Categorie

Vita e morte di Ezzelino da Romano. Testo latino a fronte

Rolandino da Padova

Curatore: F. Fiorese
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2004
Pagine: LXX-665 p., Rilegato
  • EAN: 9788804527275
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 25,50

€ 30,00

Risparmi € 4,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

26 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Rolandino, notaio e professore universitario, nato a Padova nel 1200 e lì morto nel 1276, è autore di un'importante cronaca del Veneto - che allora si chiamava Marca Trevigiana - fra il 1220 e il 1260. La figura dominante in quel periodo è il famigerato Ezzelino III da Romano, membro di spicco di una delle quattro famiglie che a quel tempo controllavano la Marca. Tutta la cronaca di Rolandino ruota attorno alla figura di questo celebre "tiranno", ghibellino e alleato dell'imperatore Federico II, intelligente e crudele, che in una trentina d'anni sviluppa una politica personale di dominio, di tipo presignorile, che coinvolge Padova e altre importanti città della regione. Ezzelino è dunque il personaggio centrale della cronaca e in questo senso è pienamente giustificato il titolo della presente edizione (che è anche la prima traduzione italiana della cronaca), che ricalca d'altronde quello già antico di Ecerina con il quale era conosciuta, che a sua volta richiama quello della famosa tragedia ezzeliniana di Albertino da Mussato. È verosimile che Rolandino abbia lavorato a partire da ricordi personali e da appunti presi nel corso della sua attività pubblica di notaio: anche se nella cronaca parteggia per il comune e il suo ceto dirigente, egli deve aver continuato a svolgere il suo ufficio durante la tirannide, probabilmente in una posizione non schierata ma che tuttavia gli ha consentito di avere conoscenza diretta di persone e di fatti e accesso a documenti. Il risultato è una cronaca assolutamente eccezionale, un affresco di storia del Veneto in un momento di grandi sommovimenti politici, fra impero in declino e società cittadina in trasformazione, e insieme un ritratto molto marcato e molto penetrante di un signore, che anticipa quello dei principi di uno o due secoli dopo.

Walter Meliga