Editore: Boopen
Anno edizione: 2011
Pagine: 242 p., Brossura
  • EAN: 9788865812495
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibile in 4/5 settimane

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Roberto Vitali

    11/07/2011 16:25:20

    Un bellissimo viaggio introspettivo alla ricerca di risposte. Ottimo lavoro!

  • User Icon

    federico buelli

    05/06/2011 11:13:22

    Invitato a recensire "Un abito per mia madre" della scrittrice Emanuela Alessandra Serughetti, non ho avuto nessun dubbio tra lo scorrere leggero ed attraente del racconto, nel trovarmi di fronte ad un vero romanzo di formazione tout court, nel quale la Serughetti conduce il lettore, ammaliando per la sincerità espressiva, all'evoluzione della giovane protagonista, Cristiana Marini, verso la maturità e l'età adulta. La protagonista orfana dei genitori, viene iniziata alla vita e all'arte attraverso un viaggio che è sia materiale che spirituale. Un volo in aereo dalla borghese periferia nord italiana alla metropoli mitteleuropea californiana, la San Francisco degli anni Novanta, per raccontarne emozioni, sentimenti, progetti, azioni viste nel loro nascere dal di dentro. San Francisco diviene la città da vivere, respirare, ammirare, così le amicizie e le nuove esperienze artistiche, dallo stereotipo della moda ad una libertà creativa personale a contatto con le avventure degli happening, libere espressioni del corpo, della danza del costume. Nuove esperienze che la protagonista vive con tensione, agitazione, bloccata da un'educazione familiare e un rapporto complicato con la madre. Un romanzo intimista, che porta con se le esperienze del passato, la vita in famiglia, l'adolescenza, la scuola e gli studi da costumista, l'essere, vivere e pensare italiano a confronto con l'integrazione sociale americana. "Un Abito per mia madre" descrive bene la vita sospesa in un equilibrio perenne tra la formazione individuale, le esperienze vissute, le scelte da affrontare e i sogni da realizzare.

  • User Icon

    Assunta

    31/05/2011 11:05:02

    Scritto con un linguaggio semplice, ma non banale, è capace di dar voce alle emozioni più profonde. Attuale e moderno, nella protagonista ognuno di noi potrebbe incrociare un pezzetto della propria storia personale, ritrovandosi a rivivere certe emozioni e magari augurarsi di avere la stessa capacità di "risvegliarsi da un incantesimo di perbenismo e tradizionalismo" per sentirsi "viva e vulnerabile, senza poter essere ferita".

  • User Icon

    Elena buelli

    27/05/2011 14:24:19

    Un abito per mia madre un romanzo di piacevole lettura, una giovane donna all'inizio di un "grande" viaggio per San Francisco, ma soprattutto l'inizio di un travolgente cambiamento...nella sua valigia ci sono le paure e le insicurezze della vita, quelle che possono appartenere ad ognuno di noi.... Un viaggio che porta alla riflessione anche della propria realtà! Stupisce, commuove e sorprende!! Sicuramente da leggere!!!

  • User Icon

    francesco gambarini

    27/05/2011 12:33:41

    Cristiana, in giovane età resta orfana dei genitori. Per raggiungere una stabilità che il suo paese di nascita non la aiuta a ritrovare, comincia una nuova vita a San Francisco. Lungo il cammino, la vita le fa incontrare persone un po' stravaganti ma anche uniche e magiche che la aiuteranno a lasciare vecchi preconcetti (a volte inculcati dai genitori)e a ritrovare se stessa. Nuova. "Un abito per mia madre" è un libro molto piacevole da leggere. Le descrizioni delle debolezze e paure interiori che accompagnano la crescita della protagonista sono davvero ben raffigurate e ci si sente trasportati in un America degli anni 90 fatta di vita semplice e quotidiana, ma ricca di situazioni inaspettate e a tratti un po' hippy... Consigliato.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Cristiana, la giovane protagonista del romanzo appassionata di moda, lascia l’Italia per ricominciare a vivere a San Francisco, la città multietnica, libertina, hippy e omosessuale degli Stati Uniti.
In un caffé italiano conosce Romina e la sua amicizia rivelerà a Cristiana un aspetto di sé ben più complesso e inaspettato. Affronterà il suo passato e la relazione problematica con la madre defunta, lasciandosi condurre sulla giostra affascinante del teatro-danza ispirato alle Cockettes, fenomeno hippy della San Francisco degli anni sessanta che ripercorre le tracce filosofiche di un’intramontabile Isadora Duncan l’ideatrice della danza improvvisata e dei movimenti liberi del corpo. Il palcoscenico e le performances del teatro-danza le daranno risposte alle sue domande, un perché al suo tormento interiore e una pacifica ricongiunzione con la madre.