Una vita come le altre

Alan Bennett

Traduttore: M. G. Gini
Editore: Adelphi
Collana: Fabula
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 24 novembre 2010
Pagine: 172 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788845925474
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,18
Descrizione
"Ci sono stati altri casi di malattia mentale nella vostra famiglia?". Comincia così, con la domanda di un assistente sociale dello Yorkshire, questo commovente viaggio interiore di Alan Bennett. Siamo nell'istituto psichiatrico dove l'anziana madre è stata ricoverata per una grave forma depressiva - così almeno viene definita. Comunque sì, ci sono stati altri casi in famiglia, ma lui non lo aveva mai saputo. È il padre a svelare per la prima volta, in un atto burocratico e liberatorio, la fine drammatica e segreta del nonno di Bennett, e a indurlo a esplorare le storie nascoste e dimenticate degli altri parenti. Ma come si distingue la malattia mentale dalle manie, dalle fobie, dal silenzio, dall'infelicità? Da parte di uno scrittore che in passato non poteva "neanche togliersi la cravatta senza prima far circondare la casa da un cordone di polizia", un libro come questo è un dono inaspettato. Solo di recente, infatti, Alan Bennett ha sentito il bisogno di dedicarsi a quell'attività vagamente disdicevole che è lo scrivere di sé. Cambiando tonalità, forse, rispetto agli scritti esilaranti e feroci che gli hanno dato la celebrità, ma sempre con lo stesso sguardo acuminato e instancabile. Uno sguardo di un'onestà dolente, poco caritatevole soprattutto verso le sue manchevolezze. E l'umorismo? Sotteso - o forse sospeso - in ogni pagina come uno strumento di interpretazione insostituibile, col quale ci si può destreggiare anche fra le tragedie della vita.

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Roberto

    19/09/2018 06:38:15

    Non amo molto le biografie, o le autobiografie, in genere. Le prime perché i biografi tendono, per vendere di più, a esagerare se non inventare aneddoti, presunti, talvolta inediti; le seconde perché, essendo parecchio diffidente sul genere umano, credo che nessuno racconti la verità nuda e cruda (ooops, citazione dallo stesso Bennett), tanto meno su se stessi. Eppure, il grande Bennett dà ancora una volta il meglio, con uno sguardo disincantato, innamorato e spesso cinico, altre volte ironico come chi lo conosce già ben sa, delle proprie radici. Serve leggerlo, perché lettura estremamente piacevole, e serve leggerlo perché ci aiuta a comprendere e conoscere meglio uno dei più grandi narratori inglesi del '900. God save the writer!

  • User Icon

    jane

    06/02/2013 15:55:36

    Non è un libro allegro, anche se tante pagine piene di ironia divertono e evitano i toni drammatici. Le osservazioni su manicomi, ricoveri, ospedali, vecchi e malati sono spietate ma purtroppo vere. Non è un libro a tesi o un saggio, secondo me Bennett si propone solo di rievocare i genitori con le loro abitudini e caratteristiche, le "stranezze" della madre, l'umanità del padre e il loro indistruttibile amore : tutti questi ricordi sono ricostruiti con affetto e pietà ma anche con puntigliosa acutezza,senza né vittimismo né autocompiacimento, ma con tanta dolente umanità .

  • User Icon

    Jany

    24/01/2013 16:39:21

    Libro interessante ma non appassionante.

  • User Icon

    Mara

    06/05/2012 20:42:40

    Mi ha sempre colpito, nei libri d Alan Bennett, lo sguardo pieno di compassione verso i suoi personaggi, dei quali si ride, ma quasi con tenerezza. In questo libro, autobiografico, si capisce da dove nasce questo sguardo. La sua famiglia, a cominciare dalla madre, e prima dal nonno materno, è stata duramente colpita dal disagio psichico, in particolare dalla depressione. Una famiglia "come le altre", per riprendere il titolo - e io direi anche migliore delle altre, a giudicare ad esempio dal legame di amore fra madre e padre - eppure, nonostante ciò, colpita da una malattia che una visione riduttiva voleva unicamente frutto dell'oppressione familiare. Che Bennett abbia aspettato i 70 anni per scoperchiare questo non-detto di sofferenza, non è certo sorprendente, ma gli dobbiamo molto per aver trovato il coraggio di farlo.

  • User Icon

    Annarita

    18/03/2012 22:34:54

    Alan Bennet è uno scrittore che si distingue per la sua ironia e la sua acuta capacità di osservare situazioni e persone e di coglierne tratti particolari caratterizzanti. E' un autore capace di dare vita "plausibile" a personaggi sopra le righe - penso alla "Sovrana lettrice" - personaggi ai quali dona spesso una seconda possibilità e che mostrano al lettore come l'animo umano sia semplice eppure imprescrutabile. Una vita come le altre è un affettuoso tributo alla sua famiglia di origine. Uno sguardo lucido e al contempo amorevole ai suoi genitori e alle sue zie, alle loro storie apparentemente ordinarie eppure uniche, alle loro debolezze e manie, alle loro sofferenze e alle loro piccole gioie. Ne esce un quadro buio, descrittivo di tante figure femminili ambiziose e insoddisfatte su cui spicca la figura di un padre modesto e tuttavia "grande", un uomo che ha amato generosamente la propria moglie, afflitta troppo presto da demenza senile, e alla quale ha finito per consacrare e sacrificare la propria esistenza. E tutto questo Bennet ce lo racconta con innato senso dell'umorismo e attraverso il filtro della sua inevitabile ironia, ma sempre con il coraggio di voler guardare dietro le apparenze per spiegare, o perlomeno ipotizzare, le ragioni di molti bizzarri comportamenti umani.

  • User Icon

    Fabio F

    09/07/2011 08:42:00

    Struggente e commovente fino alle lacrime. In una sola parola "bello"

  • User Icon

    sordello

    06/06/2011 11:55:57

    Libro scorrevolissimo, a tratti toccante e con un fondo di ironia tipica dell'autore inglese. La storia si presta a varie riflessioni, una vita ma anche una famiglia come tante altre..."Tutte le famiglie felici sono uguali. Ogni famiglia infelice è invece infelice a suo modo". Questo è il modo di Alan Bennett.

  • User Icon

    Biagio Mastrangelo

    02/02/2011 10:01:27

    Bennett è uno scrittore straordinario, fà della sua vita un romanzo perfetto: riesce a far sorridere descrivendo le zie, e fa riflettere e commuovere quando descrive i suoi genitori. Una grande, grande penna! Lo consiglio.

  • User Icon

    valentina

    19/12/2010 11:43:29

    4 per la prima parte, 2 per la seconda, in cui utilizza il tempo presente, ed in cui -secondo me- perde un po' il distacco che invece, nella prima parte, gli ha permesso di fare della storia della sua famiglia una narrazione romanzata.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Alan Bennett ha ormai una reputazione salda anche in Italia, per i monologhi brillanti, per le scritture drammaturgiche più classiche, amate nel West End, come La pazzia di re Giorgio e The History Boys, entrambi portati sullo schermo da Nicholas Hytner e il secondo recentemente proposto in Italia dal Teatro dell'Elfo. Il talento di scrittura per questo attore, che era esploso nello spettacolo satirico Beyond the Fringe, insieme a Dudley Moore e Jonathan Miller, era venuto in luce proprio nel frenetico bisogno di aggiungere sketches a un lavoro che dal festival di Edimburgo era rapidamente approdato nei più prestigiosi spazi di Londra e New York. I suoi testi più noti per la scena, come La signora nel furgone e quelli raccolti in Signore e signori, entrambi pubblicati da Adelphi (rispettivamente nel 2003 e 2004), sono ritratti di personalità al confine tra fasi diverse della propria esistenza. Un po' come accadeva alla borghese protagonista di Nudi e crudi (Adelphi, 2001) che vedeva il suo appartamento svuotato dai ladri e perdeva, letteralmente, il senso della sua persona, scandita da una maniaca passione per il Così fan tutte di Mozart e da una esclusiva serie di rituali linguistici condivisi con il marito, altrettanto annichilito dall'evento. La maggior parte delle Talking Heads, come voleva il titolo di un suo celeberrimo programma per la Bbc non appartengono a teste coronate, ma anzi a persone dalle vite grigie, spesso vissute in periferie di città industriali. Bennett, che in primo luogo studiò storia medievale, viene proprio dallo Yorkshire delle fabbriche, oggi in buona parte abbandonate. Da quei luoghi di nere polveri sospese, che rendevano impossibile tenere in ordine le case o fare un bucato con una certa facilità, partì per la sua conquista del mondo. Oggi, verso i settanta, torna decisamente a quell'ambiente, con la sua maggiore, finora, prova narrativa, uscita nel 2009 in Inghilterra e che ora opportunamente Adelphi propone a tamburo battente nella felice traduzione di Mariagrazia Gini, con il titolo Una vita come le altre. In queste pagine autobiografiche si scopre il centro di una osservazione minuta, sarcastica eppure compartecipata, che è il segreto di una scrittura fatta di puntini di sospensione, pause apparentemente divaganti, calcolatissime rivelazioni mascherate nella conversazione di routine. La storia si dipana da una prima scena madre: insieme al padre, lo scrittore si reca nel 1966 da un assistente sociale per parlare della madre, che dopo il trasferimento in un villaggio, vive di paranoie e ossessioni. Dopo l'ennesima crisi, il consorte che la ama moltissimo, ha deciso a malincuore di portarla in una clinica psichiatrica, che al primo ricovero sembra uscire dalle incisioni crudeli per La carriera di un libertino di Hogarth. La domanda finale è: "Ci sono altri casi in famiglia?". Risposta all'unisono: no, salvo che poi all'uscita, il genitore ammette che suo suocero, Mr Peel, di cui tutti avevano sempre saputo fosse morto per infarto, si era in realtà suicidato, dopo turbe che avevano minato la sua percezione della realtà. Da qui si dipana il viaggio di una "famiglia come le altre", che proprio come tutte, ha i suoi segreti e le sue bugie e i suoi momenti di gloria. La vita quotidiana a Leeds era vissuta dalla famiglia dell'autore in una chiave di sobrietà, stando sempre attenti a non essere "ordinari", a non farsi notare troppo cioè, a non dare in scalmane, talmente understated da non poter infine non nutrire ansie e fobie di ogni tipo. Bennett dichiara qui la sua opera come dialogante in modo diretto con questa scombinata saga, visto che certi momenti corrispondono all'ispirazione per certi passi di testo, come svela, via via, compiendo una vera e propria archeologia della propria ispirazione. Le sorelle Peel trionfano, su toni decisamente diversi. Zia Myra, che era stata a lungo in Oriente ed era una vera e propria drama queen, sempre sopra le righe, intenta a mostrare le sue foto in sari con il marito, pilota della Raf, sarà infine vittima del proprio dovere monomaniaco, della propria fedeltà ossessiva a una vita da caserma. Zia Kathleen, logorroica, zitella addetta alla custodia della nonna, troverà, fuori tempo massimo, un improbabile consorte, un nanesco australiano, che farà di tutto per portarla al suo paese, prima di precipitare anche lei nelle braccia della follia e morire, tristemente, fuggendo per una "passeggiatina" dalla clinica psichiatrica. La madre, di cui compaiono molte fotografie dall'album di famiglia, come accade anche per gli altri personaggi citati, resta per quasi tre decenni ospite di ospedali e case di riposo, fino alla scomparsa, dimenticata subito, perché troppo a lungo prevista. Le pagine che spiccano sono soprattutto quelle dedicate all'impossibile dialogo con lei, che sempre meno lo riconosce, negli ultimi anni di vita. L'imbarazzo, l'impossibilità di dichiarare i propri sentimenti a voce alta, si declina in strazianti rituali, come quello di mettersi a fianco, sul cuscino, per cercare un impossibile riconoscimento. Nel frattempo le parole, sempre più difficili da dire, sono firmate da una persona che si riconosce nell'identikit di un pensionato britannico tipo, ossessionato dalla storia familiare, alla ricerca di segreti sepolti, per comprendere in primo luogo se stesso e i propri moventi. Luca Scarlini

Nonostante fosse una famiglia normale, quella di Alan Bennett non era mai riuscita ad essere uguale alle altre. Forse è per questo motivo che il figlio minore ha sviluppato questo sguardo ironico e disincantato sul mondo, perché le scene di vita quotidiana a cui ha assistito sin dall’adolescenza lo hanno portato a cogliere le espressioni più straordinarie anche in situazioni apparentemente normali.
Scrittore, sceneggiatore teatrale e televisivo di successo, noto per le sue commedie umane popolate da personaggi sempre un po’ sopra le righe (Nudi e crudi, La signora nel furgone, La sovrana lettrice), Alan Bennett in questo memoir fa un omaggio toccante ai suoi genitori, a suo padre Walt, a sua madre Lilian e alla loro unione decisamente fuori dall’ordinario. Nonostante provenissero entrambi da famiglie piccolo borghesi, i Bennett avevano un contegno e un’educazione estremamente rigorosi. Lui era un macellaio molto sui generis: mingherlino, placido, quasi intimorito di fronte al mondo. Lei una casalinga con una grande passione per le cose “di classe”, dove per “classe” non s’intende il ceto sociale, ma tutto quello che si discosta dall’ordinario.
In generale i Bennett odiavano attirare l’attenzione, partecipare al trambusto familiare, suscitare i commenti dei vicini. Quando, dopo la pensione di Walt, si erano trasferiti da Leeds a un minuscolo villaggio della zona dei Dales, il bisogno di Lilian di “passare inosservati” era sfociato in un atteggiamento maniacale di diffidenza nei confronti di vicini, passanti, automobilisti che transitavano per caso sotto le sue finestre.
Alan Bennett ricorda in queste pagine, con una lucidità struggente, tutte le volte in cui sua madre indicava tremante l’intruso immaginario nascosto nella dispensa o in un armadio, le giornate che trascorreva nascosta in qualche angolo della casa aspettando che la paura passasse, mentre suo padre tentava di riportarla alla ragione. Dopo la prima crisi del 1966 e per i trent’anni successivi, sua madre aveva subito diversi ricoveri in varie cliniche psichiatriche, conclusisi quasi sempre con un elettroshock e la conquista di un breve e instabile periodo di pace.
Suo padre in tutti gli anni della sua malattia - che all’inizio era stata scambiata per depressione ma che in realtà era una forma di demenza senile - aveva dimostrato un amore e una devozione commovente nei confronti di sua moglie e una fiducia quasi ingenua nel suo recupero.
Lunghi anni di crisi improvvise ed emergenze, telefonate nel cuore nella notte, ricoveri coatti e terapie d’urto ai quali Alan Bennett assiste da spettatore, senza mai interrompere la sua attività di scrittore e senza mai pensare che la sua biografia potesse contenere degli spunti interessanti per i suoi scritti. Fino alla scoperta della verità: la vera causa della morte di suo nonno, la fuga di sua zia, i segreti che hanno reso la sua famiglia diversa da tutte le altre. Lo scrittore inglese rovista nei suoi ricordi familiari raccontandoci una grande storia d’amore. Lo fa senza indulgenza, utilizzando il suo solito sguardo disincantato e tratteggiando due personaggi che hanno saputo trasformare la tragedia di un male oscuro nella commedia della vita quotidiana.