Categorie

Robert Van Gulik

Traduttore: M. Papi
Editore: Adelphi
Anno edizione: 1987
Pagine: 452 p. , ill.
  • EAN: 9788845902710
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:


scheda di Crisma, A. L'Indice del 2000, n. 09

Questa celebre opera di van Gulik si può considerare come una delle più significative espressioni della spregiudicata curiosità e della multiforme varietà d'interessi tipici di quello speciale genere di sinologi che sono i diplomatici: è il loro sguardo onnivoro e attento di viaggiatori, permeati d'esperienza del mondo, che ha così cospicuamente contribuito ad allargare le prospettive e gli ambiti d'esplorazione della realtà cinese. Com'è noto, è stata una circostanza casuale - il ritrovamento presso un antiquario di Tokyo delle matrici xilografiche di un album erotico - a dare l'avvio a questa straordinaria indagine sull'ars amatoria in Cina dall'epoca Zhou alla caduta della dinastia Ming, che attraversa lo Yijing e i manuali del sesso, le alchimie taoiste e le speculazioni cosmologiche, l'arte e la letteratura, la prostituzione e la vita familiare, configurando un vasto affresco della società e del costume che si traduce in una penetrante riflessione antropologica sulla relazione fra eros e civiltà. Coniugando una raffinata erudizione a una curiosità disinibita e simpatetica, van Gulik descrive una Weltanschauung ispirata alla "totale e gioiosa accettazione di tutti i vari aspetti della procreazione, dagli infimi dettagli biologici dell'unione carnale fino al più elevato amore spirituale di cui quell'unione è il suggello e la conferma", nella quale il rapporto sessuale è concepito come l'equivalente umano del processo creativo cosmico, e non si associa mai all'idea di colpa e di peccato. In questo atteggiamento egli riconosce una peculiare connotazione della civiltà cinese, e propende a ravvisarvi la ragione segreta del suo dinamismo come della sua continuità, della sua inesauribile capacità di rigenerazione.

A.C.