Ad Astra (Blu-ray)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: James Gray
Paese: Stati Uniti
Anno: 2019
Supporto: Blu-ray

12° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Fantasy e fantascienza - Fantascienza

Salvato in 47 liste dei desideri

€ 19,99

Punti Premium: 20

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
Blu-ray

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 19,99 €)

Un uomo muore 20 anni fa in una missione spaziale. Il figlio parte anche lui per un viaggio nel sistema solare per capire i veri motivi della scomparsa del genitore.
«Ad Astra non è il semplice racconto di un'ossessione, attraverso la science fiction il regista dispiega le questioni che nutrono i suoi film: il dilemma tra diverse fedeltà conflittuali. Come restare fedeli a se stessi senza tradire i propri padri? Diventare un uomo è inscriversi nel seguito di una storia familiare o è rompere con la legge del padre, scrivendo le proprie pagine? Dominare o subire il proprio destino? Il montaggio diventa nel film l'essenza stessa di una ricerca quasi metafisica di quello che unisce e separa spazi e universi antinomici, quello che divide gli uomini e le donne, i padri e i figli.» - Marzia Gandolfi - MyMovies
3,67
di 5
Totale 6
5
0
4
5
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giovanni

    13/05/2020 16:34:11

    Sezione video davvero eccezionale, audio italiano ottimo (anche se non MASTER AUDIO) soprattutto per l'equilibrio tra voci ed effetti, qualità rara da trovare. Audio inglese MASTER AUDIO superbo. Il film...è stato detto e scritto molto al riguardo...la critica è stata impietosa ed è facile in casi come questo partire con dei pregiudizi...invece mi ha molto colpito...non so ancora bene in che modo, certo l'ho trovato claustrofobico ed inquietante, anche pesante, dovrò rivederlo, rielaborarlo, però penso che la maggior parte degli elementi che sono stati oggetto di critica superficiale e conformista, potrebbero essere invece punti di forza in un panorama cinematografico sci-fi che fatica a rinnovarsi. Per esempio il racconto fuori campo del protagonista stesso, così come alcune modalità dei personaggi nel relazionarsi gli uni con gli altri, che sembrano di altri tempi, contrastano nettamente con la distopia caratterizzata da un'organizzazione evidentemente disfunzionale e dalla catena di comando incompetente, che invece sono attualissime. Insomma, mi è piaciuto, proprio perché fatto così...così com' è.

  • User Icon

    Roberto Klem

    13/05/2020 15:56:33

    Ultima fatica dello statunitense James Gray, un regista peculiare, amante della narrazione dai toni epici, dai tempi dilatati. Dal suo esordio nel 1994 col bellissimo "Little Odessa" ci ha proposto protagonisti dai tratti spaesati e alla ricerca di un qualcosa, un senso alla loro esistenza, forse il senso stesso dell'esistenza. Personaggi tormentati, inquieti, immersi in un mondo spesso sconosciuto, da esplorare, minaccioso. Già il precedente e magnifico "Civiltà Perduta" analizzava il viaggio inteso come scoperta, ma anche come ricerca interiore. Con questo "Ad Astra" un intenso ed inedito Brad Pitt ci accompagna ai confini del sistema solare, in compagnia dei suoi tormenti, dei suoi demoni interiori. Gli si offre la possibilità di reincontrare suo padre, dato per disperso da molti anni e forse ancora vivo...l'occasione di una vita segnata dalla mancanza di un padre appunto, con tutto ciò che ne consegue. Ed ancora una volta Gray ci ammalia con i suoi tempi dilatati ed accelerazioni ellittiche, primissimi piani del protagonista, silenzi e voce narrante in soggettiva alla Terrence Malick, immagini affascinanti supportate da una colonna sonora superlativa, con brani di Nils Frahm, Lorne Balfe e Max Richter a descrivere un'odissea interiore più che fisica. Un film che si ama visceralmente o si detesta, lontano dai frenetici montaggi della moderna narrazione filmica americana, più vicino ai tempi lunghi ed alle evocazioni di un "Balla coi lupi" che non ad un videogame sparatutto per intenderci. La trama, pur con spunti interessanti e sequenze assai ben girate, come l'inseguimento lunare o la bellissima scena di apertura, è di fatto un pretesto, un dilatare l'attesa del desiderato incontro col padre, un iconico Tommy Lee Jones, nel corso del quale il protagonista dovrà prendere atto di ciò che E'...di ciò che non è stato e mai sarà. Da vedere.

  • User Icon

    Michele

    12/05/2020 16:07:38

    Lo vidi la prima volta al cinema e si ammetto come altri dicono l'ho torvato un pò lento a tratti ,ma sotto il profilo visivo e tecnico è perfetto ,la scena della battaglia sulla Luna è davvero spettacolare.Lo consiglio a chi piace la fantascienza ma non quella d'azione e sparatorie a gogo è un film che và capito ,ma non può piacere a tutti ovviamente.Peccato l'assenza di una traccia in Hd in italiano.

  • User Icon

    Emanuele

    11/05/2020 15:58:29

    Ottimo film, c'é qualcosa che sa di già visto, ma nonostante tutto il film riesce a mantenersi originale, da vedere. Ottimo Pitt.

  • User Icon

    Lorenzo

    29/03/2020 14:53:45

    Visto al cinema attirato dal trailer. Due stelle per Brad Pitt, per bravura e tenacia. In assoluto, a mio avviso, uno dei peggiori film di fantascienza mai realizzati. Dopo Interstellar di Nolan è difficile riuscire anche solo a tenere un livello apprezzabile in questo genere sci-fi "scientifico", va bene, ma ci sono dei limiti. Un eccellente introspettivo Brad Pitt non basta a tenere in piedi un film con una trama povera, colpi di scena inutili alla stessa, esasperazione di primissimi piani (che dopo poco perdono il loro senso) e insensatezze scientifico/spaziali. Prendiamo The Martian, Moon, Le scimmie assassine (...si, hai letto bene), Interstellar, Sunshine e inseguimenti alla Mad Max, mischiamo tutto e teniamo insieme con un bravo (qui bravissimo) attore. Un buon film di fantascienza può permettersi tutte le fantasie che vuole, ma deve seguire un filo, rispettare delle regole. Qui non c'è nulla, un film a mio giudizio mediocre che crea grandi aspettative non può che tirarsi la zappa sui piedi. Peccato.

  • User Icon

    Sonia

    19/03/2020 11:59:43

    Il migliore film del regista, nella sua semplicità è un lunghissimo monologo interiore. Da vedere

Vedi tutte le 6 recensioni cliente

Un film angosciante che racconta un'ossessione e si interroga attraverso la science-fiction sull'accettazione dell'età adulta

Trama

Da qualche parte nello spazio profondo, un campo elettrico scarica la sua forza alla velocità della luce e minaccia la sopravvivenza della Terra. L'origine viene presto identificata e il Maggiore Roy McBride incaricato della missione che dovrebbe liquidare il problema. Ma le cose non sono così semplici perché Roy, soldato decorato oltre i confini della Terra, è il figlio di Clifford McBride, pioniere dello spazio partito ventinove anni prima per cercare segni di vita su Nettuno. Arenata tra i suoi satelliti, la nave del padre è la causa delle scariche elettriche che colpiscono la Terra. Astronauta performante e figlio devoto, Roy è il cavallo di Troia per stanare Clifford. Un cavallo indomabile che cerca risposte all'abbandono e una via altra per tornare finalmente a casa.

  • Produzione: 20th Century Fox, 2020
  • Distribuzione: The Walt Disney Company Italia
  • Durata: 122 min
  • Lingua audio: Italiano (DTS Digital Surround 5.1);Spagnolo (DTS Digital Surround 5.1);Francese (DTS Digital Surround 5.1);Tedesco (DTS Digital Surround 5.1);Inglese (DTS HD 7.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese per non udenti; Francese; Spagnolo; Tedesco
  • Formato Schermo: 2,39:1
  • AreaB
  • Brad Pitt Cover

    Propr. William Bradley P., attore statunitense. Alcune apparizioni televisive precedono il debutto cinematografico in Happy Together (Felici insieme, 1989) di M. Damski, ma è solo nel 1991 che mette in mostra tutto il suo fascino di american boy nei panni dell'autostoppista che seduce G. Davis in Thelma & Louise di R. Scott. Sempre nel 1991 è protagonista di Johnny Suede di T. Di Cillo, mentre l'anno successivo, diretto da R. Redford, interpreta In mezzo scorre il fiume. Fuga le critiche che ne mettono in dubbio il talento e mostra una notevole crescita attoriale interpretando un serial killer in Kalifornia (1993) di D. Sena, un folle ecologista in L'esercito delle dodici scimmie (1995) di T. Gilliam e un poliziotto impulsivo nel thriller Seven (1995) di D. Fincher. Ormai affermatosi come... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali