A Santiago c'è una piazza

Fabio Evangelisti

Editore: Tarka
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 3,73 MB
  • Pagine della versione a stampa: 208 p.
    • EAN: 9788899898793
    pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

    Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

    Disponibile anche in altri formati:

    € 7,49

    Venduto e spedito da IBS

    9 punti Premium

    Scaricabile subito

    Aggiungi al carrello Regala

    non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

    Descrizione
    A Santiago c’è una piazza che tutti conoscono: Piazza Italia.
    “È conosciuta anche come il chilometro zero da cui si misurano le distanze. Quelle chilometriche senza dubbio, ma anche quelle sociali, fra chi vive nei quartieri verso l’Oeste e chi, invece, risiede verso l’Oriente.
    Da questa parte, in direzione delle Ande, si trovano i palazzi più moderni, le case più belle, i locali più eleganti e alla moda. In direzione opposta, più ci si allontana dal centro e maggiore degrado e povertà s’incontrano.” – da pagina 143

    “Evangelisti […] dice che ha scritto questo libro per saldare un debito di sangue, per sanare un affetto familiare, per colmare una assenza. Ma la verità è che cimentandosi in questa impresa ha inseguito una storia potente, e ha scoperto di possedere una penna affilata e una prodigiosa vena di narratore. Lo ha fatto giocando su due tavoli, da un lato scrivendo in terza persona, dall’altro inventandosi un diario in prima persona con il racconto diretto…”
    Luca Telese

    Recensioni dei clienti

    Ordina per
    • User Icon

      Claudio Mazzoccoli

      01/11/2017 09:31:17

      A SANTIAGO C'E' UNA PIAZZA. E' il titolo del libro appena pubblicato dall'amico Fabio Evangelisti per Tarka Editore. Ho appena finito di leggerlo e mi piace condividere quello che ne ho estratto. A Fabio riconosco la capacità non solo di scrivere, e di scrivere bene, ma di scrivere per il lettore. Quello che considero importante, nella scrittura, è la empatia che si deve generare tra lettore e scrittore. Condurre il lettore per mano, attraverso la lettura, nei luoghi, renderlo partecipe della storia: un testo scritto bene trasforma le lettura in un momento di complicità tra lettore e scrittore, quindi. La pagina scritta diventa una finestra attraverso la quale il lettore entra nella storia. La lettura, a questo punto, si trasforma in un qualcosa che si deve assorbire avidamente con tutti i sensi. E' il piccolo miracolo che si compie quando un libro è scritto bene. Grazie Fabio. PS. Io amo la pizza. Questo lo capirà solo chi leggerà il libro.

    Scrivi una recensione