A una donna tradita

Paolo Crepet

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 4 novembre 2008
Pagine: 162 p., Brossura
  • EAN: 9788806195052
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 8,10
Descrizione

"Per non essere traditi bisognerebbe tradire prima, avrebbe detto mio padre, ma non ci sono riuscita". Questo è il racconto del viaggio dentro se stessa di una donna senza nome, senza tempo e senza luogo che è tante donne, la madre, le amiche, la figlia, tutte le donne che sono in lei. Ed è il racconto dei tanti tradimenti che può contare nella sua esistenza. A partire dal più grande, che tutti li riassume: quello verso di sé, nella convinzione che la solitudine e la sterilità dei sentimenti l'avrebbero protetta dal dolore.

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Geffy

    02/12/2009 16:09:54

    Il libro è la testimonianza di una donna che si porta addosso il fardello dei tradimenti subiti durante la sua esistenza. Tradita, prima dalla madre e poi, dal padre, dal fratello, dalla figlia, racconta la sua vita fatta di disperazione, solitudine e angoscia. All’inizio il libro sembrava interessante, poi andando avanti nella lettura mi sentivo sempre più estranea alla storia, finché…alla fine non mi ha lasciato niente!

  • User Icon

    Donatella

    21/10/2009 14:45:53

    L’inizio del viaggio attraverso il quale ci conduce questo libro è lento. Ma col procedere del percorso la storia prende vita, i personaggi prendono forma. E quasi senza accorgercene arriviamo a comprendere da chi questa donna è tradita, e soprattutto che non è stata tradita solo lei. Una narrazione in prima persona che è al tempo stesso racconto ed analisi, storia ed interpretazione. Un libro che lascia delle domande cui non è detto sia meglio cercare di dare delle risposte.

  • User Icon

    massimo

    19/04/2009 19:10:44

    Poteva fare meglio. La storia è anche bella e interessante, ma il modo in cui l'ha scritta mi ha fatto venir voglia di desistere, a tratti è illeggibile, incomprensibile. Forse non è destinato a tutti. Alla fine poi, è proprio lui (Crepet) a tradire, non era affatto ciò che mi aspettavo, la quarta di copertina lasciava intendere tutt'altra cosa!

Scrivi una recensione