€ 6,99

€ 7,99

Risparmi € 1,00 (13%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Raffaele

    19/01/2007 19:55:15

    Un film che non lascia indifferenti, una storia d' amore moderna in un mondo di professionisti dove l' interesse e la convenienza prevale sui sentimenti autentici. La protagonista incanta tutti con la sua semplicita, il coraggio di essere se stessa comunque, e le sue scelte coraggiose. Il protagonista grazie a lei si sveglia dal letargo e ricomincia ad entrare in linea con la propria anima artistica sacrificata sull' altare del successo.

  • User Icon

    carlo alberto anzuini

    19/10/2006 09:40:16

    Ho visto solo ora il film. Un film davvero gradevole, in cui le mie simpatie vanno di certo al personaggio di Laura, una donna tormentata, ma positiva, che vive pienamente le sue emozioni e non si maschera nel ruolo, dal quale appare distaccata e presente a se stessa; Lo Cascio è bravissimo, ma non mette mai se stesso in discussione, come fa invece Laura: lui non azzarda, non rischia, è rinchiuso e proiettato nel nel suo lavoro, ma non ha un buon rapporto con se stesso; si è costruito una scorza coriacea, pieno di difese e incapace di abbandonarsi, se non nella finzione del set. Nella scena seduti a casa di lui Laura gli chiede se recita o è se stesso e lui le risponde che recitare è qc. di "razionale", come a voler dire che anche in scena da parte di lui non c'è partecipazione emotiva, il controllo e la compassatezza lo rendono impenetrabile, con un Io scarrucolato che non ha un'identità. Il litigio con Laura in automobile evidenzia appunto la natura fragile di lui, malfidato, insicuro, vanitoso, direi finanche arrogante e invidioso di lei, non solo come promettente attrice, ma soprattutto perché LIBERA E INGESTIBILE, non controllabile; lui vorrebbe averla sempre accanto come un narcisista, che non comunica veramente con l'altra, non vuole essere partecipe di un'intima comunione a due e imposta il rapporto, se tale può chiamarsi, con una tacita e latente paratia di esclusione, con rigidità, in cui o Laura si adegua a lui e alla sua depressione di uomo straniero a se stesso, oppure non le rimane che essere cacciata, o si ingloba, si adatta oppure viene respinta. Laura mi sembra troppo arrendevole, pur nella sua dolcezza e disponibilità, poiché proprio mettendosi in discussione sul suo futuro lavorativo, dimostra di non avere interesse né per ruoli né per maschere, è una donna che ha rispetto di se stessa, laddove lui, pur nell'apparente sicurezza di attore affermato, dimostra più volte di essere un uomo che si disprezza, che non si vuole bene e recita per cercare di essere un altro da sé, ma forse neanche lo sa.

  • User Icon

    gianni43

    19/05/2006 22:45:24

    Un film interessante ma non del tutto riuscito. E non tanto perché la struttura del film nel film non è proprio il massimo dell'originalità, quanto per il fatto che gli snodi della vicenda raccontata sono piuttosto prevedibili e che il film dura una diecina di minuti di troppo, il tempo necessario al regista per ammannirci un finale melenso con tanto di pupo risolutore dei conflitti. Troppo facile! E' un vero peccato perché Piccioni, nonostante i limiti che ho ricordato, era riuscito comunque a mostrare le sue consuete doti narrative ed a proporci momenti anche di una certa intensità. Bravissima la Ceccarelli, non sempre all'altezza Lo Cascio che troppo si affida ad espressioni cupe e disgustate che a lungo andare stancano.

  • User Icon

    Cheri Passell

    05/05/2006 22:38:02

    Sono americana e magari il cinema americano fosse così bello. Mi mancano le parole in italiano, ma gli sguardi di Lo Cascio e La Ceccarelli mi sono fatta "melt" -- come si dice "melt" in italiano???

  • User Icon

    Francesco

    04/11/2005 23:09:14

    OTTIMO FILM !!! Fantastici la Ceccarelli e Lo Cascio, che evevo gia' apprezzato in "Luce dei miei occhi".

  • User Icon

    laura roverselli

    04/09/2005 18:26:33

    Gran bel film. La Ceccarelli colpisce per la dolcezza, Lo Cascio per la straordinaria bravura. Molto convincenti entrambi

  • User Icon

    Chiara

    31/08/2005 20:44:23

    Merita il primo premio della sagra del cattivo gusto! Volevo il rimborso del biglietto!

  • User Icon

    clizia

    18/06/2005 15:26:55

    A LO CASCIO TUTTI I PREMI CINEMATOGRAFICI ESISTENT, PLEASE!!!!

  • User Icon

    Marina V.

    19/05/2005 09:14:00

    Giuseppe Piccioni ritrova la coppia Luigi Lo Cascio - Sandra Ceccarelli per firmare una pellicola che è un canto d'amore per il cinema. I due protagonisti recitano nel ruolo di Stefano e Laura, due attori che nel corso del film vediamo interpretare un'opera in costume nella parte di Federico ed Eleonora, in quella che appare una ennesima versione della Signora delle camelie. Un film nel film insomma, con continui rimandi dalla realtà alla finzione e viceversa. L'idea intelligente di Piccioni sta nel tessere una sceneggiatura intrigante ed elegante, Eleonora e Federico si sovrappongono pian piano a Stefano e Laura, il gioco di specchi tra chi è chi è crescente ed appassionante, e ci porterà al doppio finale della storia con la vicenda privata dei due attori che è in qualche modo rovesciata e speculare a quella vissuta sul set. Fa da sfondo a tutto ciò una partecipata caratterizzazione del work in progress di un film, con tutta la varia umanità che gira attorno alla produzione, ed è una visione dall'interno dei meccanismi cinematografici imperdibile per chi ama il cinema. Oltre alla maiuscola interpretazione di Lo Cascio e di Ceccarelli, lui che disegna un cuore in inverno in crisi d'identità, tutto mestiere e rigore tanto da risultare freddo nella recitazione, lei solare ed estrosa nel mettersi in gioco attraverso il filtro della recitazione epperò non meno schiava di dubbi di lui sull'utilità e l'opportunità di continuare un lavoro a cui non ha mai creduto fino in fondo, ciò che è delizioso nella pellicola è anche la costruzione dei personaggi secondari, ad esempio l'agente furbetto che cerca il suo tornaconto, o l'attore postulante querulo nei confronti del regista al quale chiedere finalmente la parte che farà decollare la carriera. Proprio un bel film, con momenti divertenti, toccanti, uno spaccato d'ordinaria vita da star, che sapientemente illustra di che sudore gronda la magia del cinema. A chiudere le note mai così appropriate di Gianna Nannini nel sulfureo tango "Amandoti".

  • User Icon

    Sandra Ceccarelli ha uno sguardo molto misterioso.Fino a questo film ella era sempre buonissima attrice,ma senza dubbio questo e' il migliore.In questo film il direttore ha scoperto un'altra faccia di Sandra Ceccarelli,vivida,erotica,moderna,decadente..che assomiglia un po' di Claudia Cardinale nei film di Francesco Maselli. Sono un giapponese e sono sempre un'ammiratore del film italiano.Pero' sono triste , non potevo recentemente trovare bei film italiani tale di Antonioni,Visconti,Fellini,Maselli,Cavani,Bellocchio,Bertolucci ecc...Solo pochi film erano belli,per esempio Zuppa di Pesce e Cinque Giorni di Tempesta di carissima Chiara Caselli. Ma io credo con la mia gioia che questo film e' una grande e giovane identificazione della gloriosa storia del film italiano.Mi e' piaciuto moltissimo la scena in cui Sandra danza con una musica disco-teca.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione
  • Produzione: 01 - Home Entertainment, 2005
  • Distribuzione: Rai Cinema - 01 Distribution
  • Durata: 125 min
  • Lingua audio: Italiano (DTS 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti; Inglese
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Contenuti: video musicale: "Amandoti" di Gianna Nannini; scene inedite in lingua originale; dietro le quinte (making of); foto; commenti tecnici: commento del regista; provini