Categorie

Simona Argentieri

Editore: Einaudi
Collana: Vele
Anno edizione: 2010
Pagine: 132 p. , Brossura
  • EAN: 9788806201463
"Tra i miei tanti motivi di ostilità nei confronti di coloro che ostentano (…) brutalità e disprezzo contro gli omosessuali c'è il rancore per aver quasi azzerato lo spazio per una vera discussione che consenta a noi tutti di chiarire cosa significhino oggi eterosessualità ed omosessualità (…) così da poter esprimere anche qualche riflessione critica onesta senza sentirsi immediatamente tacciati di retriva omofobia". Così scrive l'autrice all'inizio del libro che si propone di far sì che la psicoanalisi riconquisti un suo spazio autonomo teorico e clinico su questo problema, partendo dall'interrogativo se la costruzione progressiva dell'identità di genere maschile o femminile si svolga lungo una comune via di sviluppo, oppure se, fin dalle origini, uomo e donna seguano processi evolutivi diversi e differenziati. Ripercorrendo brevemente gli stereotipi più comuni sull'omofilia e la grossolana e confusiva assimilazione che si fa tra omosessuali, transessuali, transgender, travestiti e anche pedofili, Argentieri evidenzia l'importanza dei processi identificatori, imitativi e difensivi che sono alla base dell'identità di genere e del ruolo di genere, sottolineando che la riflessione sui percorsi evolutivi psicologici che possono condurre all'omosessualità, se è essenziale nel corso di una terapia individuale, non consente però una spiegazione generale né di valore nosografico. Il modello del processo evolutivo (e l'elemento basilare dell'invidia, l'esperienza della separatezza…) permette di riconoscere la complessità e l'imperfezione di tutte le persone, ma "non rinuncia a stabilire una contrapposizione quantitativa e qualitativa tra un'organizzazione matura e integrata e una segnata dal prevalere di meccanismi difensivi e regressivi. L'identità sessuale non è un dato ma un percorso che si inserisce nella costruzione, mai compiuta perfettamente, dell'identità personale. "Io non credo – afferma l'autrice – che all'omosessualità corrisponda una struttura psicologica specifica". Assurdo quindi parlare di una "terapia dell'omosessualità": certo anche molti omosessuali possono giovarsi di un trattamento psicanalitico, non in ragione del loro orientamento sessuale, ma delle loro eventuali sofferenze e patologie. Alcune coraggiose riflessioni sull'attualità, anche politica, concludono il libro, nel quale sono citati numerosi psicoanalisti che hanno scritto sull'omosessualità, o sulle "neosessualità" (Joyce McDougall), ma non Janine Chasseguet-Smirgel, coerentemente con quanto affermato all'inizio del testo, cioè che ridurre l'omosessualità a categoria nosografica è un atto "espulsivo" e difensivo. Il libro si rivolge anche ai non addetti ai lavori, ma chi ha una formazione psicodinamica ne coglierà appieno la profondità e l'onestà di pensiero. Daniela Ronchi della Rocca

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giovanni

    06/11/2010 13.25.53

    Libro pregevole che entra nelle eventuali problematicità dell'esperienza omosessuale. E però confonde outing (svelamento dell'omosessualità di un personaggio perlopiù famoso fatto da terzi) con coming out (la confessione della propria omosessualità fatta nei confronti di certe persone: familiari, amici, colleghi di lavoro, etc. etc.). E poi è portatore di una visione della sessualità/affettività molto femminile vedendo come apice di tali esperienze rapporti completi, stabili, profondi...certo sarebbe bello o forse ottimale vivere rapporti anche di questo tipo ma manca un dovuto riferimento all'aspetto ludico e di varietà tipico della sessualità maschile: si stigmatizza il sesso a pagamento senza un accenno a Pier Paolo Pasolini ad esempio o a Giovanni Testori (due scrittori che non hanno mai fatto mistero delle loro frequentazioni molte delle quali mercenarie) o non so al filosofo Gianni Vattimo o allo stesso Paolo Poli che viene citato a fine libro (tanto per ricordare solo alcuni tra gli infiniti esempi che smentiscono le affermazioni dell'autrice). Così se forse l'approccio psicoanalitico del libro è interessante e va in profondità, mi pare che tali sviste o disattenzioni dimostrino una certa noncuranza, superficialità, una conoscenza approssimativa dell'oggetto su cui si scrive o perlomeno esclusivamente clinica e non empatica: se l'autrice si fosse documentata di più sulla realtà nei secoli dell'omosessualità maschile invece che dissertarne con taglio da entomologa forse il libro sarebbe stato più utile e liberatorio soprattutto per i tanti giovani che oggigiorno si affacciano su questo mondo ancora così stigmatizzato.

  • User Icon

    luana

    04/11/2010 14.28.22

    Un libro che, a partire dal titolo e dall´autorevolezza dell´autrice, promette piu´di quanto in realta´non offra.Sono certamente molti gli spunti di riflessione e i nodi tematici esposti, ma la trattazione arranca nell´incertezza espositiva. Il ricorso al linguaggio psicoanalitico in taluni punti appare piu´confusivo che esplicativo; impiegato piu´per elargire una certificazione d´onore che per contribuire ad una comprensione fondata. Di ambiguo retrogusto.

  • User Icon

    Antonio

    07/09/2010 07.12.59

    tesi equilibrate

  • User Icon

    Lella

    20/07/2010 23.44.42

    Non sono daccordo con il commento precedente. Il libro non ha pregiudizi su quale orientazione sessuale debba avere una persona. Ribadisce a piu' riprese che l'importante e' che una persona abbia una relazione COMPLETA e in particolare a Pag. 67 precisa che per un rapporto di amore completo si deve contemplare la possibilita non solo della performance e dell'orgasmo ma anche la possibilita di condividere il senso momentaneo dell'annullamento dei confini tra se e l'altro. Oggigiorno in vari tipi di relazionamenti (che siano etero o omosessuali) sembra che le persone siano particolarmente interessate al "controllo"...chiaramente questo e' sintomatico di una profonda insicurezza e una mancanza di fiducia sia in se che in un possibile partner

  • User Icon

    Carlo

    15/07/2010 14.18.24

    Decisamente omofobico. Questo libro improntato ad un certo pietismo verso i gay, considera l'omosessualità inferiore all'eterosessualità. La parte sulle famiglie omogenitoriali fa proprie molte teorie antigay. Sembra scritto 30 anni fa.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione