Categorie

Mario Caccavale

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2013
Pagine: 139 p. , Rilegato
  • EAN: 9788804630456

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    13/10/2013 09.41.15

    All'inizio il libro sembrerebbe la narrazione di un viaggio avventuroso di un gruppo di amici e che quindi presenti caratteristiche di un thriller, con i sequestratori che si impadroniscono di un'imbarcazione in navigazione e con le inevitabili successive peripezie. Non è così, però, o almeno lo è solo in parte, perché l'intenzione dell'autore è tutt'altra. La sua vuole essere un'analisi attenta e approfondita dei personaggi, mettendo a nudo il loro reale carattere, che si mostra grazie al pericolo. Infatti, Leo, uno dei personaggi, per far trascorrere il tempo, propone un gioco in cui ciascuno degli amici deve narrare agli altri una memoria segreta. Si svela così la vera natura di ognuno, si mettono alla luce verità inconfessabili, insomma si alza il sipario sulle apparenze. Sono esseri cinici, in cui l'esistenza è un palcoscenico in cui rappresentare una commedia con un copione già scritto e in cui gli attori, nel loro intimo, non sono mai i personaggi che interpretano. Si tratta di un progetto ambizioso indubbiamente e in buona parte anche riuscito, e questo è senz'altro il merito del libro. Per quanto possa comprendere che non è facile scrivere di certi argomenti, devo però rilevare che lo stile di Caccavale , la sua narrazione sono abbastanza grevi, con un ritmo che appare lento, salvo rare pagine, e che se presenta il vantaggio di indurre il lettore alla riflessione, però alla lunga finisce con stancare, e così si arriva alla fine con sollievo. O forse ci si affatica nel leggere perché anche noi, guardandoci dentro, cominciamo a ritrarre l'impressione che le nostre vite siano due: quella esterna, in cui ci sforziamo di omologarci, e quella interiore, profondamente diversa, anche se ci è difficile ammetterlo. Da leggere, comunque.

  • User Icon

    fabriziofla

    21/08/2013 20.14.47

    Mario Caccavale cambia: si trasforma da Romanziere in Drammaturgo. Grazie ad una fluida e veloce lettura della sua ultima opera Vite Doppie, il lettore è catapultato al centro di una piece teatrale dai sapori Pirandelliani di uno nessuno e centomila, o meglio al Teatro dell'Assurdo di Ionesco con gli attori che dimostrano di non volere combattere i propri mostri, i propri "rinoceronti". A questo punto si è già ampiamente appagati da questa miscela originale e l'attento lettore ne porterà con sé una persistente sensazione. Ma vi è di più. E' il secondo livello di lettura del dramma che ne fa un'opera molto più interessante quasi da assaporare come un Antico Toscano. L'autore contrappone con un fine intreccio quattro personaggi della vita comune con i loro dilemmi e le loro colpe ed alcune capitali del Mediterraneo ognuna di loro metafora dei problemi sempre attuali e mai risolti come l'Autocrazia, la teoria dell'evoluzione della specie, l'occidente epicureo. La doppiezza delle figure narrate e delle capitali costiere descritte fa il pari con la storica visione duale del mondo. Il Solfureo Leo costringe i crocieristi a denudarsi ed ad accettare che le apparenti piatte vite borghesi sono solo l'immagine riflessa e virtuale della loro esistenza. Ognuno di loro è custode di un segreto/mistero, a cui sono legati per una strana analogia. Tutti temi molto attuali e che sono lo specchio dell'attuale società. Ecco che lo speculum, mezzo di duplicazione della realtà, raddoppia l'individuo. Resta da scoprire se il reale è il soggetto riflesso o il riflesso dello stesso. Se il tutto avviene fuori o dentro lo specchio, ovvero se la storia si svolge effettivamente o in un luogo/non luogo come lo yacht Money.L'ultimo livello è quello personale, quello che ognuno di noi vuole o può interpretare nelle righe dell'opera riconoscendo fatti o mancanze della propria Vita solo dopo essersi fatto la domanda socratica: Conosci te stesso ? E questo è un altro romanzo.

Scrivi una recensione