Stripe PDP
Salvato in 20 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Ad Auschwitz ho imparato il perdono. Una storia di liberazione
15,22 € 17,90 €
LIBRO
Venditore: IBS
+150 punti Effe
-15% 17,90 € 15,22 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,22 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,22 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Ad Auschwitz ho imparato il perdono. Una storia di liberazione - Eva Mozes Kor - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Ad Auschwitz ho imparato il perdono. Una storia di liberazione Eva Mozes Kor
€ 17,90
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Da una struggente storia di persecuzione e di coraggio, un'intensa lezione spirituale che ha avuto risonanza in tutto il mondo

«Con il perdono si sprigiona l'unica energia di cui disponiamo veramente. E perdonare chi voleva uccidervi - scindendo l'ultimo legame che unisce la vittima al carnefice e riprendendo le redini della propria vita - procura un'incredibile energia, un immenso senso di potenza. Nessuna vendetta potrebbe fare altrettanto, nessuna pena detentiva potrebbe eliminare il dolore e la perenne sensazione di sentirsi indifesi. Solo il perdono libera davvero dalle sofferenze del passato»

Auschwitz, maggio 1944: sulla lunga banchina affiancata alle porte dei forni crematori, affollata di migliaia di ebrei appena arrivati dall'Ungheria, un militare osserva due bambine vestite di un identico abitino rosso, strette alle mani della madre. «Sono gemelle?» chiede. Avuta la risposta affermativa, le trascina via. Eva si salva così dalla camera a gas, destinata, con Miriam, a diventare una cavia umana nel laboratorio dove Josef Mengele compie i suoi esperimenti genetici. Ha dieci anni e molta paura. Per sei mesi, insieme ad altre coppie di gemelli, subisce test, trasfusioni, iniezioni di virus e medicinali. Vede i suoi compagni morire a seguito di operazioni e amputazioni. Ma è determinata a tornare a casa e riesce, insieme alla sorella, a sopravvivere fino all'arrivo degli Alleati. A sedici anni è in Israele, a ventisei negli Stati Uniti: gli incubi notturni sono scomparsi, ma non l'odio per gli aguzzini, la costante sensazione di essere indifesa e impotente, la sofferenza causata dai ricordi, che vengono sepolti in un angolo della memoria. Finché l'incontro con un ex nazista fa riemergere il dolore, ma mostra a Eva una nuova strada, il perdono, che libera dal peso del passato non i carnefici, come si crede, ma le vittime, rendendo loro il potere sulla propria vita. L'odio la incatenava agli abusi subiti, il perdono le permette di andare avanti, senza dimenticare quel che è stato. Di guardare quella bambina fotografata dietro il filo spinato del campo di sterminio senza essere sopraffatta dall'angoscia. Di ottenere che due criminali ammettano pubblicamente le proprie colpe.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2017
26 settembre 2017
228 p., Rilegato
9788820062774
Chiudi

Indice

Indice

Prologo

I. Auschwitz
II. Una vittima esemplare
III. Come sono riuscita a perdonare
IV. Cosa significa il perdono per me
V. Come si può perdonare
VI. Il perdono può cambiare il mondo

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(3)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
Sara
Recensioni: 5/5

Appena finito di leggere due giorni fa, uno dei libri più toccanti che io abbia mai letto, narrati da una donna che ha vissuto tutti con gli occhi di una bambina. Atrocità assurde quelle che hanno vissuto quelle persone, uomini, donne e bambini. In alcuni momenti ho avuto il magone, ma sono felice di averlo letto.

Leggi di più Leggi di meno
sebi
Recensioni: 3/5

Bella e commovente la prima parte in cui parla dell'internamento nel campo, un po' prolissa la seconda parte in cui si narra del post guerra. Rimane comunque un ottimo libro che denuncia le atrocità della shoah.

Leggi di più Leggi di meno
monica
Recensioni: 4/5

ci sono argomenti che riesco a condividere con questa sopravvissuta sul rancore odio rabbia, perdonare e' piu' che umano perche' spesso sofferto, ma non credo che avrei mai e poi mai perdonato nessuno di coloro che hanno contribuito alla costruzione di cioe' che ha rappresentato Auschwitz, ne chi ha avuto parte attiva e nemmeno chi sapeva e non ha fatto nulla nemmeno dicendo una parola per potere almeno rallentare il processo di sterminio, nemmeno chi e' rimasto indifferente mentre si compiva questo ignobile atto e nemmeno chi ancora fa finta che non sia mai esistito o che non ne vuole conoscere l'esistenza perche' lontano. testo che consiglio.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Eva Mozes Kor

1934, Portz, Romania

Eva Mozes Kor, ebrea nata nel 1934 a Portz, in Romania. Ha perso i genitori e le due sorelle ad Auschwitz. Insieme alla gemella Miriam è stata sottoposta agli esperimenti del medico nazista Josef Mengele ed è sopravvissuta al campo di sterminio. Ha creato l'associazione CANDLES (Children of Auschwitz Nazi Deadly Lab Experiments Surbvivors), un Museo dell'Olocausto e un Centro Educativo. Da trent5'anni viaggia in tutto il mondo come testimone dei crimini nazisti, insegnando l'importanza del perdono per superare i traumi personali e storici. Nel 2009 il suo libro per bambini Surviving of the Angel of Death è stato un best seller nazionale. Alla sua storia è dedicato un documentario diffuso in Italia con il titolo La donna che ha perdonato i nazisti.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore