Categorie

Watershed

Artisti: Opeth
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Roadrunner
Data di pubblicazione: 30 maggio 2008
  • EAN: 0016861796228
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Gli svedesi Opeth, sempre all’avanguardia e abituati a combinare con fluidità metal, classic rock, prog, folk e varie forme di jazz, portano avanti la loro lunga tradizione con "Watershed", secondo album per Roadrunner Records. Con questo nono lavoro gli Opeth continuano a mescolare vari elementi, cambiando ancora una volta direzione e spingendosi oltre i limiti del proprio sound. E i risultati sono mozzafiato. "Watershed" suona esattamente come, ma al tempo stesso completamente diverso, dai precedenti album. "Watershed" prende tutto ciò che è Opeth e apre orizzonti nuovi e sinora inesplorati dalla band. "Watershed" riparte da dove il precedente impeccabile "Ghost Reveries" si era fermato, aprendosi con un sound contemplativo prima di eruttare in un caos serratissimo. È un album che combina forza brutale ed esplicita con una bizzarra bellezza melodica. "Watershed" è l’album che sazierà gli appetiti dei fan accaniti degli Opeth, quelli che li hanno seguiti durante il loro lungo viaggio musicale. Ma è anche l’album che permetterà alla band di arruolare nuovi seguaci, che apprezzeranno la musicalità e la complessità musicale del gruppo e dell’album. "Watershed" prova ancora una volta che gli Opeth sono impareggiabili. Una formazione davvero unica.

Disco 1
  • 1 Coil
  • 2 Heir Apparent
  • 3 The Lotus Eater
  • 4 Burden
  • 5 Porcelain Heart
  • 6 Hessian Peel
  • 7 Hex Omega
Mostra tutti i brani

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ghost Of Perdition

    18/09/2008 21.34.35

    Ho seguito la carriera di questa incredibile band sin dagli esordi. Mi ricordo che ai tempi di Orchid ero un metallaro un pò anomalo dal punto di vista dei clichè esteriori ma dentro ero un metallaro tout court! Ora, sembra un segno del destino, sono esattamente per il metal ciò che gli Opeth sono per quest'ultimo! Di acqua sotto i ponti ne è passata e sfido chiunque abbia idee che vogliono gli Opeth ancorati ancora ad un genere che nonostante sembra florido a mio avviso non ha più nulla da dire! E nella scena metal, intesa in tutte le sue branche, il combo svedese è l'unico che si contraddistingue! Dicevo che di acqua sotto i ponti ne è passata dall'acerbo Orchid. Gli Opeth man mano hanno dato precedenza ad influenze musicali che hanno sempre amato ma che magari non osavano confessare del tutto. La svolta si ebbe con l'insuperato Still Life quando le venature Prog (non metal) e passaggi Jazz si manifestavano in tutta la loro bellezza e senza riserve. Man mano le influenze estreme andavano scemando tanto che ora, ascoltando questo ultimo non bellissimo lavoro, il cantato tipicamente death di Mikael (che quando canta pulito è semplicemente angelico!) da un pò di fastidio perchè mal si coniuga con la direzione che, inesorabilmente, gli Opeth hanno intrapreso. Inesorabilmente sottolineo. Perchè questo Watershade, lavoro iper-tecnico e complesso, tanto da farti capire che la magniloquenza ed il "freddo calore" dei dischi precedenti quì non trova posto, è un disco di transizione, la fine di un ciclo e l'inizio di un altro che porterà la band in altri lidi e dove il metal estremo sarà solo un condimento come il pepe. Meglio così comunque perchè gli Opeth si meritano tutto il bene possibile alla luce della straordinaria musica che ci hanno regalato nel corso degli anni! E certamente il metal estremo è per loro una scarpa molto stretta!

Scrivi una recensione