Le voci di Berlino

Mario Fortunato

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Bompiani
Collana: Overlook
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 19 marzo 2014
Pagine: 185 p., Brossura
  • EAN: 9788845275838
Salvato in 20 liste dei desideri

€ 5,95

€ 17,00
(-65%)

Punti Premium: 6

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Le voci di Berlino

Mario Fortunato

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Le voci di Berlino

Mario Fortunato

€ 17,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Le voci di Berlino

Mario Fortunato

€ 17,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Raccontava Christopher Isherwood - alla cui esperienza si ispirò il film "Cabaret" - che a fine anni Venti, alla vigilia della grande crisi economica antesignana di quella attuale, si precipitò a Berlino perché la città era considerata "il luogo più vizioso dai tempi di Sodoma". Sessantanni dopo e con le stesse motivazioni, il narratore di questo libro, allora giovane, segue le orme dello scrittore inglese e una sera giunge in quella che è una capitale divisa in due, vivendovi un'avventura tanto pericolosa quanto memorabile. Dall'episodio, che potrebbe figurare in una spy story di Le Carré, se non fosse che i protagonisti sono due ragazzi imbevuti di poesia, e cioè piuttosto goffi, ha inizio "Le voci di Berlino", narrazione corale e imprevedibile di "una città che non è, ma continuamente diventa", un luogo dove la letteratura, a furia di inseguire la realtà, la raggiunge. La storia di una metropoli è un romanzo sotto mentite spoglie. Se poi la metropoli è stata il cuore di una monarchia imbelle, di una repubblica litigiosa, di due dittature, e infine è diventata il centro politico dell'Europa odierna, il romanzo rischia di trasformarsi in una categoria dello spirito. È appunto in questa chiave che il libro spazia dalla Berlino sfrontata di Isherwood e Auden, ricostruita con materiali inediti, a quella degli iniziali bagliori dell'incendio nazista; dalla città distrutta dopo la caduta del Terzo Reich in cui i due figli di Thomas Mann, Erika e Klaus, tentano di riannodare il filo della memoria.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Massimo

    18/06/2014 13:19:05

    Bellissimo romanzo-saggio-autobiografia o chissà che (ma poi che importanza ha definire il genere?). Il novecento di Berlino attraverso la storia di poeti e romanzieri, di attori e dell'autore. Ancora: bellissimo.


  Quanti modi ci sono per raccontare una città? A Berlino, nel 1920, debuttò Girotondo di Arthur Schnitzler. Lo sviluppo dell'opera è noto: dieci personaggi s'incontrano, due alla volta, in dieci scene successive, e il loro dialogo culmina sempre con un atto sessuale. Uno dei due personaggi ritorna nella scena seguente in una catena circolare, il girotondo annunciato che, di incontro in incontro, riporta al punto di partenza. Nella sua ultima opera, Mario Fortunato ci offre qualcosa di simile: dieci capitoli, con un prologo e un epilogo, per una storia lunga un intero secolo, in un filo in cui i personaggi sono legati l'uno all'altro, di capitolo in capitolo. Anche qui il sesso svolge un ruolo importante, ma saliente è soprattutto l'ambiente in cui tutto accade: la capitale tedesca. "Nel frattempo, Berlino è diventata nuovamente capitale" scrive Fortunato nell'epilogo, come a sancire la circolarità della storia. "Non che rappresenti una garanzia: in definitiva, è stata capitale di una monarchia che se l'è squagliata dopo la guerra del '15-18, di una repubblica democratica ma litigiosa e votata al fallimento, e poi di due dittature, una sanguinaria e l'altra paranoica. Non ci vuole molto a capire perché sia tanto ossessionata dalla memoria. Basta una semplice distrazione e le conseguenze possono essere disastrose per un intero continente". Fortunato offre a un lettore curioso il romanzo di Berlino. Usa protagonisti presi dalla realtà, a partire da se stesso, per passare ad alcuni artefici della letteratura del Novecento, o all'uomo che provocò nel 1933 l'incendio del Reichstag. Li sceglie con dovizia dal proprio mondo di riferimento, culturale e sentimentale. Ich bin ein Berliner, ricorda lo scrittore, nato in Calabria ma ormai trapiantato in buona parte proprio nella città un tempo divisa dal muro. Ed è evidente che nomen omen, perché egli è stato fortunato se, sfuggendo a ogni sorta di campanilismo, agli angusti e deprimenti confini di un atavico pregiudizio, si è ritrovato berlinese, entrando in contatto con questa città faro, in compagnia degli autori e della storia che ci racconta in queste pagine. Più vicino a Elias Canetti quando illumina Marrakech che a Peter Ackroyd riguardo a Londra, Fortunato non intende costruire una biografia di Berlino. Vuole far ascoltare piuttosto le voci, alcune voci, che hanno risuonato nella città, negli anni compresi tra il 1929 e il 2011. Sceglie una serie di episodi, di protagonisti, evidentemente quelli che gli sono più cari, quelli più prossimi alle sue corde di scrittore, e li presenta, li fa muovere e giocare tra loro. In un'opera colta, dettagliata, documentata, ricca al contempo di sfumature, di carattere, anche insinuante e un po' pettegola. È la storia di una passione. "Una città, specie se sconosciuta, è una foresta di specchi", scrive Fortunato. Naturalmente gli specchi si trovano quando si è disposti a mettersi in gioco, a cogliere un'offerta e a farla propria. Perché, se di specchi si tratta, quello che l'autore cerca, e scopre, è la propria immagine, fatta di gusti e interessi privati, di sentimenti. Fatta, procedendo nella scoperta, di emozioni. L'autore ci conduce in un percorso avvolgente, per lui e per il lettore, dove un posto d'onore, è bene sottolinearlo, spetta al sesso, all'omosessualità. Fortunato lo rivela sin dall'inizio, con la sua prima visita in una Berlino ancora deturpata dal muro, divisa senza alcuna pietà in un di qua e in un di là, in un giusto e in uno sbagliato. Fortunato vi arriva in preda a una grave crisi personale, e si trova subito catapultato oltre la cortina, per vivervi una storia d'amore forte e sfuggente. "All'incirca un secolo fa", è lo splendido incipit, "una sera di ottobre, il termometro stazionava sotto lo zero e anch'io mi trovavo da quelle parti". E non è un caso se, di sesso in sesso, di scrittura in scrittura, il capitolo successivo sia subito dedicato a un autore di culto, a Christopher Isherwood, che insieme all'amico e sommo poeta Wystan Auden, poté conoscere la mirabolante offerta di Berlino a cavallo delle guerre, un'offerta fatta di cultura, sesso e divertimento. La città del Bauhaus, di Brecht, di Weill, dei grandissimi direttori d'orchestra, e dei tantissimi teatri. La città dove, ci spiega Fortunato, c'erano oltre centotrenta caffè per omosessuali, e che Auden arrivò a definire il "sogno di ogni sodomita". Da lì al nazismo, vissuto attraverso i figli di Thomas Mann, Klaus ed Erika, poi la distruzione, la divisione, il muro. E, quasi ai nostri giorni, la caduta di quell'orrenda barriera e la città nuova, internazionale come poche, attenta, attentissima alla memoria. La cavalcata si chiude ancora lì, come si è detto, mentre la capitale che si autocelebra, ripercorre la propria storia senza alcuna riserva, mettendo in mostra il sublime e l'orrore, come solo i tedeschi sanno fare, seguendo una logica in divenire che Fortunato sottolinea attraverso una frase dello storico dell'arte Karl Scheffler: "Berlino è una città condannata per sempre a diventare e mai a essere".     Fabrizio Pasanisi
  • Mario Fortunato Cover

    (Cirò, Crotone, 1958) scrittore italiano. Dopo la raccolta di versi La casa del corpo (1987), ha pubblicato opere di narrativa (Luoghi naturali, 1988; Il primo cielo, 1989; Sangue, 1992; L’arte di perdere peso, 1997; L’amore rimane, 2001; I giorni innocenti della guerra, 2007) in cui ha affrontato in uno stile asciutto e antiretorico i temi della solitudine e dell’omosessualità. Autore anche di libri di inchiesta (Immigrato, 1990; Passaggi paesaggi, 1993), cura una rubrica su «L’Espresso». Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali