2666. La parte dei critici-La parte di Amalfitano-La parte di Fate

Roberto Bolaño

Traduttore: I. Carmignani
Editore: Adelphi
Collana: Fabula
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 10 ottobre 2007
Pagine: 433 p., Brossura
  • EAN: 9788845922084
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Le prime tre parti del romanzo dell'autore ispanoamericano: un libro con i personaggi più diversi (un misterioso scrittore, i quattro studiosi che lo cercano in giro per il mondo, un pittore che si è tagliato una mano e vive in un manicomio svizzero, una donna bella e folle, un giornalista nero che capita per caso in Messico e si trova coinvolto in una inquietante vicenda di delitti seriali), un labirinto di luoghi, di segni, di incontri, di libri, di quadri, di sogni, di storie che generano altre storie.

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabio Palma

    17/04/2009 14:41:25

    Se la "parte dei delitti" mi aveva lasciato un pò perplesso e la quinta e ultima parte a volte disorientato, queste prime tre parti sono state un piacevolissimo e impegnativo periodo di lettura. Gran stile, gran capacità di tenere in mano un puledro ribelle, ovvero la sua fantasia. Assolutamente da comprare e leggere.

  • User Icon

    gianni

    03/04/2009 16:24:23

    avevo letto alcuni anni fa due libri di Bolano (letteratura nazista.. e Chiamate telefoniche) che non mi erano piaciuti. Casualmente ho visto nella rubrica settimanale di libri del TG1 in cui Riotta dava una stroncatura del libro.Siccome non mi sono mai trovato in linea con le scelte letterarie del direttore del TG1, ho acquistato e letto il primo volume di 2666. Il libro è bellissimo ed è vera letteratura, è da consigliare per tutta la vita.

  • User Icon

    gianni

    20/01/2009 15:45:18

    Libro bellissimo, forse il libro più bello che mi sia mai capitato di leggere. Premetto che scrivo questa mia recensione dopo aver letto tutti e due i volumi che costituiscono il romanzo completo. E’la prima opera che leggo dell’autore cileno, mi ci sono accostato per caso, grazie alle recensioni di IBS, provenendo dalla lettura di autori nord americani contemporanei. Questo volume riporta le prime tre parti del romanzo (le conclusive due parti sono pubblicate nel secondo volume). La forza del libro è costituita dalla notevole qualità della scrittura di Bolano. La scrittura è ipnotica ed inebriante, non riuscivo a smettere di leggere (sempre almeno fino alle 2 di notte). La trama del romanzo è inizialmente labile, appena accennata, anche se poi subisce un crescendo man mano che la narrazione procede. Le varie parti del romanzo sono abbastanza indipendenti l’una dall’altra anche se vi è comunque un filo conduttore costituito dalla figura sfuggente di Benno von Arcimboldi. La struttura del romanzo mi ha ricordato molto i film di Alejandro Gonzalez Inarritu, regista messicano autore di “21 Grammi – Il peso dell’anima” ed il più recente “Babel”. Cioè il libro presenta dei quadri, delle storie, come i pezzi di un puzzle, e poi tutto va al suo posto e si chiarisce solo alla fine del romanzo. Il primo volume costituisce la parte sicuramente più scorrevole e di facile lettura del romanzo. Si comincia a tratteggiare poi l’argomento che costituirà il perno centrale della quarta parte, la parte dei delitti, pubblicata nel secondo volume. Ecco che il romanzo entra nel campo della denuncia sociale, dilungandosi non poco, volutamente, per creare un senso di disagio e di repulsione nel leggere l’infinita serie di delitti di donne che avvengono nella cittadina di Santa Teresa (alias Ciudad Juarez) nel deserto di Sonora, nel nord del Messico. Nella quinta ed ultima parte, poi, si viene a comporre il quadro d’insieme. Sicuramente un capolavoro.

  • User Icon

    loredana

    23/07/2008 11:00:15

    l'ultima cosa che avrebbe voluto Bolano è di scrivere un libro allla Garcia Marquez: il magico e surreale, il non detto e sentito che si vive leggendo questo libro viene dall'uomo con la sua cultura, la sua complessità e il suo labirintico esistere ed intrecciare la propria esistenza con le altrui nel reale. Più Borges che Marquez, come chiaramente emerge dalla sua biografia . Il libro va vissuto più che letto lasciandosi trasportare, senza chiedersi dove si possa arrivare. Ogni pagina mi ha sorpreso, nella sua apparente incoerenza e nel ritorno a temi e vicende in precedenza solo sfiorati. Una lettura che mi ha dato emozione , tanto più in quanto inattesa: un autore finora a me sconosciuto.

  • User Icon

    Rocco

    21/06/2008 18:14:02

    Mi piacciono gli scrittori sudamericani, non conoscevo Bolano. Ho deciso di comprare questo libro leggendo i commenti entusiasti di questa sezione. Sono arrivato a pag. 80. Non sono riuscito a continuare. E' un libro noiosissimo. Una storia assurda, arzigogolata, con personaggi fuori dal mondo. Mi aspettavo qualcosa che somigliasse a Jorge Amado o a Gabriel Garcia Marchez ... niente che lontanamente ci somigli. Scrivo queste righe per fare in modo che altre persone non commettano lo stesso errore.

  • User Icon

    michele

    10/04/2008 23:35:31

    Capolavoro! della letteratura, della vita, dell'ognidove e del nessunluogo. E conto i giorni prima dell'autunno, sollazzandomi con I detective selvaggi. Ciao Bolano spero di sognarti presto.

  • User Icon

    Lucilla

    09/02/2008 23:02:32

    questo libro è stato il mio argomento di tesi quindi posso dire di conoscerlo abbastanza bene! sicuramente ogni "parte" coinvolge di suo e ha una trama autonoma ma allo stesso tempo strettamente legata alle altre e al filo conduttore che si rivela solo nell'ultima parte "La parte di Archimboldi". Una volta letto tutto per intero (quando ne verrà pubblicata la traduzione in italiano) si sente la necessità di rileggerlo dal principio perchè si comprende che troppe cose sono sfuggite....!Buona lettura....

  • User Icon

    pontmercy

    05/01/2008 01:52:22

    Molto bello e magico nella prima parte, atmosfere evocative, dialoghi molto belli e questo Arcimboldi che sfugge... La seconda anche molto bella ma la terza davvero deludente, secondo me, certamente non all'altezza delle precedenti, anche la narrazione stessa cambia tono, si fa un po' più sciatta, manca quella polvere magica che aleggia nelle due parti precedenti; al suo posto la descrizione di rapporti sessuali che veramente trovo un po' fuori posto. Comunque nell'insieme molto carino, vediamo ora come saranno la quarta e quinta parte, forse mi faranno ricredere anche sulla terza.

  • User Icon

    MASSIMO

    18/12/2007 12:33:51

    Classico libro acquistato per pura curiosità dopo aver letto la recensione su Tuttolibri, letto in breve tempo data la grande capacità affabulatoria che Bolano possiede e che mi ha effettivamente intrigato. Intrigato a tal punto che mi si può considerare già da ora inserito nell'immaginaria coda di coloro che aspettano l'uscita della quarta e quinta parte prevista per l'autunno del 2008. La trilogia è davvero una sorta di baraccone degli specchi per il lettore, ma Bolano dà sempre la dritta per trovarne l'uscita. Secondo me non c'è una parte più appassionante dell'altra, anche se, ponendo il tutto su di un ipotetico piano cinematografico, la parte di Fate risulta quella "d'azione". Tuttavia, se proprio una critica devo fare, questa è legata all'indugiare troppo sui particolari del sesso orale che ricordano più il Tondelli di "Altri libertini" e che non arricchiscono una trama già di per sè avvincente, non solo per la vicenda degli omicidi seriali che sta sullo sfondo, ma soprattutto per il ritmo della narrazione che non ti permette di chiudere il libro se non sei arrivato all'ultima pagina.

  • User Icon

    Bianca Emilia

    20/11/2007 08:59:39

    Straordinario, questo Bolano, non c'è molto da dire: chi ama la letteratura vi troverà un universo terribilmente evocativo e disvelante di ciò che siamo e non siamo. Un'opera che spiazza e cattura inesorabilmente, un vortice, un mondo oscuro e amaro.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Tutte le strade conducono al deserto di Sonora – nordovest messicano sul confine con gli Stati Uniti – dove dal nulla era sorta Ciudad Juárez, nel romanzo Santa Teresa, la città più brutta, caotica e violenta del mondo, dove vengono massacrate e fatte sparire centinaia di donne e, complice il governo e la polizia, regnano impuniti il traffico di droga e la prostituzione minorenne, mentre viene ostentato il distretto industriale delle maquiladoras, gli impianti di assemblaggio al servizio delle multinazionali nordamericane e asiatiche. "Entrarono a Santa Teresa da sud e la città parve un immenso accampamento di zingari o di rifugiati pronti a rimettersi in marcia al minimo segnale". Ecco il buco nero dove si disintegrano nella vana ricerca di una pur minima verità i personaggi principali dell'opera postuma di Roberto Bolaño.
Le loro vicende strutturano le cinque parti che articolano il libro e sono chiamate fatalmente a incrociarsi. Il centro sfuggente dell'intreccio è Benno von Arcimboldi, nom de plume di uno scrittore tedesco, diventato famoso in circoli letterari di tutto il mondo, che si muove nell'ombra della storia del secolo e che nessuno è riuscito mai a incontrare di persona. Ci sono poi quattro critici arcimboldiani europei, che dedicano le loro frustranti esistenze a cercarne le tracce nel tempo libero da convegni accademici di inenarrabile noia, e che dovranno forse rinunciare a guardarlo negli occhi. In questo deserto abissale finisce insieme alla bella figlia Rosa anche Amalfitano, sognatore cileno sconfitto, dopo l'esilio a Barcellona e un doloroso passato (di cui abbiamo solo parziali ma sconvolgenti rivelazioni). Infine, il giornalista nero di New York conosciuto nel mestiere con il nome di Oscar Fate, inviato di un infimo periodico di Harlem con un debole per la storia dei Black Panthers, per caso e per drammatica necessità si ritrova nel momento giusto a Santa Teresa a fare il commentatore di un incontro di box.
Apparentemente smisurata ma tecnicamente perfetta, la trama di 2666 – titolo davvero enigmatico di cui molto si discute nei luoghi di culto del bolañismo – procede così per millecento pagine (nell'edizione originale completa) verso e dentro quello spazio geografico che vediamo come metafora del male assoluto, ma non senza innumerevoli deviazioni e soste in altri tempi e luoghi. Assisteremo infatti alla comparsa e scomparsa di una moltitudine di personaggi reali o inventati, storie raccontate o abbozzate – impossibile riferirle qui – che hanno come sfondo diverse città europee e americane in un arco di tempo che attraversa la seconda guerra mondiale, il dopoguerra europeo e i fantasmi delle sconfitte latinoamericane – "las guerras floridas" – fino ad arrivare ai crudeli e caricaturali giorni nostri, in un accumulo febbrile di tensione narrativa che, come in tutta l'opera di Bolaño, rimanda, più che a un'immaginazione fine a se stessa, ai portati di un'esperienza che rimangono sospesi in un margine quasi indefinibile fra realtà, delirio e letteratura. Come se ormai la mera fantasia fosse diventata in certo modo superflua o abusata: basta una buona memoria e la volontà di lavorarci dentro.
Assai difficile individuare nella storia recente della letteratura ispanoamericana precedenti di potenza stilistica, ambizione e capacità narrativa simili a quelle dispiegate nell'opera complessiva di Roberto Bolaño, e particolarmente in questo suo ultimo libro, nel quale si condensa ed esplode la materia di un confronto senza tregua con le oscure pulsioni del secolo appena finito e con l'indecifrabile presente di un continente all'eterna ricerca di un futuro meno buio. Se il precedente romanzo – I detective selvaggi, osannato dalla critica seria in tutto il mondo e passato quasi sotto silenzio in Italia – e i racconti (l'uno e gli altri pubblicati da Sellerio) costituivano un'opera di chiaro segno generazionale che faceva i conti impietosi con la politica della rivoluzione e con la tradizione letteraria latinoamericana, in 2666 Bolaño gioca tutte le carte a sua disposizione in una corsa contro il tempo, il suo tempo, che stava per scadere. Non si abbandona mai a frasi memorabili, questo estroso talento della lingua, né rincorre la pirotecnica un po' vuota che caratterizza certa prosa latinoamericana, ma non si rifugia nemmeno nella correttezza di uno stile troppo vigilato. La scrittura ci rivela una passione fredda, energica ma gentile, se possiamo dire, un'inflessibile capacità di riconoscere indizi che portano fuori da ogni retorica in luoghi dove le grandi tragedie collettive e individuali si compiono dietro le quinte dello scintillante spettacolo del mondo. Tutto ci sembra essenziale e impregnato di senso etico in queste pagine, anche quando si fa commento acuto e ironico di testi letterari o cronaca di duelli a coltellate nei sotterranei editoriali o accademici, o si coltiva uno humour nero ereditato dalle avanguardie ispaniche, oppure nelle rare occasioni in cui si allude allegoricamente a grandi questioni: "Per un istante immaginò una bilancia, simile alla bilancia che tiene in mano la giustizia cieca, solo che ai posti dei piatti questa bilancia aveva due bottiglie o qualcosa di simile. La bottiglia di sinistra, chiamiamola così, era trasparente e piena di sabbia del deserto. Aveva vari fori da cui perdeva. La bottiglia di destra era piena di acido. Non aveva alcun foro, ma l'acido si stava mangiando la bottiglia da dentro".
Ricordiamo che il cosiddetto "boom" latinoamericano degli anni sessanta aveva prodotto una lunga serie di capolavori, nei quali a mio avviso l'aggettivo latinoamericano finiva per imporsi per eccesso sulle qualità intrinseche delle opere, quasi come un marchio di denominazione controllata. Gli autori dei decenni successivi – la cosiddetta "nuova narrativa latinoamericana" degli anni settanta e ottanta – sarebbero rimasti schiacciati sotto il peso dei maestri finendo per soccombere in una routine spettrale, ripetitiva di forme e contenuti, risentendo anche delle soffocanti condizioni politiche e sociali create dalle dittature militari. Dal suo discreto esilio nella costa catalana – dopo lunghi anni di silenzio e di vita stentata – Roberto Bolaño irrompe nei primi anni novanta in questo panorama esangue sprovvisto di marchio di fabbrica: è un senza patria che afferma di voler riannodare i fili della tradizione letteraria liberandola dalle distinzioni di frontiera (fedele al suo maestro Borges: "No existe la literatura argentina"), e che con i suoi libri provoca – nel senso letterale della parola – un grande scompiglio nei cenacoli letterari ispanoamericani, che di rado ormai nascondono l'impossibilità di prescindere da questo nuovo punto di partenza.
A proposito del breve arco di tempo che racchiude l'esordio pubblico di Bolaño e la prematura scomparsa nel 2003, non mi dispiace citare un commento di Angelo Morino, suo mentore e introduttore in Italia oltre che uno dei suoi traduttori, tratto dall'ultima nota critica inserita nel volume Anversa (Sellerio, 2007), che sarebbe stato uno degli ultimi scritti di Morino prima di lasciarci pure lui: "A Blanes, nel 2002, Roberto Bolaño è uno scrittore che, negli ultimi dieci anni, ha imposto il suo nome come una delle realtà di maggiore spicco della letteratura in lingua spagnola. A Barcellona, nel 1980, quello stesso Roberto Bolaño è un profugo cileno che vive 'esposto alle intemperie e senza permesso di soggiorno'. È uno malato di rabbia, orgoglio e violenza, che, di notte, lavora, mentre, di giorno, scrive e legge. Uno che non dorme mai, tenendosi sveglio a forza di caffè e sigarette, e che, se frequenta persone interessanti, in genere è perché sono prodotto delle sue allucinazioni".
Purtroppo i lettori italiani si devono accontentare per ora di meno della metà del capolavoro ultimo di Roberto Bolaño: infatti, solo per l'autunno del 2008 Adelphi annuncia l'uscita della Parte dei crimini e la Parte di Arcimboldi, capitoli che racchiudono il nucleo rivelatore – ma non risolutore – dell'intero romanzo, che ci fanno entrare con la forza di un documentario allucinato nell'orrore delle donne trucidate e nel racconto strabiliante della vita di Hans Reiter, il perno di questa narrazione. Scelta editoriale non facilmente comprensibile, date le premesse. Non mancano perciò i disperati che si precipitano a ordinare una copia in Spagna e, provvisti di un grosso dizionario, si tuffano nell'impresa di arrivare fino alla fine, costi quel che costi. Jaime Riera Rehren