Categorie

Steve Erickson

Curatore: S. Vinci, A. Bruni
Editore: Bompiani
Anno edizione: 2008
Pagine: 184 p. , Brossura
  • EAN: 9788845260469

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Vittorio Caffè

    17/11/2009 19.04.46

    Sicuramente è un romanzo sul cinema e fatto di cinema, però è un romanzo che riesce a trasformare il cinema in qualcosa che non interessa solo ai cinefili; il cinema si fa sogno, immaginario, si fa letteratura, si fa groviglio di storie che diventano immagini deformate di ciò che siamo. Per cui non vi fate spaventare e provatelo, che è un gran leggere. Tra l'altro il protagonista, Vikar, nella sua follia è decisamente simpatico, e molte delle sue avventure/disavventure sono di una comicità devastante. E' una specie di Peter Sellers punk (prima che arrivi il punk vero e proprio) sguinzagliato nel mondo scombussolato di Hollywood, tra altri personaggi non meno scombinati di lui. E poi la scrittura di Erickson, fatta di brevi paragrafi numerati, più che di capitoli, è assai accattivante, e porta a leggere senza ritegno. Il che è segno certo di un libro che vale la pena di aprire, e non richiudere finché non si è arrivati alla fine... quanto al finale, be', non dico di aver capito proprio tutto, però è affascinante. E mi sa che prima o poi me lo rileggo...

  • User Icon

    Antonio

    21/06/2009 10.40.09

    Romanzo piacevole e strano. Ci si impiega un po' prima di entrare in sintonia con il personaggio di Vikar, cinefilo allo spasimo, "cineautistico". Ma una volta entrati nel personaggio, si inizia ad apprezzare questo viaggio tormentato attraverso il Cinema, dagli anni '20 fino ai giorni nostri, anche se il film più recente citato nel libro è probabilmente Blade Runner del 1982. L'ho letto rapidamente ma devo dire che ho impiegato molto tempo a cercare in rete molti chiarimenti su films che vengono nominati nel libro. Sarebbe stato sufficiente inserire ogni tanto una nota a pie' di pagina. Per questo motivo assegnerei un 5/5 alla storia e alla scrittura e un 2/5 alla traduzione.

  • User Icon

    Gianni

    18/09/2008 10.31.52

    Libro eccezionale. L'unico limite è la "cinefilia" dell'autore e del protagonista ma se siete appassionati di cinema sopratutto anni '60/'70 troverete tantissimi riferimenti e aneddoti sparsi nel racconto. Si legge tutto d'un fiato

Scrivi una recensione