Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

29 maggio 1176. Barbarossa sconfitto a Legnano. I giorni di Milano - Alessandro Barbero - ebook

29 maggio 1176. Barbarossa sconfitto a Legnano. I giorni di Milano

Alessandro Barbero

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Laterza
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 366,09 KB
  • EAN: 9788858101186

nella classifica Bestseller di IBS Ebook eBook - Storia e archeologia - Storia - Storia regionale e nazionale - Storia d'Italia

Salvato in 43 liste dei desideri

€ 0,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

spinner

Scaricabile subito

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Quando il giovane ed energico Federico Barbarossa viene incoronato re dItalia a Monza nel 1155, non immagina certo quello che il futuro gli riserva. Sa che per linerzia dei suoi predecessori le città della Lombardia, nome con il quale sintende lintera pianura padana, si sono abituate a governarsi da sole, a farsi la guerra per promuovere gli interessi commerciali dei loro mercanti, e persino a battere moneta; ma dora in poi le cose cambieranno.Lanno prima, a Roncaglia, gli specialisti di diritto romano convocati dal Barbarossa avevano confermato che a lui spettava il potere pubblico su tutto il regno, e tutti erano tenuti a ubbidirgli; dovunque in Europa, del resto, il senso dello stato e il dovere dellobbedienza al re stanno tornando in vigore, dopo essere stati a lungo in declino.Ma Milano è troppo popolosa e troppo ricca per accettare di rinunciare alla sua autonomia. Dopo ventanni di guerra quasi ininterrotta, punteggiata da reciproche atrocità, il Barbarossa viene sconfitto dai Milanesi a Legnano, e il suo tentativo di modernizzazione è archiviato per sempre: ancora a lungo, lItalia non è destinata ad essere una monarchia unitaria, ma un coacervo di sfere dinfluenza cittadine perennemente in contrasto fra loro.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,75
di 5
Totale 4
5
3
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    giorgio g

    08/08/2020 15:39:12

    Si ha la nascita dei liberi Comuni: i Comuni sono governati da un console (la parola console viene dal verbo consulere che vuol dire consigliare). Una frase: “perché così i cavalli, che sono più intelligenti degli uomini, di solito si fermano”. Una lettura molto istruttiva.

  • User Icon

    Daniela

    12/05/2020 22:08:54

    Il libro narra una battaglia che nei secoli è stata oggetto di diverse speculazioni. Le cose però sono andate diversamente di come raccontato successivamente. Lo spiega efficacemente l'autore che fa un una precisa analisi del periodo. Tante le forze in gioco: l'imperatore, il papa, i comuni (divisi fra loro), il risultato finale è un precario equilibrio.

  • User Icon

    Aloisius

    23/04/2020 22:14:00

    Mediante una narrazione coinvolgente l'autore riesce a fare cogliere il sensus degli avvenimenti al di là delle date o dei fatti succeduti.

  • User Icon

    Dario

    23/09/2019 19:18:32

    Un libro interessante e di facile lettura, un buon approfondimento per una vicenda cruciale per la storia dell'Italia dei comuni.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Alessandro Barbero Cover

    Scrittore e storico italiano. Laureato in Storia Medioevale con Giovanni Tabacco, nel 1981, ha poi perfezionato i suoi studi alla Scuola Normale di Pisa sino al 1984. Ricercatore universitario dal 1984, diventa professore associato all’Università del Piemonte Orientale a Vercelli nel 1998, dove insegna Storia Medievale. Ha pubblicato romanzi e molti saggi di storia non solo medievale. Con il romanzo d’esordio, Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle gentiluomo, ha vinto il Premio Strega nel 1996.Collabora con La Stampa e Tuttolibri, con la rivista "Medioevo", e con i programmi televisivi ("Superquark") e radiofonici ("Alle otto della sera") della RAI. Tra i suoi impegni si conta anche la direzione della "Storia d'Europa e del Mediterraneo" della Salerno Editrice. Tra i suoi... Approfondisci
Note legali
Chiudi