Vurria vulari - CD Audio di Ciatuzza

Vurria vulari

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Ciatuzza
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Radicimusic Rec.
  • EAN: 8032584611664

€ 15,50

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 14,57 €)

In questa ricerca nel repertorio tradizionale siciliano, la cantante e musicista Giada Salerno, in arte Ciatuzza, si avvale della collaborazione del compositore e polistrumentista russo Denis Stern, che si occupa degli arrangiamenti e suona la chitarra nel disco. I testi sono quasi tutti tradizionali e la musica è di Giada Salerno (tranne il brano 19, tradizionale) che suona anche la chitarra. Tre brani (L’amanti miu, Petri e Unni si’) sono recenti e scritti da Francesco Giuffrida, etnomusicologo siciliano, che dagli anni '70 porta avanti la ricerca nel repertorio tradizionale siciliano.Da sempre appassionata di musica e tradizioni popolari, Giada Salerno, in arte Ciatuzza, nel 2007 ha intrapreso un progetto di ricerca, selezione e riproposta di questi canti tramandati senza melodia e forse anche per questo oggi dimenticati. Le tematiche affrontate dai quindici brani di matrice popolare in Vurria vulari sono accomunate da un sentimento di fantasticheria, desiderio, nostalgia, rimpianto, rabbia, da un’aspirazione a una condizione diversa da quella realmente vissuta: dalla ragazza che vorrebbe trasformarsi in uccello per volare in aiuto del suo amato intento a mietere nei campi e porgergli un fazzoletto, al lamento dell’emigrante che se avesse le ali per volare si poserebbe a fianco della sua amata, alla preghiera silenziosa del carcerato che agogna la libertà, al grido di speranza di una donna oppressa da un marito tiranno che vorrebbe poter volare via per soddisfare la smania di vita e amore. E di canzoni d’amore ce ne sono varie, liete e tristi: amori vagheggiati, amori non ricambiati, amori traditi, amori passionali … C’è poi un canto di protesta di un mietitore che denuncia le molestie che le ragazze contadine dovevano subire dai rampolli delle famiglie nobili.
Disco 1
1
Oh Diu! Ca fussi ocieddu ca vulassi
2
E chi spartenza amara
3
Mi 'nnamurai di lu vuostru peri
4
Meli ri satru
5
Vurria vulari
6
Sti cappidduzza nun pozzu suffriri
7
Petri
8
Pariti un diamanti armatu r'oru
9
M'ardu, m'abbruciu
10
Si' giummu r'oru
11
Ju mi nni vaju ddabbanna lu mari
12
Unni si'
13
Mamma, nun mi cianciti quannu muoru
14
L'amanti miu
15
Incustanti, infidili
16
A sbrizza a
17
Laidu e` lu lammicu
18
Pani, crisci
19
Su carzaratu
Note legali