-15%
La voce dei sommersi. Manoscritti ritrovati di membri del Sonderkommando di Auschwitz - copertina

La voce dei sommersi. Manoscritti ritrovati di membri del Sonderkommando di Auschwitz

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Curatore: C. Saletti
Editore: Marsilio
Anno edizione: 1999
In commercio dal: 27 agosto 1999
Pagine: 296 p.
  • EAN: 9788831772457
Salvato in 40 liste dei desideri

€ 14,45

€ 17,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

La voce dei sommersi. Manoscritti ritrovati di membri del So...

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La voce dei sommersi. Manoscritti ritrovati di membri del Sonderkommando di Auschwitz

€ 17,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La voce dei sommersi. Manoscritti ritrovati di membri del Sonderkommando di Auschwitz

€ 17,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 17,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Il libro che ha ispirato il capolavoro di László Nemes Il figlio di Saul, vincitore del Grand Prix al Festival di Cannes.

Questo libro sfata il mito tragico del silenzio degli innocenti e la convinzione ancor più radicata che i "corvi neri" dei crematori fossero ebrei che avevano deciso di collaborare con i nazisti per distruggere i loro fratelli, rende la parola ai "sommersi", fa sentire la loro voce di testimoni integrali. Essi hanno scritto con la precisa consapevolezza di essere i soli cronisti che avrebbero potuto rendere conto dell’orrore, là dove l’orrore era assoluto. Nel corso di alcuni mesi, a volte anni, qualche centinaio di prigionieri ebrei, deportati nel campo di concentramento di Auschwitz, visse più di ogni altro l’esperienza della prossimità con l’epicentro della catastrofe. Erano i membri del cosiddetto Sonderkommando, la squadra speciale addetta alle operazioni di sterminio degli ebrei nelle camere a gas e al "trattamento" dei cadaveri nei crematori di Birkenau. La maggior parte di questi uomini venne uccisa dalle ss del campo; solo qualche decina riuscì fortunosamente a sopravvivere e a testimoniare dopo la guerra. Segregati tra i segregati, assistettero giorno dopo giorno alla distruzione del proprio popolo. Tra il 20 e il 26 gennaio 1945, ad Auschwitz le ultime ss fecero saltare in aria quanto rimaneva dei crematori e delle camere a gas. Sotto le macerie, tra le ceneri, rimasero nascoste le annotazioni che alcuni membri del Sonderkommando avevano preso durante la prigionia, scritte, a volte, con il proprio sangue. Sepolti nei pressi dei crematori del lager di sterminio di Auschwitz-Birkenau, questi sei manoscritti raccontano l’inferno, il dolore e la morte, ma anche la speranza di vita e l’anelito di rivolta di coloro che erano destinati a scomparire nel nulla perché ebrei o zingari o politici antinazisti. Per la prima volta la voce del testimone porta il lettore nei sotterranei dei crematori, nelle celle della morte, tra i cristalli dello Ziklon B, il veleno tremendo che veniva usato nelle camere a gas di Auschwitz-Birkenau.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    monica

    13/06/2012 08:08:49

    Un libro importante per il contenuto inquietante, importante perche' sono le voci di chi e' scomparso per sempre passando da quei camini, la barbarie nazista pretendeva di occultare le prove dei loro inumani crimini invece queste vosi le riportano a galla, episodi agghiaccianti in una realta' inumana creata dall'Uomo per estinguere l'Uuomo. Un libro importantissimo da possedere perche' Auschwitz e' esistito e anche queste testimonianze lo dimostrano senza ombra di dubbio.

  • User Icon

    Salvatore

    17/09/2010 23:44:35

    Struggente e devastante! Uno dei libri che mi ha fatto davvero venire le lacrime agli occhi (gli altri sono: Niente di nuovo sul fronte occidentale e Da questa parte per il gas)...senza nulla togliere agli altri ma gli scritti di Gradowski sembrano davvero prenderti per mano e trascinarti insieme a lui in quell'abisso di violenza, tristezza e morte! Leggetelo e sappiate che ci sono tanti dementi che negano l'Olocausto...non dico altro


recensioni di Flores, M. L'Indice del 1999, n. 11

"Interessatevi a questo documento, poiché contiene un materiale molto importante per la storia". Questa frase semplice e apparentemente presuntuosa, ripetuta in quattro lingue, costituiva l’inizio di un taccuino di un centinaio di pagine ritrovato nel marzo 1945 nei pressi del crematorio III di Birkenau. Questo testo, e altri rintracciati nei terreni circostanti fino al 1980, vennero in parte pubblicati in polacco e poi raccolti a cura del Museo statale di Auschwitz. È il primo di una serie di documenti davvero straordinari, che definire "importanti" per la storia appare ormai non già presuntuoso ma probabilmente riduttivo, e che sulla scorta di una rinnovata edizione tedesca sono adesso disponibili anche in traduzione italiana. Si tratta di testimonianze, diverse per stato di conservazione e modalità del racconto ma simili per ispirazione e tensione, lasciate a futura memoria da alcuni membri del Sonderkommando di Auschwitz consapevoli di essere giunti al termine del loro tragico viaggio. E consapevoli anche di rappresentare, agli occhi della maggioranza dei loro stessi compagni di sventura e presumibilmente ancor più di coloro che sarebbero sopravvissuti, il simbolo di un tradimento e di una viltà forse compresi ma certo non accettati. "Esprima il futuro il suo giudizio su di noi – scrive infatti con lucida coscienza Salmen Gradowski – in base alle mie annotazioni e che possa il mondo dare uno sguardo almeno su una goccia, su un frammento del mondo tragico in cui abbiamo vissuto".

Non sono – quelli di Gradowski e dei suoi cinque "colleghi" di cui si sono trovati gli appunti tra i molto più numerosi che lasciarono testimonianza scritta e la sotterrarono con la speranza di venire letti dai posteri – scritti di autogiustificazione, di spiegazione del come e perché finirono e accettarono di svolgere quello che pareva un lavoro ignobile e intollerabile. Sono memorie a tutto campo, che spesso prendono le mosse dalla vita nel ghetto o dal viaggio verso Auschwitz e che gettano squarci nuovi anche se già noti sulla realtà del lager e soprattutto su pensieri, attese, timori e scarse speranze, sorprese e disperazioni che avvolgono in un crescendo drammatico tutti i prigionieri. Ciò che forse contraddistingue le memorie di questi "sommersi" da quelle, più numerose, dei "salvati" che ne scrissero dopo l’inatteso ritorno a casa è un senso quasi naturale di ineluttabilità che rende più scarna e asciutta la scrittura, il senso di urgenza della testimonianza, la certezza che in qualche modo essa verrà trovata e utilizzata e servirà al "mondo pacificato" che seguirà l’orrore indicibile della Shoah.

È infatti per lo più a ridosso dell’avanzata degli eserciti alleati, quando la possibilità della sconfitta nazista si fa più certa, che chi è destinato a morire vuole a tutti i costi testimoniare la propria irriducibilità al male. Cercando di organizzare una rivolta anche se con poche possibilità di successo (le pagine sull’organizzazione della rivolta del Sonderkommando, sui preparativi e i ritardi sono ovviamente tra le più interessanti) o lasciando a chi si salverà un "frammento" della tragedia vissuta.

Note legali