Ai confini della terra

William Golding

Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
In commercio dal: 5 novembre 2002
Pagine: 648 p.
  • EAN: 9788850202638
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Ai primi dell'Ottocento un vecchio vascello da guerra disarmato lascia le coste dell'Inghilterra diretto in Australia. A bordo, tra la folla multiforme dei passeggeri, c'è il giovane Edmund Talbot, destinato a importanti incarichi nell'amministrazione di Sua Maestà nel nuovissimo mondo. Il suo lungo viaggio, raccontato dapprima in forma di diario e infine in una sorta di autobiografia, sarà denso di vicende, incontri, rivelazioni, scandito dal trascorrere delle stagioni e dalla infinita mutevolezza del mare.

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    La Recherche

    10/10/2008 19:35:05

    L’autore narra le vicende, che si svolsero nei primi dell’Ottocento, ricostruendo abilmente il linguaggio, e soprattutto la visuale di giudizio dell’epoca, usando il giovane Talbot come io narrante, calandosi così nei panni di un giovane snob, con svariati pregiudizi, mostrando al lettore, in modo assai efficace, la sua trasformazione in uomo maturo. Golding, come il capitano della nave, regge con mano sicura ed abile il timone della narrazione sino a condurla in porto usando abbondantemente il gergo marinaresco che contribuisce a rafforzare la sensazione di distacco dal resto della civiltà e a ricreare la suggestione della navigazione, e su questo dobbiamo anche ringraziare la perizia dei due traduttori che hanno reso perfettamente quella che appare a tutta prima una lingua a sé stante. Il grande entusiasmo per la vicenda sembra affievolirsi dopo l’approdo in Australia, periodo descritto con quelle che sembrano le pagine un po’ meno entusiasmanti dell’opera, ma resta comunque una notevole lettura avvincente e divertente capace di accendere in ogni lettore la voglia di solcare i mari.

  • User Icon

    Trixter

    21/02/2006 09:48:06

    Si prova un po' di tristezza quando, giungendo al termine del lungo racconto, si ha l'impressione di dover salutare i tanti compagni che hanno accompagnato questo viaggio ideale, ma pur sempre realistico. Dal duro comandante Anderson alla graziosa signorina Chumley, al povero signor Colley, al losco Deverel ecc. Il racconto ci proietta nel vivo di un lungo percorso, anche interiore, del protagonista, piacevolmente raccontato e descritto in maniera molto elegante. Unica pecca, forse, è l'assenza di quel pizzico di avventura che avrebbe reso il romanzo ancor più piacevole ed appassionante.

  • User Icon

    silvia

    05/08/2005 13:52:25

    Bellissimo romanzo di formazione (a dire il vero è una trilogia). Ha il respiro di un classico dell'Ottocento e restituisce tutto il fascino dei grandi viaggi, senza mai annoiare.L'aspetto più godibile è l'esplorazione del mondo claustrofobico della nave attraverso gli occhi un po' puerili del protagonista, affezionandosi a lui con un po' di indulgenza.

Scrivi una recensione