Categorie
Curatore: G. Cattaneo
Editore: Garzanti Libri
Collana: I grandi libri
Edizione: 11
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: XLI-332 p. , Brossura
  • EAN: 9788811361961

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Piero Giombi

    03/03/2012 20.07.24

    Lettura godibilissima. Il libro meriterebbe una maggiore diffusione. Leggo che a un lettore ha fatto impressione la lucidità con cui Alfieri giudicò la Rivoluzione francese. A me ha colpito la sua descrizione di San Pietroburgo nel 1770, dopo ben otto anni di governo della presunta grande Caterina II: un accampamento di barbari. E questa era di gran lunga la città più avanzata della Russia: figuriamoci il resto. A quell'epoca, ho letto nella splendida "Storia della letteratura russa" di Mirskij, erano più diffusi i libri manoscritti che quelli a stampa. Nel 1770 !

  • User Icon

    Francesco Zanetti

    26/06/2010 18.01.56

    Si consideri l'abisso che si origina paragonando a questo scritto di Alfieri "Vita di Henry Brulard Ricordi d'egotismo" di Stendhal.

  • User Icon

    Damiano

    04/09/2008 10.54.46

    Autobiografia divertente, piena di ironia e autoironia, la cui lettura susciterà un moto di simpatia e amichevole complicità verso il tragediografo. Sorprenderà soprattutto chi dell'Alfieri ha solo una (vaga) conoscenza scolastica (cioè il 99,999999 % di chi leggerà mai queste righe, oltre al sottoscritto, naturalmente). Interessante (e confortante) è ascoltare il giudizio che egli diede sulla rivoluzione francese, di cui intuì subito il carattere sanguinario e canagliesco.

Scrivi una recensione