Editore: Einaudi
Anno edizione: 2002
In commercio dal: 17 settembre 2002
Pagine: 184 p.
  • EAN: 9788806161217
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 6,48
Descrizione
Celeste ha sedici anni. Fa il liceo scientifico. Vive in una famiglia qualsiasi. Ha un corpo come tanti. Il pomeriggio presto esce di casa, scende in litoranea, raggiunge il solito posto e aspetta. A vederla così, con i jeans, senza un filo di trucco, nessuno direbbe che stia lì per quello. Poi le passano accanto con la macchina e rallentano. Qualcuno scuote la testa, qualcuno fa il giro e si ferma. David Heller ha ucciso. È un uomo giovane, atletico, taciturno. Vive solo, in un grande appartamento. Fa l'avvocato penalista con un certo successo. Un giorno è uscito di casa con un grosso zaino sulle spalle, con dentro il cadavere di una bambina. Celeste l'ha seguito.

€ 6,48

€ 12,00

12 punti Premium

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alberto

    17/12/2017 13:18:00

    Arrivo buon ultimo perchè quando questo romanzo fu pubblicato ancora non conoscevo l'autore che ho avuto modo di conoscere ed apprezzare in seguito. Mi è capitato casualmente tra le mani in biblioteca ed ho rimediato solo in questi giorni. Grande scrittura, qualità di alto livello. Trama con risvolti crudi, pulp. Peccato che l'A. non abbia sviluppato a beneficio del lettore la storia di Celeste spiegato con ciò il voto che non raggiunge il massimo.

  • User Icon

    Mary Rinaldi

    27/01/2017 08:51:44

    Questa volta De Silva non mi ha convinta. Lo ringrazio per la fiducia che accorda al lettore, è evidente che si fida delle nostre capacità di leggere tra le righe, di intuire, di andare oltre le parole e di percorrere vari sentieri interpretativi e conclusivi, ma onestamente mi sembra una, seppur in buona fede, azione di deresponsabilizzazione: troppe le situazioni che lascia aperte, le domande senza risposte, le premesse saltate.... Che nome c'è scritto sulla pancia della bambina assassinata? e tante altre domande. Non so, non mi convince. Naturalmente, tutti in piedi rispetto alla capacità di scrittura di quest'uomo: De Silva è realmente un grande, capace di una introspezione incredibile, in grado di descrivere minuziosamente sia dettagli fisici legati a oggetti che riferiti a stati d'animo, pensieri, emozioni. Sa chiamare ogni cosa con parole che conosciamo ma che solo la penna di un vero scrittore sa assemblare come in una sinfonia. Tutto questo sì, è incontrovertibile, ma per questa opera non si merita più del giudizio medio. Peccato.

  • User Icon

    Alessandro

    21/12/2015 22:35:21

    Libro a ritmi forti dove personaggi insospettabili conducono una vita particolare e saranno artefici del proprio destino...e

  • User Icon

    Oscar Grimaldi

    12/02/2008 08:46:47

    Secondo me è un'occasione persa. L'intuzione non è male, ma lo sviluppo mi sembra approssimativo, svogliato. Ho avuto quasi l'impressione di leggere una "bozza" piuttosto che un libro compiuto. Peccato, ne poteva uscire un libro ben migliore...

  • User Icon

    bks

    29/05/2005 12:38:54

    piaciuto abbastanza. ma nell'economia della storia gli ammazzamenti di bambine sono proprio necessari?

  • User Icon

    Michele

    17/02/2005 21:52:22

    Celeste Libera sulla litoranea ma prigioniera di un incubo familiare. Davide Libero tra le sue mura di casa ma prigioniero di uno stereotipo professionale che ritiene irrimediabilmente falso. Splendido. Celeste e' gia' un mito

  • User Icon

    anna

    11/02/2004 20:49:40

    Intriganti e ben tratteggiati i personaggi. Chiusi nel loro chiuso cerchio di dolore antico. Primitivo. Forse paiono entrambi convinti che il loro incontro potrà salvarli. Forse, chissòà, redimerli. Che il sapere le follie, il male interiore che li divora, riuscirà a salvarli dallo sprofondare ancora più giù, nel pozzo senza fondo dell'angoscia. Uno psicoanalista direbbe che non è nel chiuso della coppia - pur tanto diversa come quella celeste/avvocato - che sbocca il pus del dolore. sarà così? Non credo

  • User Icon

    maurizio crispi

    04/02/2004 19:18:33

    Scritto molto bene con uno stile asciutto ed incisivo. I due caratteri principali sono delineati con nitidezza. Tuttavia mi è sembrato che fosse carente la loro caratterizzazione “storica”. Infatti i due protagonisti/antagonisti, amici/nemici che vengono a trovarsi chiusi all’interno di una perversa relazione che soddisfa complementarmente le esigenze di ciascuno dei due (per l’una, la ragazzina, il “guardare”, per l’altro - apparentemente irreprensibile avvocato di grido - il “fare”) sono quello che sono, fanno quello fanno: l’autore, tuttavia, non riesce a farci capire quali siano le loro motivazioni, perché essi fanno quel che fanno. Si potrebbe dire quasi che non traspare alcun movente psicologico dei crimini perpetrati, a meno di non voler caldeggiare la tesi dell’insensatezza e dell’assurdità del male nel nostro mondo.

  • User Icon

    Sheila

    26/05/2003 15:38:31

    Geniale, intrigante, sudicio. Non lascia spazi, non permette distrazioni. Descrizione accurata di due vite diverse ma simili. Un comune attaccamento alla vita e un altrettanto comune gusto per l'irreparabile. Celeste è un personaggio indimenticabile che vagamente ricorda la Lolita di Nabokov. Il finale è costruito con provocatoria intelligenza. Non passerà certo inosservato nel ricordo dei libri letti quest'anno.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione