Vita di Napoleone

Stendhal

Traduttore: P. Bertolucci
Editore: Garzanti Libri
Collana: I grandi libri
Anno edizione: 1999
Formato: Tascabile
Pagine: XXVI-294 p.
  • EAN: 9788811588238
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 7,02

€ 8,26

Risparmi € 1,24 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    gprbzz@tin.it

    19/08/2001 19:12:49

    E’ arcinota la venerazione che Stendhal ebbe per Napoleone, e a chi la condivide e non lo abbia letto questo potrà sembrare il libro giusto sull’uomo giusto. Ma non è così, e nessuno nel vasto e controverso mondo della storiografia sbaglia come chi ciò pensa. Quest’opera, mai pubblicata dall’autore, e anzi nemmeno mai rifinita, è una furiosa serie d’appunti, e di malscritti e raffazzonati spunti (altro che la mirabile concisione de Il rosso e il nero!) contro l’Imperatore. Cui Stendhal non risparmia un’accusa che sia una, rimproverandolo d’avere stupidamente sprecato, per scarso ingegno politico, per debolezza caratteriale e per vanità, – lui che poteva! - l’occasione di cambiare il mondo. Ci è noto quel che possono, nell’animo dei puri, le delusioni d’amore, ma francamente l’innamorato Stendhal ci ha sbalorditi. E a M.me De Stael e ai conservatori che anche ora che nella polvere di Sant’Elena quel Grande, impotente e disperato, giace lo demonizzano, risponde: - dite che Napoleone fu un tiranno, un despota sanguinario? No, egli fu solo un pusillanime cui mancò sempre il coraggio di osare; - sostenete che mise a ferro e a fuoco l’intera Europa? Al contrario; egli non iniziò mai una guerra e quando mosse i suoi eserciti lo fece solo per difendersi. E quando avrebbe potuto distruggere l’Austria e la Russia molti inopportuni scrupoli lo colsero e con le paci di Campoformio e di Tilsit irragionevolmente rinunciò a mettere la parola fine alla storia della vecchia Europa; - lo calunniate dicendo che fu spietato con i realisti, i nobili e i fuoriusciti? Mentite sapendo di mentire; egli si rovinò con le sue stesse mani usando loro una eccessiva indulgenza, e mai risolvendosi ad estirpare la malapianta che rigogliosa gli cresceva intorno e più e più volte attentò alla sua vita. - lo criticate dicendo che fu un autocrate che soffocò il respiro democratico del Paese? E’ vero solo il contrario, giacché fu propr

Scrivi una recensione