Vuole essere il mio Shakespeare? Lettere (1931-1935) - Richard Strauss,Stefan Zweig - copertina

Vuole essere il mio Shakespeare? Lettere (1931-1935)

Richard Strauss,Stefan Zweig

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Curatore: R. Di Vanni
Editore: Archinto
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 4 marzo 2009
Pagine: 195 p., Brossura
  • EAN: 9788877685247
Salvato in 8 liste dei desideri

€ 17,58

€ 18,50
(-5%)

Punti Premium: 18

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Vuole essere il mio Shakespeare? Lettere (1931-1935)

Richard Strauss,Stefan Zweig

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Vuole essere il mio Shakespeare? Lettere (1931-1935)

Richard Strauss,Stefan Zweig

€ 18,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Vuole essere il mio Shakespeare? Lettere (1931-1935)

Richard Strauss,Stefan Zweig

€ 18,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il 1931 segna l'imprevedibile incontro tra un cinquantenne scrittore nel pieno della gloria e della creatività (Stefan Zweig) e un compositore sessantasettenne (Richard Strauss) che si sta serenamente avviando a vivere con consapevole lucidità un suo dorato crepuscolo. Eppure, tra queste due personalità quanto mai antitetiche, si crea immediatamente, certo nutrita da stimoli intellettuali differenti, un'intesa positiva incondizionata, di cui è testimonianza emozionante questo carteggio, che copre gli anni, in tutti i sensi cruciali per i destini del mondo, compresi tra il 1931 e il 1936, e che prende le mosse dalla decisione di Strauss di accettare Zweig come librettista per una sua opera lirica (Die schweigsame Frau). Senza quell'impettita affettazione che ad esempio gravava spesso sul carteggio tra Strauss e il suo precedente librettista, Hofmannsthal, questo epistolario documenta un fiammeggiante confronto di idee svolto all'insegna della comune solidarietà a sottomettersi al sacro fuoco dell'arte, anche se a sancire l'incolmabile distanza tra Zweig e Strauss interverrà fatalmente l'onda montante di quel nazismo destinato a travolgere valori consolidati nelle coscienze umane, e in particolare nella fattispecie proprio il rapporto fra arte e politica.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Era ormai tempo che un editore italiano si interessasse all'epistolario fra Richard Strauss, il più grande compositore della prima metà del Novecento insieme a Stravinskij e Schönberg, e Stefan Zweig, il letterato austriaco che divenne per breve tempo librettista di Strauss, dopo la morte di Hugo von Hofmannsthal nel 1929. Il rapporto fra Strauss e Zweig, indagato negli anni cinquanta da Lavinia Mazzucchetti, iniziò nel 1931 e fu troncato all'alba del 1936 per motivi politici più che artistici, come il lettore può oggi evincere da Vuole essere il mio Shakespeare?, titolo della versione italiana curata e tradotta da Roberto Di Vanni per l'editore Archinto. Stupisce il sonno sull'argomento di Adelphi, che già vanta in catalogo il capitale epistolario di Strauss con Hofmannsthal.
Il rapporto con Zweig fu difatti inteso da Strauss come rinascita di una collaborazione letteraria al servizio del proprio teatro musicale, che aveva subito una battuta d'arresto con l'improvvisa scomparsa di Hofmannsthal. La felicità dell'incontro andò oltre le premesse, tanto che le missive ci mostrano uno Strauss umoristico e rinato. Il motivo risiedeva nella stupefacente aderenza alla sua sensibilità dell'unica opera che i due riuscirono a portare a termine insieme, Die schweigsame Frau (La donna silenziosa), andata in scena a Dresda alla fine del giugno 1935 dopo serie turbolenze con il regime nazista. Il rapporto con il potere non intaccava però il contenuto dell'opera, una commedia in musica al quadrato ricca di citazioni storiche, secondo una prospettiva di rifacimento del passato consustanziale alla mano di Strauss. Coglie di sorpresa il fatto che Di Vanni, nell'introduzione, dica che il compositore non fosse riuscito a "straussificare" il libretto di Zweig, quando in realtà l'intenzione stava nel rifare gli esempi di Mozart, di Rossini, di Donizetti, che è la fonte diretta (si veda la lettera del 24 giugno 1932).
Dalla fucina creativa, ricca di idee non realizzate, emersero lavori che Strauss dovette poi mettere in pratica con altri: Capriccio, nato dal suggerimento di Zweig di rifarsi a Prima la musica e poi le parole di Casti e Salieri, e soprattutto Friedenstag (Giorno di pace), incentrato sull'ultimo giorno della guerra dei Trent'anni. Tale progetto fu poi realizzato da Strauss con Joseph Gregor, riottosamente accettato dopo che Zweig aveva proposto una serie di suoi sostituti irrimediabilmente cassati dal musicista. In quanto ebreo Zweig era inviso al nazismo, e il nazismo non poteva tollerare che il suo musicista più in vista avesse rapporti con un ebreo: per salvaguardare Strauss il letterato volle farsi da parte e rifiutare ulteriori progetti in prima persona, come dimostrano varie lettere già a partire da quella del 21 agosto 1934 in cui schizzava il piano di Friedenstag. Non si comprende, quindi, come Di Vanni possa affermare che in Zweig sussistesse "la volontà di proteggere il suo rapporto" con l'artista e, in precedenza, definire il Friedenstag ideato da Zweig "una deriva iper-romantica", quando era un'opera sulla pace che certo non avrebbe fatto piacere ai bellicosi nazisti.
È qui che la politica irrompe nell'epistolario e nella creazione artistica, mutando il corso di quest'ultima. Di fronte alle resistenze del librettista nei confronti di nuovi progetti, Strauss si produsse nell'esternazione della famosa lettera del 17 giugno 1935, in cui uno dei suoi non frequenti ma devastanti accessi d'ira colpì Zweig e la sua "ostinazione ebraica", ma soprattutto il regime, che pur lo aveva messo a capo della Reichsmusikkammer, un ruolo che Strauss dichiarava di "scimmiottare (…) per fare qualcosa di buono ed evitare sciagure peggiori". La missiva fu intercettata dalla Gestapo e sancì la fine del rapporto tra Strauss e Zweig, della Schweigsame Frau che venne tolta dal cartellone, della presidenza di Strauss costretto alle dimissioni. Stupisce ancora, anche per l'evidenza dei documenti che egli stesso traduce, come Di Vanni sostenga che "è proprio il progressivo farsi inconciliabile delle vedute [fra Strauss e Zweig, ndr], più che l'oggettiva distanza, a provocare la brusca interruzione del loro rapporto": fu la politica a interromperlo.
Al pari non è vero che "il compositore, dopo l'affaire della Schweigsame Frau, può solo sfruttare la rendita del suo prestigio", perché Strauss cadde in disgrazia. Lo testimonia, fra le altre cose, il Memorandum del compositore che Di Vanni riproduce in appendice, mutuandolo dall'edizione originale tedesca. Questa fu approntata da Willi Schuh, biografo ufficiale di Strauss e insostituibile cercatore di documenti: però Di Vanni non lo nomina mai, così sembra che le note siano sue, mentre sono farina integrale di Schuh, solo con qualche aggiunta. Le nove lettere che arricchiscono l'edizione italiana rispetto alla tedesca non sono una novità, poiché già apparse nell'impeccabile edizione francese curata da Bernard Banoun.
Giangiorgio Satragni
  • Richard Strauss Cover

    Compositore tedesco.La formazione e gli inizi della carriera. Il padre Joseph, era primo corno nell'orchestra del Teatro di Corte di Monaco, e abile nel suonare molti altri strumenti, soprattutto la viola. La madre, Josephine Pschorr, apparteneva a un'agiata famiglia di produttori di birra. Sin dall'infanzia S. rivelò il suo talento e cominciò a comporre, a partire dall'ingenua ma ironica Schneiderpolka (Polka del sarto, 1870) per pianoforte, pagine pianistiche, Lieder, brevi pezzi cameristici. Nell'adolescenza scrisse due sinfonie (le uniche, in tutta la sua vita), un concerto per corno, uno per violino, oltre a composizioni da camera di crescente complessità: un quartetto per archi, una sonata per violoncello e pianoforte, una per violino e pianoforte. La sua Serenade op. 7, scritta a diciassette... Approfondisci
  • Stefan Zweig Cover

    Nato il 28 novembre 1881 a Vienna, Zweig era figlio di un ricco industriale ebreo e per questo potè studiare con tutta libertà, seguendo i suoi gusti che lo portavano a interessarsi di letteratura, filosofia e storia.L'atmosfera cosmopolita della Vienna imperiale favorisce la sua curiosità del mondo, che si trasforma in una sorta di bulimia culturale. Come letterato esordisce con poemi in cui si percepisce l'influenza di Hofmannsthal e Rilke, di cui parla nella sua autobiografia Il mondo di ieri (Die Welt von gestern, 1942). Per Stefan Zweig "la letteratura non è la vita", ma "un mezzo di esaltazione della vita, un modo di cogliere il dramma in maniera più chiara e intelleggibile". La sua ambizione è dunque "dare alla mia esistenza l'ampiezza, la pienezza,... Approfondisci
Note legali