Artisti: Youn Sun Nah
Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 2
Etichetta: ACT
Data di pubblicazione: 9 ottobre 2015
  • EAN: 0614427901910
Disponibile anche in altri formati:

€ 25,50

Venduto e spedito da IBS

26 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Descrizione

Nata nel 1969 a Seul, Youn Sun Nah è figlia d’arte: il padre è direttore d’orchestra mentre la madre è una cantante classica. A soli 23 anni Youn Sun Nah si trasferisce in Francia dove studia nella più prestigiosa scuola di jazz di Parigi e dove intraprende la carriera artistica. Forma il proprio quintetto che presto guadagna consensi a livello internazionale. “Nemo profeta in patria” la cantante diventa una star nel proprio paese, dove le attribuiscono prestigiosi premi come la targa di migliore artista coreana nella categoria “crossover” o il riconoscimento come miglior artista coreana nella categoria giovani emergenti. Il 2007 si presenta per Youn Sun Nah ricco di gradite sorprese in campo professionale e musicale. La giovane cantante incide un CD dal titolo Memory Lane, prodotto insieme al pianista danese Niels Lan Doky, che diventa un betseller in Corea. Dal successo avuto con questo lavoro nascono alcune proposte in diversi festival in Danimarca dove conosce il chitarrista svedese Ulf Wakenius, ormai noto per le sue produzioni per l’etichetta tedesca ACT. Nasce così un sodalizio artistico che li porta a produrre un album in duo, che in un secondo tempo diventa un quintetto insieme al contrabbassista svedese Lars Danielsson, al trombettista norvegese Mathias Eick e al percussionista francese Xavier Desandre-Navarre. Insieme a questi grandi musicisti Youn Sun Nah acquisisce maggior sicurezza riuscendo finalmente a esprimersi al meglio. In Voyage la musica nasce naturalmente senza bisogno di forzate sperimentazioni e la sua voce è piena di sentimento ed emozione. Qualsiasi sia il genere musicale che affronti, Youn Sun Nah riesce a combinare elementi mistici e artistici tipici del canto coreano insieme alla purezza e alla fantasia proprie della “chanson” francese, il tutto sottolineato da un’energia e da una libertà che solo il jazz riesce a trasmettere. In Voyage il repertorio è vasto e variegato, pur mantenendo una linea progettuale omogenea. Ci sono sei composizioni originali di Sun Nah che spaziano da ballate melanconiche a brani più complessi scanditi da fuori tempo. Altri brani sono cover divinamente interpretate in versione jazz dalla cantante: “Frevo” di Egberto Gismonti, “Calypso Blues” di Nat King Cole o persino “Jockey full of Bourbon” di Tom Waits.