Categorie

Piero Angela

Editore: Mondadori
Collana: Ingrandimenti
Anno edizione: 2011
Pagine: 175 p. , Rilegato
  • EAN: 9788804607762

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Marco78

    10/12/2011 09.23.21

    Da alcuni anni, almeno in libreria, Piero Angela ha investito le sue note doti divulgative nell'analisi della situazione economico-sociale del nostro Paese. Così, dopo aver affrontato i problemi dell'energia e della demografia, non poteva mancare uno sguardo alla politica e al ruolo che questa deve rivestire per garantire un futuro alla comunità. Il risultato è un saggio lucido, preciso e, al tempo stesso, spietato non solo verso la classe dirigente ma, in generale, verso tutto il "sistema Italia". Il libro non tratta (fortunatamente!) della politica di cui alla cronaca quotidiana, quella politica chiusa in se stessa, incapace di vedere e capire (e figuriamoci di guidare!) il mondo; protagonista è, invece, quello che la politica dovrebbe fare: migliorare l'istruzione, la ricerca, l'Università, implementare la meritocrazia e, soprattutto, adottare progetti a lungo termine che sappiano creare ricchezza. Come suggerisce l'autore: basta con la spartizione del poco latte rimasto; è ora di far crescere la mucca. Pur non essendo tutto alla deriva, non si più non concordare con Angela quando afferma che "mediamente" siamo un Paese rassegnato all'inefficienza, dove sprechi, ruberie, privilegi sono passivamente accettati in quanto è opinione diffusa che "non ci sia limite al peggio". Quelle di Angela sono riflessioni semplici ma al tempo stesso essenziali e derivano soprattutto dall'osservazione di realtà estere (anche asiatiche) che di tali principi hanno saputo fare tesoro. Basterebbero pochi sforzi, pochi sistemi di "premi e punizioni" per migliorare le cose, ma tutto sembra sempre troppo difficile o forse troppo impopolare per chi guida un Governo. Il contenuto di questo breve e scorrevolissimo testo, vale più di 100 talk show per capire ciò che sta accadendo nel nostro Paese. Unica nota di demerito, il titolo: poco accattivante e per nulla "riassuntivo" di ciò che rappresenta.

Scrivi una recensione