Categorie

Bertolt Brecht

Traduttore: E. Castellani
Editore: Einaudi
Edizione: 6
Anno edizione: 1971
Pagine: 150 p.

67 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Classici, poesia, teatro e critica - Letteratura teatrale

  • EAN: 9788806062965

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    16/08/2015 22.43.44

    Se la verità non occupa il binario di coda vive o come una cartaccia che presto verrà gettata dal finestrino o come una povera clandestina senza biglietto costretta a scendere alla prima stazione. Perchè la verità esiste, ma gli uomini vogliono il falso, vogliono il male, scelgono l'accomodante maschera posticcia che nasconde alla buona le pustole palesi di sotto, le proprie colpe grandi come castelli, ed è il racconto del metterla a tacere che la affonda o tenta di affondarla, e il tutto perchè in fondo si è incapaci di comprenderne la portata, l'avvento, la grandezza. Non so pensare ad altra immagine di fronte a questo testo mirabile, storia di un conflitto fra visione dirompente e rigido assioma, conquista rivoluzionaria e ostilità conservatrice. L'abiura cos'è del resto se non il cedere di un uomo che è nel giusto alle nerbate della chiusura mentale? Brecht disegna un Galileo perfetto, uomo prima che scienziato, in un gioco di tormenti e ammissioni che alla fine scompaginano, con voce di magnifico teatro, la tela impeccabile delle questioni sul tavolo. La fragilità che accetta il credo del potere non è codardia o piglio diminuito, ma la mossa di un lungo movimento di azioni e parole che il tempo saprà poi cullare sui suoi rami durevoli dandogli fioritura di verità, appunto. E infatti è quello che è successo. Sventurato il teatro che fa a meno di Brecht.

  • User Icon

    Edson

    23/01/2015 00.57.58

    La figura di Galileo, uno dei creatori della scienza moderna, fa il più vivo contrasto con lo sfondo autoritario e repressivo della società in cui visse. Sull'Italia della seconda metà del Cinquecento è sceso il buio di una condizione generale di uniformitè e di silenzio, aggravata dal dominio straniero, dai governi assolutistici e dal regime inquisitorio della Controriforma. Galileo rappresenta, per tradizione, il simbolo dello scienziato combattuto da chi detiene il potere culturale e politico e valuta ogni nuova scoperta innanzitutto come una minaccia per l'ordine esistente. Ma Bertold Brecht va oltre una contrapposizione troppo facile tra la scienza intesa come verità ed eroismo e il potere inteso come pura oppressione. Togliendo a Galileo l'aureola del martire ("sventurata quella nazione che ha bisogno di eroi"), ne fa si una vittima dei suoi persecutori, ma anche delle sue incertezze e dei suoi cedimenti di uomo. Ne fa una figura reale, calata in luoghi e tempi reali, a contatto con le situazioni e le istituzioni che non potevano apparire a Galileo nella stessa prospettiva semplificata in cui le vediamo oggi. Ma proprio grazie a questo modo di rappresentare il dramma di Galileo, e non formulando una morale esplicita, ma lasciando al lettore la "calma libertà" per riflettervi, Bertold Brecht approfondisce il tema del repporto tra scienza e politica, tra verità e potere, assai più che se lo avesse idealizzato e stilizzato astrattamente. Questo rapporto, suggerisce l'autore, va visto nel concreto delle lotte sempre complesse, talora contraddittorie, che si combattono all'interno di ogno società, tra uomini e tra classi; e la scienza non è buona per se stessa, ma lo diventa proprio nella misura in cui rinuncia alla pretesa di non avere alcun rapporto col sostrato ideologico da cui nasce e col mondo della pratica con cui interagisce.

Scrivi una recensione