Categorie

€ 16,90

€ 23,90

Risparmi € 7,00 (29%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello
Opera in quattro atti di Wolfang Amadeus Mozart su libretto di Lorenzo Da Ponte. La storia, tratta dalla trilogia di Beaumarchais, vede i promessi sposi Figaro e Susanna vanificare le trappole del Conte loro padrone ai danni della bella Susanna, anche grazie all'aiuto della loro padrona; comincia quindi una lotta fatta di astuzie, equivoci e gelosie.

Personaggi principali
Il Conte di Almaviva (baritono)
La Contessa di Almaviva (soprano)
Susanna, promessa sposa di Figaro (soprano)
Figaro (basso-baritono)
Cherubino, paggio del Conte (mezzosoprano)
Marcellina (mezzosoprano)
Don Bartolo, medico di Siviglia (basso)
Don Basilio, maestro di musica (tenore)
Don Curzio, giudice (tenore)
Barbarina, figlia del giardiniere Antonio (soprano)
Antonio, giardiniere del Conte e zio di Susanna (basso)


Atto I
Figaro e Susanna hanno avuto dal padron, il conte d'Amalviva, il consenso alle loro nozze, ma Susanna rivela al suo promesso che il padrone vuole esercitare su di lei il privilegio dello ius primae noctis. Figaro si mostra sicuro di saper rimettere al suo posto il padrone. Allontanatisi i fidanzati, entrnao don Bartolo e l'attempata Marcellina: quest'ultima ha intenzione di valersi di una carta che ha fatto firmare a Figaro una volta che aveva bisogno di un prestito, e nella quale si impegnava a sposarla. Entra poi nella stanza Cherubino, il giovane paggio innamorato di ogni donna che vede, venuto a chiedere a Susanna di intercedere per lui presso il conte d'Amalviva che l'ha sorpeso con Barbarina. Ma sta arrivando il conte e Susanna nasconde il paggio dietro una poltrona. Mentre il conte chiede a Susanna un appuntamento, delle voci in corridoio gli fanno scegliere lo stesso rifugio di Cherubino, che fa appena in tempo a saltar sopra la poltrona e a celarsi sotto un abito. Entra allora don basilio, il pettegolo: quando il conte lo sente dire che Cherubino è innamorato della contessa, esce dal nascondiglia e spiega che ha sorpreso il paggi nascosto sotto il mantello insieme a Barbarina. A mo' di esempio solleva l'abito sulla poltrona, ed ecco nuovamente Cherubino in situazione imbarazzante. Mentre Susanna difende il paggio, arriva a Figaro a chiedere se può affrettare le sue nozze. Il conte non gradisce l'idea, e intanto decide di mandare Cherubino militare a Siviglia. Figaro si prende gioco del paggio.
Atto II
Nel suo salotto la contessa siede tristemente: non si sente più amata dal marito. Entrano Susanna e Figaro: questi ha pensato, per far ingelosire il conte, di fargli credere a una relazione tra il paggio e la contessa, e inoltre di mandargli a un convegno Cherubino vestito da donna invece che Susanna. Cherubino intona un'aria per la contessa, ma il conte bussa alla porta. Il paggio si nasconde nello spogliatoio, Susanna dietro una tenda, e la contessa fa credere al conte che la cameriera si sta provando un abito da sposa. Ancor più sospettoso, il conte esce allora in cerca di arnesi per aprire lo spogliatoio portandosi via la contessa. Cherubino scappa dalla finestra, Susanna prende il suo posto. Il conte apre lo spogliatoio convinto di trovarvi Cherubino (la contessa ha nel frattempo confessato), ma ne esce Susanna. Le due donne dichiarano di aver voluto burlarlo per punirlo dei suoi falsi sospetti. Ma in quella ecco il giardiniere Antonio, che afferma di aver visto uscire un uomo dalla finestra. Figaro, che lo segue, giura di essere stato lui. Il conte sospetta di essere ingannato, ma non ha prove.L'ingresso di Marcellina con don Bartolo aumenta la confusione.
Atto III
D'accordo con la contessa, Susanna fissa un appuntamento con il conte. Viene poi discussa la causa di Figaro e Marcellina, presente il giudice Curzio: salta fuori che Figaro è figlio di don Bartolo e di Marcellina. Più tardi la contessa aiuta Susanna a scrivere la letteraal conte, fissando l'ora e il luogo del convegno.
Atto IV
Nel giardino, di notte, Barbarina racconta cautamente a Figaro quanto basta per fargli capire che Susanna ha un appuntamento con il conte. Figaro è folgorato. Ma la burla procede. Susanna e la contessa si sono scambiate gli abiti. Accorgendosi che Figaro è vicino, Susanna canta «Deh, vieni non tardar...», ma Figaro non osa credere che quelle parole siano rivolte a lui. Cominciano gli equivoci a catena, che cessano solo quando Figaro riconosce Susanna, e chi viene smascherato alla fine è il conte, perdonato però con dolcezza dalla moglie. Le nozze di Figaro possono venire finalmente celebrate.

(fonte: Enciclopedia della Musica Garzanti)
  • Produzione: Deutsche Grammophone, 2011
  • Distribuzione: Universal Music
  • Durata: 170 min
  • Area2