copertina

Volti d'Israele

Avishai Margalit

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: D. Francesconi
Editore: Carocci
Anno edizione: 2001
In commercio dal: 2 ottobre 2008
Pagine: 332 p.
  • EAN: 9788843021178

€ 8,32

€ 15,40
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,5
di 5
Totale 2
5
1
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Fabrizio Porro

    29/08/2012 04:33:41

    Avishai Margalit riesce a spiegare realtà complesse e spesso nascoste della vita israeliana.

  • User Icon

    krizia

    03/11/2006 14:05:48

    inizialmente doveva essere un lavoro di storia sulla questione palestinese...è divenuta una ricerca ed un arricchimento personale su un problema sempre attuale che ha subito una metamorfosi: non più la storia d'altri...lì dentro ci siamo anche noi. Margalit Avishai non descrive la sua storia, non narra solo vicende importanti, picchetti di una crescita continua di un popolo..egli ci lancia all'interno di una cultura, di un'arte, di una metamorfosi continua. Non manca di commentare e dare pareri ed interpretazioni, le quali però sono solo puntualizzazioni di qualche riga; lo scopo dell'autore non è esporre la sua idea, egli vuole far conoscere un mondo ed un problema che ha vissuto in prima persona, protagonista in secondo piano come milioni di altri, con una possibilità in più: quella di fare in modo che la gente sappia. Per chiunque si perde tra i meandri della storia, per chi crede che israele sia un mondo distante, a noi estraneo, per chi fa confusione tra le ragioni da ambo le parti, o sui partiti..sui loro leader. Questo libro è per chi vuol sapere, perchè solo entrando e vivendo israele possiamo dare la nostra opinione. Non è un libro da leggere sotto l'ombrellone,perchè A.Margalit non prende una penna in mano e si mette a scrivere dal nulla, ma l'unica dote che è richiesta dallo scrittore è a disposizione di tutti noi, se lo vogliamo: la curiosità di sapere. Perchè questa non è solo storia.. questi siamo anche noi. krizia

Terra di sanguinosi conflitti; simbolo del riscatto di un popolo più volte umiliato dalla storia; luogo di riferimento delle grandi religioni monoteistiche; avamposto occidentale in Medio Oriente; democrazia moderna percorsa da rigurgiti di integralismo. A cinquant'anni dalla sua fondazione lo Stato di Israele continua a presentare agli occhi del mondo i suoi tanti profili, spesso contraddittori gli uni con gli altri, talvolta fraintesi, sempre rivelatori di una vicenda indubbiamente speciale. Per più di vent'anni Avishai Margalit ha raccontato questa realtà ai lettori occidentali dalle colonne di importanti testate europee e americane. E da tale esperienza di testimone diretto ha preso forma questo libro, al tempo stesso reportage, riflessione storica e cronaca culturale. Come in un album di famiglia, scorrono nelle pagine di Margalit i ritratti di alcune delle personalità più rappresentative della politica israeliana, da Ben Gurion a Yitzhak Rabin, da Yitzhak Shamir a Benjamin Netanyahu, da Shimon Peres all'attuale primo ministro Ehud Barak. Ma non mancano gli aspetti minuti e poco noti della vita quotidiana, n soprattutto le grandi questioni irrisolte di ieri e di oggi: i difficili rapporti con il mondo arabo, il ruolo di Gerusalemme, l'ascesa degli ultraortodossi, l'eredità del sionismo, le inesauribili domande poste dall'Olocausto e il dovere della memoria. Su tutto, emergono la sensibilità e l'umanità dell'autore, il suo sguardo a un tempo lucido e ironico, che ci guida in una realtà troppo spesso ridotta a facili stereotipi costringendoci a rivedere opinioni consolidate. «Margalit - ha scritto Michael Walzer - è uno dei più provocatori, penetranti e informati commentatori della politica e della cultura israeliane».

  • Avishai Margalit Cover

    Avishai Margalit (Afula, 22 marzo 1939) è Schulman Professor Emeritus di filosofia alla Hebrew University of Jerusalem; precedentemente ha insegnato all'Institute for Advanced Study di Princeton. Ha tenuto conferenze anche ad Oxford e ad Harvard, e i suoi studi sono stati premiati dal Premio Emet nel 2007. Tra i suoi libri, La società decente (Guerini e Associati 1998), Volti d'Israele (Carocci 2000) e L'etica della memoria (Il Mulino 2007). Per Einaudi ha pubblicato, con Ian Buruma, Occidentalismo (2004) e Sul tradimento (2017). Approfondisci
Note legali