Categorie

Aldo Busi

Collana: Contemporanea
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 654 p. , Brossura
  • EAN: 9788817073912
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ivano

    23/03/2016 18.35.52

    Conoscevo il Busi televisivo ma non il Busi scrittore. Devo dire di aver fatto una bella scoperta, spulciando nella biblioteca di paese. Una opera di vera letteratura. Busi è uno smascheratore di ipocrisie che ti costringe a guardarti dentro ... un po come Nietzsche.

  • User Icon

    Michele

    10/02/2016 15.07.31

    Secondo romanzo che leggo di Busi(a parte i suoi manuali, testi teatrali(uno), reportage di viaggio ecc.), dopo Seminario e la mia impressione non può essere che positiva. Busi scrive per necessità(la sua) e non per dovere e questo è quello che lo differenzia dai prodotti (altro non sono) che riempiono le librerie italiane e che spesso e volentieri sono in cima alle classifiche di vendita. Senza dilungarmi nelle doti dello scrittore, posso solo dire che continuerò a leggerlo e rileggerlo.

  • User Icon

    furetto60

    28/12/2015 11.52.21

    Non avevo mai letto Busi, dire che sono rimasto come sulla via di Damasco è dire poco. La vera protagonista è la sua prosa caleidoscopica e abbagliante, universale nella sua comprensione del tutto e di più, dotta ma priva del tono saccente di un Eco, per dire, ironica e caustica, coinvolgente, provocante, disinibita, dolce e cazzuta, stimolante come poche. Non trovo in Italia, al momento, esempi simili. Come non andare a cercare le altre opere?

  • User Icon

    angelo

    06/09/2013 13.57.58

    Ingredienti: un interprete intelligente ed omosessuale dedito a lavoretti temporanei per sopravvivere, un industriale grezzo e spregiudicato abituato a vivere per guadagnare, riflessioni e descrizioni preziose inserite a piene mani in una trama già ricca, una scrittura che confonde, sorprende, disperde, incanta. Consigliato: a chi usa i libri come lenti di ingrandimento sul mondo, a chi è capace di leggere testi di persone capaci di scrivere.

  • User Icon

    kalb-al-akrab

    22/05/2006 14.08.41

    Busi non e' il migliore e' l'UNICO scrittore italiano vivente.A volte infastidisce e non sempre si ha voglia di ridere con lui perche' e' un riso che fa male che lascia un po' l'amaro in bocca. E' un libro notevolissimo questo di Busi..notevolissimo, rimarra'nel TEMPO..per dirla alla Proust

  • User Icon

    Nioski

    26/07/2005 12.19.23

    Un bel libro, temi davvero interessanti e profondi ed anche i personaggi sono molto interessanti. Come stile non lo trovo così bravo come si auto-incensa, in certe parti la lettura è davvero pesante: mi sono dovuto sforzare per non saltarle...

  • User Icon

    Tom

    19/11/2004 13.27.55

    Se vi piace Busi troverete questo romanzo fantastico. Se Busi non vi piace troverete questo romanzo ugualmente fantastico. Quasi un capolavoro.

  • User Icon

    carlo

    29/03/2004 16.01.17

    Il secondo (se non erro) romanzo di Busi è un capolavoro. Più organico del seminario ma altrettanto inventivo, ricercato e..., direi... edificante. Busi è forse l'unico dei romanzieri italiani che ancora ti fanno render conto della differenza tra leggere in lingua originale e leggere in traduzione: è come leggere a tre dimensioni... tant'è che è difficile, non ostico o astruso, ma impegnativo per l'immaginazione e per l'anima. Eppoi Busi è l'ultimo mitografo della nostra letteratura.

  • User Icon

    Luca T.

    04/04/2003 13.59.30

    A me Aldo Busi e´ sempre piaciuto per il modo in cui gioca con la lingua italiana rendendola perfetta. Nella postfazione dell´ultima ristampa di questo libro e´ lui stesso a dire che "Vita standard..." e´ il miglior romanzo italiano del 900 e quindi il miglior romanzo italiano di sempre. Non sono completamente d´accordo, ritengo che il miglior romanzo italiano del 900 (o almeno di tutti quelli che io ho letto) sia "Vendita Galline Km 2" dello stesso Busi che per me e´ il massimo raggiunto dalla sua narrativa ironico-amara. Comunque anche "Vita standard..." mi ha confermato Busi come il miglior scrittore italiano vivente, con l´unico difetto di alternare capolavori come questo e tanti altri a noiosissima saggistica che, per usare le sue stesse parole, "mi ha curato in tre sedute certe insonnie che duravano da mesi".

  • User Icon

    Andrea Malaguti

    31/01/2003 02.35.49

    Un romanzo dall'impianto robusto, dallo stile originale, e con una sua etica di fondo piu' che ammirevole. Busi e' forse uno degli ultimi grandi "moralisti" alla Voltaire.

  • User Icon

    Ale

    11/09/2002 11.27.02

    ...Fantastico, un grande Busi come ai vecchi tempi, ci fa sentire profondamente la figura (sua) del Dott anagelo Bazarovi e ancor di più dela creatura Lomett/Bazarovi....non sò se è il migliore dei suoi scritti (anche la "delfina bizzantina" merita), comunque è nella hit parade dei migliori romanzi di fine secolo.

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione