Categorie

François Guizot

Curatore: M. Griffo
Editore: Rubbettino
Anno edizione: 2004
Pagine: 136 p. , Brossura
  • EAN: 9788849808001

Unico lavoro storico consacrato da François Guizot agli Stati Uniti d'America, questo saggio su Washington, scritto nel 1839 e pubblicato l'anno seguente nel primo volume della traduzione francese di una raccolta di scritti di Washington, si apre con un ampio scorcio sulla storia delle colonie americane, per poi intrecciare la biografia del condottiero e dell'uomo politico al resoconto della guerra di indipendenza e della nascita del nuovo stato. Pagine di grande interesse, non solo per il modo in cui viene costruito il ritratto breve e intenso di un eroe comune, l'austero agricoltore che, come un antico romano, viene chiamato dalle circostanze a guidare con abnegazione e disinteresse il proprio paese; non solo perché vediamo qui il maestro di Tocqueville applicare alla storia americana, dopo l'allievo, quelle stesse categorie concettuali che gli erano state insegnate, come l'importanza della religione nel limitare la sovranità popolare, o la nozione di democrazia intesa come eguaglianza sociale. Ma anche perché, attraverso l'elogio dell'uomo politico americano che ha saputo fare la guerra e governare, coniugare libertà e ordine, e, soprattutto, iniziare una rivoluzione e terminarla, leggiamo in controluce il rimpianto per la diversità che le circostanze hanno impresso alla storia americana e a quella francese. L'accurata introduzione di Griffo permette di contestualizzare questo saggio in riferimento alla più ampia opera storica e all'intera carriera politica di Guizot e, soprattutto, di cogliere appieno l'ombra dell'alter ego che il politico francese finisce per proiettare sul primo presidente degli Stati Uniti d'America, nel cui destino vede incarnato in modo esemplare il tormentato rapporto fra governo libero e società democratica.

Gabriella Silvestrini