Topone PDP Libri
Salvato in 308 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio
16,15 € 17,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+160 punti Effe
-5% 17,00 € 16,15 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,15 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Max 88
17,00 € + 3,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
LIBRERIA KIRIA
17,00 € + 4,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
17,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
17,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
17,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Anarres
17,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
17,00 € + 5,95 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
GIOLICART 4.0
17,00 € + 6,50 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libraccio
9,18 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,15 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Max 88
17,00 € + 3,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
LIBRERIA KIRIA
17,00 € + 4,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
17,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
17,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
17,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Anarres
17,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
17,00 € + 5,95 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
GIOLICART 4.0
17,00 € + 6,50 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
9,18 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio - Remo Rapino - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio Remo Rapino
€ 17,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Vincitore Premio Campiello 2020. Nella dozzina del Premio Strega 2020. Finalista Premio Napoli 2020, sezione Narrativa

Attraverso il miracolo di una lingua imprevedibile, storta e circolare, a metà tra tradizione e funambolismo, Remo Rapino ha scritto un romanzo che diverte e commuove, e pulsa in ogni rigo di una fragile ma ostinata umanità, quella che soltanto un matto come Liborio, vissuto ai margini, tra tanti sogni andati al macero e parole perdute, poteva conservare.

Liborio Bonfiglio è una "cocciamatte", il pazzo che tutti scherniscono e che si aggira strambo e irregolare sui lastroni di basalto di un paese che non viene mai nominato. Eppure nella sua voce "sgarbugliata" il Novecento torna a sfilare davanti ai nostri occhi con il ritmo travolgente e festoso di una processione con banda musicale al seguito. Perché tutto in Liborio si fa racconto, parola, capriola e ricordo: la scuola, l'apprendistato in una barberia, le case chiuse, la guerra e la Resistenza, il lavoro in fabbrica, il sindacato, il manicomio, la solitudine della vecchiaia. A popolare la sua memoria, una galleria di personaggi indimenticabili: il maestro Romeo Cianfarra, donn'Assunta la maitressa, l'amore di gioventù Teresa Giordani, gli amici operai della Ducati, il dottore Alvise Mattolini, Teté e la Sordicchia... Dal 1926, anno in cui viene al mondo, al 2010, anno in cui si appresta a uscire di scena, Liborio celebrerà, in una cronaca esilarante e malinconica di fallimenti e rivincite, il carnevale di questo secolo, i suoi segni neri, ma anche tutta la sua follia e il suo coraggio.

Proposto per il Premio Strega 2020 da Maria Ida Gaeta: «È un libro non collocabile facilmente né per generazione né per lingua in un contesto già noto della narrativa italiana. È un libro che sorprende per la scatenata vitalità e autenticità della lingua. È un libro che poggia sapientemente su una grande tradizione ed è popolare. Sta dalla parte dei matti, degli idioti, fuori dai margini, dove spesso sta la letteratura o comunque dove la letteratura sa stare. Un libro in cui un "cocciamatte" di paese, un uomo che non ha mai conosciuto il padre e che ha perso la madre da ragazzino, ormai anziano, solo, racconta in prima persona la sua vita e nel farlo riattraversa buona parte del Novecento. Con un linguaggio gergale e personalissimo, intriso di dialetto abruzzese, scorrono le vicende di una esistenza segnata da una infanzia e una giovinezza povere , il servizio militare in Friuli, il ritorno a casa, di nuovo la ripartenza per cercare lavoro al nord, il lavoro in fabbrica, lo sfruttamento e la scoperta della politica, il legame e la solidarietà con gli altri emarginati, la disillusione e la fine dei sogni di riscatto, il carcere e il manicomio, fino al definitivo ritorno al paese dove viene accolto come “cocciamatte” e da questa condizione si mette a scrivere, a più di ottanta anni e prima di morire. E scrive con grandissima umanità, commuovendo e divertendo i lettori. È un romanzo che ha una voce. Le vicende narrate e lo stile della scrittura sono il personaggio stesso, coincidono. Il matto Liborio con la sua vita sconquassata, con il suo parlato /scritto, con i suoi amici e i suoi nemici, con la solitudine che lo avvolge, si fa ascoltare e ci conquista.»

Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2019
10 settembre 2020
265 p., Brossura
9788833890876

Valutazioni e recensioni

4,3/5
Recensioni: 4/5
(132)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(73)
4
(36)
3
(17)
2
(2)
1
(4)
Roberto Buono
Recensioni: 5/5

ome ci suggerisce il titolo, il libro tratta la vita di Bonfiglio Liborio, classe 1926, abruzzese di nascita. 🏚 Già dalle prime pagine appare chiaro al lettore che la vita del protagonista è tutt’altro che semplice. Liborio, infatti, viene abbandonato dal padre prima della sua nascita e perde la madre in giovane età. 🏚 Occorre dire che, però, Liborio ha dalla sua una qualità che lo contraddistingue nel suo iter formativo e di crescita personale: è una persona buona, limpida, incapace di fare del male al suo prossimo. 🏚 Proprio questa bontà, però, farà sì che tutte le persone che incontrerà nel suo cammino se ne approfitteranno della sua ingenuità, alla stregua di un Lucignolo col suo Pinocchio, stilizzato in chiave popolare. 🏚 La peculiarità di questo romanzo è che Remo Rapino utilizza il dialetto abruzzese per richiamare le memorie di Liborio (ma tranquilli perché l’autore fornisce un vero e proprio “glossario italiano <-> abruzzese” nelle pagine finali). 🏚 “Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio” risulta una chicca davvero da non perdere sia per lo stile unico nel suo genere che per le descrizioni psicofisiche dei personaggi, che si rivelano profonde e laceranti per il lettore. 🏚 Consiglio, infine, di ascoltare lo stesso audiolibro su @storytel.it poiché #fabriziogifuni - voce del racconto - possiede una capacità interpretativa ineffabile, che si traduce in un’esperienza di lettura davvero indimenticabile!

Leggi di più Leggi di meno
Vito
Recensioni: 4/5

Bel libro, particolare: mi ha colpito il personaggio, Bonfiglio Liborio, del quale viene spiegata la sua "stranezza"

Leggi di più Leggi di meno
Mariaelena
Recensioni: 4/5

Bonfiglio Liborio è un "Cocciamatte", così lo ha definito la gente del paesino in cui è nato e cresciuto, cocciamatte perché se ne sta sempre per conto suo, perché d'inverno nasconde nelle tasche del cappotto pietre pesanti per impedire al vento gelido di portarselo via, perché è nato da una madre stanca e da un padre sconosciuto. Eppure una cosa di lui la sa: ha gli occhi proprio uguali ai suoi, almeno così gli ha sempre raccontato la sua mamma. La vita di Liborio è un viaggio, un peregrinare in tante città italiane a cominciare da quella in cui viene chiamato a svolgere il servizio militare, passando per molte altre che lo porteranno a lavorare per pochi spiccioli, a partecipare a comizi politici, a cercare di sbarcare il lunario in un'esistenza fatta di solitudine e precarietà. E così, mentre gli anni passano, vediamo scorrere sulle pagine la vita di Liborio e, con essa, i momenti salienti della politica e della storia d'Italia, tutti filtrati attraverso i suoi occhi. Non è in questo che risiede, per me, la particolarità di questo romanzo, ma piuttosto nel peculiare pastiche linguistico di cui Rapino si è servito per raccontarlo. Infatti alla lingua italiana si incastrano strutture sintattiche ed elementi lessicali del dialetto abruzzese caro allo scrittore. È questo che rende la voce di Bonfiglio Liborio pura, autentica e credibile agli occhi del lettore. La lingua è ciò che più mi ha incuriosito e, al contempo, l'aspetto che mi ha messo un po' in difficoltà e mi ha portato a leggere il romanzo con estrema lentezza, nonostante sia un dialetto vicino al mio. È una storia densa, cruda, molto commovente, che va assaporata piano e che vi regalerà un personaggio indimenticabile. Chi, in fondo, non ha mai incontrato un "cocciamatte"?

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,3/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(73)
4
(36)
3
(17)
2
(2)
1
(4)

Voce della critica

I vincitori del concorso "Caccia allo Strega" 2020

Grazia

Chi è Remo Rapino? È uno Scrittore, con la maiuscola. Per essere uno Scrittore non basta raccontare una bella storia, tessere una trama che tenga avvinto il lettore, curioso di sapere come va a finire, né basta farlo ridere (cosa peraltro non facile) o farlo piangere e lavargli la coscienza, come fan quasi tutti. Uno Scrittore racconta, certamente, ma non si limita a ritrarre il mondo vero o di fantasia, lo Scrittore al tempo stesso ritrae e trasfigura la realtà, le conferisce un volto nuovo, una dimensione più alta, universale, metafisica, che oltrepassa il tempo e la contingenza. Tutto questo lo sanno fare in pochi, i veri Scrittori, e Rapino lo è. Il suo è un romanzo epico che narra le gesta di un eroe misero e solitario la cui avventura è attraversare la foresta più misteriosa e perigliosa di tutte: la vita. Resistendo caparbiamente ai colpi più duri, “ai segni neri” del suo destino, Bonfiglio Liborio arriva fino al traguardo degli ottant'anni, ma la sua impresa non è finita: ora sente che deve riviverla quella sua vita, in una lunga cavalcata nella memoria, per darle un senso e dominarla con la consapevolezza della parola. L'ininterrotto flusso di coscienza che costituisce il racconto di Liborio tuttavia, non è una meditazione individuale, circoscritta alle sue vicende personali: ma è una visione grandiosa, epica appunto, del secolo turbolento e doloroso nel quale si è svolta la sua esistenza segnata dal dolore, dall'ineguaglianza e dallo sfruttamento. Liborio è l'eroe invincibile della storia, l'eroe straccione che rappresenta i diseredati della terra di tutti i tempi; ma l'altro grande protagonista di questo straordinario romanzo è il linguaggio: turbinoso, caleidoscopico, sferzante, che con un registro perfetto accompagna la cavalcata interiore dell'eroe. Forse questo libro non vincerà lo Strega, ma non è detto, quel che è certo è che si è conquistato un posto nella nostra letteratura. Copertina 3 Storia 5 Stile 5

FranLem

Ho appena chiuso il libro. E già me lo figuro, davanti agli occhi, il vecchio Liborio, alla cui andatura incerta si accompagna l’incedere di un Novecento altrettanto travagliato, rabdomante in cerca di risposte, pellegrino e viandante di questo lungo viaggio scandito da una metrica della narrazione serrata in cui “la parola si torce come serpe inchiodata dalla canna”, dove il flusso d’incoscienza dei suoi pensieri denuncia l’ingiustizia del secolo e la marginalità dell’uomo, già me lo figuro percorrere claudicante la strada di ritorno verso casa, libro Cuore in mano, ripensare al padre, alla guerra, al manicomio, al suo maestro di scuola, a Teresa Giordani e agli anni del militare, affrettarsi per ritornare, “jame, jame guagliò”, aprire l’uscio di casa e poi sedersi a tavola, quella tavola imbandita per questi suoi commensali che forse non arriveranno mai, ma a cui si rivolgerà tutta notte per raccontare la sua Storia, che ci strugge e ci rattrista sì, ma ci consola e ci diverte, e che va scritta con la S maiuscola, proprio perché è questa umanità comune e quotidiana, resiliente e sospesa, a illuminarne le vie e tesserne le maglie nel tempo. Copertina: 5 Storia: 5 Stile: 5

Marco L.

Bonfiglio Liborio arrivato quasi in punto di morte ci racconta la sua pazzia "buona", un profluvio di parole, pensieri, accadimenti che salgono dalla sua anima come un muro di gomma contro la normalità "cattiva" della società umana che ha attraversato nel corso del ventesimo secolo. Puro flatus vocis contro la forza del capitalismo, del consumismo, del conformismo di una società sempre più industrializzata e spietata, pronta a schiacciare i deboli, i diversi e i poveri: i predestinati alla sconfitta ma utili alla funzione perfetta della giostra dei valori economici. Bonfiglio Liborio è consapevole dell'inutile esercizio della sua "poetica" ma vuole comunque regalarla al mondo, come testimonianza di non resa, usufruire del diritto alla parola scritta anche se sgrammaticata lo rende finalmente vivo e mordace più che nei suoi ottanta e passa anni di vita materiale vissuta e subita. Rapino nel mettere in scena questo atipico e struggente personaggio romanzesco mi ha fatto correre alla mente un parallelismo con un grande della nostra poesia: Dino Campana. Ovviamente un accostamento forse irrituale culturalmente ma a me preme la somiglianza della storia umana degli individui colti da pazzia forse non per loro volontà, la loro estrema sensibilità li fa assurgere ad angeli laici emarginati ma spesso pregni di potentissimi messaggi e di un coraggio impareggiabile nella loro disperazione. Chiudo ripensando a Bonfiglio Liborio proprio con un pensiero di Campana: "Tutto va per il meglio nel peggiore dei mondi possibili..." Copertina:5 Storia:5 Stile:5

Mattia

Questo romanzo possiamo definirlo una sorta di diario o memoriale: il protagonista si chiama Liborio ed è anche il narratore di questa storia, la sua storia. Bonfiglio Liborio è nato nel 1926 e scrive della sua vita nel 2010: narra, quindi, di un arco di tempo davvero lungo. Il linguaggio che usa è un’imitazione del linguaggio orale ed è in larga misura un linguaggio inventato, fatto di dialetto, gergalismi e neologismi (molto utile in questo caso il glossario alla fine del libro). Inoltre, questo stile di scrittura (potremmo dire che Liborio “scrive come parla”) rappresenta la sua autenticità. Non è dunque un narratore ordinario: è un “cocciamatte”, quello di cui tutte le persone del paese spettegolano perché considerato un pazzo, uno strano. Il libro è particolare proprio perché descrive il punto di vista di un pazzo con la sua interpretazione originale degli eventi. Le sue considerazioni fanno sorridere il lettore ma gli permettono anche di riflettere. L’ho trovato un libro stimolante perché l’autore ci propone una prospettiva diversa sulle dinamiche politiche, sociali ed economiche del secolo scorso e ciò stimola diversi momenti di riflessione e importanti considerazioni. Grazie a Liborio ripercorriamo la storia del Novecento, con i suoi eventi sociali e politici cruciali, ma lo facciamo attraverso il suo sguardo. La sua interpretazione semplicistica genera un punto di vista alternativo sui fatti e sulle persone. In ultimo, la storia di Liborio è la storia di un uomo alla costante ricerca di un modo per sopravvivere: sin dalla nascita, infatti, la sua vita è stata un susseguirsi di sfortune ed eventi negativi (“i segni neri sono iniziati quando sono nato”). La follia è il suo modo di superare tutto ciò che gli succede: in effetti, ogni uomo che abbia davvero vissuto in quegli anni sarà diventato in qualche modo (e per forza di cose) un cocciamatte. Copertina: 5 Storia: 4 Stile: 4

Luca.B

"Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio" sembra invitare il lettore a cambiare per un attimo la solita prospettiva sul mondo, quella alla quale siamo abituati e con la quale siamo soliti leggere la realtà. Ci accoglie in un mondo capovolto, talvolta stralunato, ma che alla fine è il nostro stesso mondo, solo guardato con il filtro di occhi diversi, quelli di un uomo che troppo sbrigativamente definiamo cocciamatte. Attraverso le parole di Liborio ripercorriamo un intero secolo, vissuto ai margini, nel racconto di una vita minore, ma ugualmente straordinaria e ricca. Sembra di rivedere "Un matto" della canzone di Fabrizio De Andrè, trasposizione in note di quella Spoon River nella quale Edgar Lee Masters parla proprio dell gente comune e degli ultimi. Ma al contrario del "Matto" di De Andrè, che non riesce ad esprimere con le parole il mondo che lo circonda, Liborio è invece un torrente in piena e proprio grazie alle sue parole, ai suoi ricordi, ci aiuta a rileggere la nostra Storia con occhi nuovi, forse più puri. Copertina:4; Storia:5; Stile: 4

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Remo Rapino

1951

Nato nel 1951 è stato insegnante di filosofia nei licei. Ha pubblicato i racconti Esercizi di ribellione (Carabba 2012) e alcune raccolte di poesia, tra cui La profezia di Kavafis (Moby-dick 2003) e Le biciclette alle case di ringhiera (Tabula Fati 2017). Nel 2020 ha scritto Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio (Minimum Fax) con il quale ha vinto il Premio Campiello 2020.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore