Gli africani salveranno l'Italia - Antonello Mangano - ebook

Gli africani salveranno l'Italia

Antonello Mangano

Con la tua recensione raccogli punti Premium In promozione DOPPI PUNTI fino al 23/6
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,77 MB
Pagine della versione a stampa: 169 p.
  • EAN: 9788858652855
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 5,99

Punti Premium: 6

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
Fai un regalo

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Tra la fine del 2008 e l'inizio del 2010 Rosarno è balzata all'attenzione dei media per ben due volte. Sfruttati, ammassati in baraccopoli, emarginati e spesso aggrediti, in un crescendo di tensione e violenza i migranti lottano per il diritto al lavoro ma anche per quello alla vita. In un comune commissariato per infiltrazioni mafiose, la voce degli africani è l'unica a levarsi con forza contro le 'ndrine, e a far paura al sistema. Antonello Mangano, con un'analisi storica e economica, spiega come e perché siano proprio gli stranieri a reagire dove gli italiani si sono abituati ad accettare, vittime del racket e delle intimidazioni. Secondo Mangano, saranno gli immigrati a salvare Rosarno e forse l'Italia: "Non hanno un tetto, non hanno soldi, vivono in condizioni limite. Al Nord non trovano lavoro, ma un clima di razzismo. Al Sud la situazione è spesso disumana. Indirettamente, in modo forse non cosciente, la loro è una reazione alla mafia, a una situazione che la mafia contribuisce a produrre". Una tesi coraggiosa, che spiega come le ribellioni di Rosarno siano soprattutto una lotta alla 'ndrangheta, che può dare la spinta a un Paese da troppo tempo rassegnato alla malavita.
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium In promozione DOPPI PUNTI fino al 23/6
  • User Icon

    Tullio Pascoli

    27/01/2016 19:04:19

    Con il contributo di chi osserva problemi emersi fra raccoglitori di agrumi, descrive come aggressioni di conio mafioso hanno provocato rivolte in contrasto con la remissività degli abitanti, assuefatti al dominio della delinquenza organizzata. Così, l'idea di "salvare l'Italia", reagendo alla prepotenza non è del tutto assurda, proprio perché la rivolta può servire da esempio a chi subisce docilmente. Denuncia ripetute forme di razzismo e incompetenza burocratica nel gestire manovalanza che di fatto contribuisce molto al settore agricolo, mentre la nostra gioventù disoccupata si accontenta di sussidi od abbandona le campagne per la città o cerca lavoro all'estero, spopolando ampie zone prospere senza personale a lavorare i campi. Descrive come organizzazioni mafiose non solo condizionano il mercato, aggiudicandosi il monopolio di distribuzione dei prodotti agricoli, eliminando la concorrenza, arruolando il caporalato, riducendo individui a forme di semi schiavitù, minacciando indifesi costretti in ghetti insalubri, obbligati a cedere parte della scarsa retribuzione, senza contare le rapine a cui sono soggetti nella diffusa omertà. Così il settore va in crisi: molti agricoltori privi di margini di utile, rinunciano non potendo trarre un minimo profitto. Lettura che provoca lo spirito di compassione dei più sensibili e fomenta forte senso di stizza a chi non si conforma a tanta ingiustizia. Tema molto interessante ed attuale nel contesto in cui tutta l'Europa si vede invasa da crescente numero di immigranti in cerca di esistenza migliore, in fuga da miseria, guerre e persecuzioni. Opera di 170 pagine da leggere in melanconica giornata invernale, capace di schiarire certe idee; ed a chi desiderasse approfondire l'assunto delle migrazioni, per meglio capire un fenomeno naturale, sempre esistito, al quale nemmeno gli Italiani sono stati estranei, consiglio due saggi: L'ORDA, QUANDO GLI ALBANESI ERAVAMO NOI di G. A. Stella e IMMIGRANTI. PERCHÉ ABBIAMO BISOGNO DI LORO.

| Vedi di più >
Note legali