Un weekend da sogno

Jojo Moyes

Traduttore: M. C. Dallavalle
Editore: Mondadori
Collana: Omnibus
Anno edizione: 2015
In commercio dal: 23 giugno 2015
Pagine: 121 p., Rilegato
  • EAN: 9788804655732
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Nell vive in una piccola cittadina dell'Inghilterra e, a ventisei anni, non è mai stata a Parigi. In effetti non ama l'avventura e non ha viaggiato molto, ma il suo sogno sarebbe quello di passare un weekend con Pete, il suo ragazzo, nella capitale francese. Dato che lui non fa il primo passo, Nell pensa bene di organizzare tutto lei... Peccato che al momento di salire sul treno Pete non si presenti in stazione e lei parta da sola, triste e malinconica, convinta che la sua vita sia un vero disastro. Ma si sa, la vita riserva anche delle belle sorprese e, dopo un arrivo piuttosto traumatico, il weekend di Nell si trasforma inaspettatamente nelle quarantotto ore più belle della sua vita...

€ 12,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Raffaella

    10/10/2016 20:27:48

    La banalità assoluta e il dolce stucchevole che non lascia niente al lettore

  • User Icon

    Vaduz

    05/09/2016 20:33:04

    Poca cosa. Veramente poca cosa. E poi, scritto tutto al presente, ma perché?

  • User Icon

    Cristina

    13/07/2016 22:19:21

    Questo è' il terzo libro che leggo di questa autrice che fin 'ora mi aveva appassionato e mi ha un po' deluso. È' una storiellina banale, incredibile che non lascia il segno....

  • User Icon

    kikky 57

    26/09/2015 07:26:34

    racconto senza nessun interesse ne spunto di riflessione. storia banale . senza dubbio il peggior libro della Moyes

  • User Icon

    TATIANA

    29/08/2015 11:23:35

    Prima di leggere questo libro, ne ho letti altri della Moyes, tipo: "Io prima di te", "Luna di miele a Parigi" e "La ragazza che hai lasciato" e mi sono piaciuti tantissimo!! Invece questo libro mi ha deluso...Storia corta, banale e non mi ha lasciato nulla. Mi sembra che sia uno schizzo buttato lì, ancora da sviluppare.....ammesso che questo non sia un antefatto...vedremo! Ma non mi ha entusiasmato per niente.

  • User Icon

    Manuela

    08/08/2015 16:13:56

    Si tratta veramente della stessa scrittrice Jojo Movies autrice del libro "IO PRIMA DI TE" ??? Un abisso incolmabile.

  • User Icon

    Sofia

    06/08/2015 08:36:42

    Sono rimasta delusa: è un racconto che si legge in un paio d'ore e che già dalle prime pagine si sa come andrà a fine. Solita storia scontata. Non ho trovato nulla di romantico con dialoghi inesistenti. Per fortuna mi è stato prestato.

  • User Icon

    Elena

    20/07/2015 15:42:53

    Storia molto carina, assomiglia un po' all'altra novella della Moyes pubblicata tempo fa, solo che in questo caso è ambientata ai giorni nostri. Acquistando i libri della Moyes si sa già di andare sul sicuro perché scrive molto bene e riesce a regalare sempre dei personaggi a cui ci si affeziona, senza contare che leggendo sembra quasi di sentire il sapore e l'odore dei luoghi che descrive. Non do il massimo dei voti solo perché la storia è talmente breve che finisce subito, e anche perché questo recente (e immotivato) aumento dei prezzi dei libri rende troppo costoso un volumetto di un centinaio di pagine.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione


In una piccola città tutti pensano di sapere chi sei, Nell, ad esempio è la classica ragazza tranquilla e poco avventurosa. Finché non decide di organizzare un weekend a Parigi.

A volte, a certi libri bisogna dare una chance. Perché non tutti i romanzi rosa, confezionati come fossero dei Chick Lit con cuori e farfalle su sovraccoperte color pastello, sono uguali. La scrittrice più promettente di questo filone narrativo - con qualche citazione colta e un misurato romanticismo di fondo - è Jojo Moyes.
La sua personale formula di romanzo femminile prevede, ad esempio, che i protagonisti vadano a visitare un museo, piuttosto che dedicarsi a lunghe sessioni di shopping e che gli uomini – non per forza con gli occhi di ghiaccio e il fisico scolpito - siano dediti a intraprendere una difficile carriera di scrittore e non quella di capitano d’industria. Quella di Jojo Moyes è una via “più sobria” al genere femminile, senza lustrini, carte di credito e scene di sesso spinto, ma forse con qualche contenuto in più.
La sua ultima storia romantica, Un weekend da sogno, è un romanzo breve che si legge rapidamente, perfetto in vacanza per un pomeriggio di relax. La protagonista, Nell, è una ragazza di 26 anni piuttosto anonima che trascina la sua vita tra un lavoro ripetitivo, delle amiche intrappolate in una fase adolescenziale che non accenna a terminare e uno pseudo fidanzato che non piace a nessuno. A guardarlo attentamente, Pete è l’esatto opposto di Nell: un tipo avventuroso, un giramondo, perennemente a caccia di nuove emozioni. Nell invece non si è mai allontanata dal suo tranquillo paese. L’unico gesto veramente impulsivo che abbia mai fatto è stato acquistare due biglietti economici per un weekend romantico a Parigi… con Pete, naturalmente. Peccato che, la sera della partenza, Pete inaspettatamente si tira indietro, lasciando Nell a “godersi” in perfetta solitudine il suo immaginario weekend perfetto, con il suo - altrettanto immaginario - fidanzato perfetto.
Quando la ragazza si accorge di essere rimasta sola in una città sconosciuta, costretta per giunta a condividere la stanza con un’attempata turista americana che non conosce la buona educazione, la sua prima reazione è quella di mollare tutto e tornare subito a casa con il primo treno. Poi però, come succede sempre in questi casi, il destino ci mette lo zampino: l’autrice tira fuori tutta la sua travolgente arte affabulatoria e quella che sembrava una situazione da incubo si trasforma in una vacanza da sogno…