenza, di saziare il bisogno di vita che ci prosciuga nella continua lotta con l'esistenza ed il confronto con la morte.E l'amore. Da leggere.

  • User Icon

    roberta cusanno

    30/04/2011 16.13.03

    E' un libro bellissimo, elegante, ironico, sferzante, frizzante ma allo stesso tempo profondo. La protagonista, Zita, è un personaggio indimenticabile e originale, fuori dai luoghi comuni e da qualunque retorica, una donna libera e sola, autentica, piena di contaddizioni, fallimenti e fragilità, nonostante l'apparente sfrontatezza e l'orgoglio smisurato, acuta e implacabile nell'analisi di sè e del mondo in cui è vissuta. La prima parte è più intensa, poi mi sarei aspettata una più profonda indagine del complicato e infelice rapporto con la figlia Ondine. Nel complesso lettura consigliatissima.

  • User Icon

    paola

    03/04/2011 18.12.04

    buon libro in cui viene narrata, a tratti con crudelta', il rapporto contrastato tra Ondine e la madre Zita, una donna fredda e piena di contraddizioni

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione